Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Sono i sistemi server con processore AMD e Intel, stando ai dati SIRMI, quelli che hanno spinto in zona positiva l'intero settore nel corso del 2014

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:31 nel canale Server e Workstation
IntelAMD
 

Il mercato dei sistemi server si è chiuso, a Dicembre 2014, con interessanti dati di crescita su base annuale per il territorio italiano. Il fatturato complessivo è stato pari a 467,3 milioni di Euro stando ai dati indicati da SIRMI, un valore in crescita dell'8% rispetto a quanto registrato nel corso del 2013.

A incidere in misura preponderante su questa crescita le vendite di sistemi server basati su architettura x86, abbinati quindi a processori Intel e AMD. Per questo segmento di mercato, capace di raccogliere circa 2/3 del totale del fatturato con vendite pari a poco meno di 311 milioni di Euro. Il settore dei server mainframe, Unix e basati su soluzioni proprietarie ha totalizzato vendite per 156,4 milioni di Euro, in calo del 7,3% rispetto al 2013 contro un incremento del 17,8% registrato dalle soluzioni x86.

Questi dati confermano una dinamica in atto da tempo, che vede le aziende sempre più interessate all'acquisto di server x86 di dimensioni contenute e costo accessibile da configurare in cluster oppure da abbinare a tecniche di virtualizzazione così da sfruttare al meglio tutta la potenza di calcolo a disposizione. I sistemi di fascia più alta continuano a venir venduti ma è evidente come in molti scenari di utilizzo si preferisca adottare più server x86 in parallelo che avvalersi di una singola soluzione più grande e ben più costosa.

Dinamica altrettanto positiva anche per il mercato delle soluzioni storage, cresciute in media del 2,6% su base annuale nel corso del 2014. Il controvalore di mercato è pari a 474,6 milioni di Euro, diviso tra i 294,4 milioni delle soluzioni di storage hardware (incremento dell'1,6% rispetto al 2013) e i 180,2 milioni delle proposte software (con crescita annuale del 4,5% in questo caso). Per il comparto hardware gli incrementi più consistenti sono quelli delle soluzioni di fascia alta online; le proposte off line sono di fatto invariate come controvalore mentre quelle di fascia bassa on line registrano una moderata contrazione.

Nel complesso server e storage evidenziano uno scenario, per il mercato italiano, che è stato nel corso del 2014 di buona crescita complessiva. Le aspettative per il 2015 sono altrettanto positive, pur se con l'immancabile prudenza che ha a buon ragione caratterizzato il modo di operare di un po' tutti i player del settore nel corso degli ultimi anni.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^