Sospeso lo sviluppo di Oracle per sistemi Itanium

Sospeso lo sviluppo di Oracle per sistemi Itanium

Oracle annuncia di aver sospeso lo sviluppo di nuove versioni del proprio database per piattaforme Itanium; tutto questo a favore di SPARC

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:53 nel canale Server e Workstation
 

Oracle ha annunciato l'intenzione di sospendere lo sviluppo delle versioni del proprio database Oracle compatibili con i sistemi basati su piattaforme Intel Itanium, basate su architettura IA64. L'azione è rivolta direttamente contro Intel e HP, le due aziende maggiormente impegnate nello sviluppo e commercializzazione di sistemi Itanium.

Il supporto ai clienti che hanno adottato Oracle in sistemi Itanium verrà ovviamente assicurato dall'azienda, stando a quanto pubblicato nel comunicato stampa. Quello che verrà a mancare è lo sviluppo di nuove future versioni del database per questa tipologia di piattaforma.

Oracle indica nel propri comunicato stampa una prevista ridotta durata residua sul mercato dei sistemi Itanium tra le motivazioni che hanno spinto a questa decisione. Intel e HP hanno smentito questa cosa, confermando come per entrambe le aziende la piattaforma Itanium sia destinata a continuare sviluppo e commercializzazione anche per gli anni a venire.

Vi sono due elementi di analisi da indicare che possono meglio spiegare questa situazione. La prima è il passaggio dell'ex CEO di HP, Mark Hurd, proprio all'interno di Oracle con un ruolo di responsabilità diretto per la divisione hardware. Non sembra molto legato ad un tradizionale rapporto di business ma questa scelta di Oracle potrebbe anche essere vista come una forma di rivincita verso HP, responsabile di fatto della commercializzazione della stragrande maggioranza dei sistemi Itanium.

In secondo luogo è da evidenziare come Oracle abbia integrato al proprio interno Sun; Oracle quindi fornisce sul mercato propri sistemi server, con le architetture SPARC sviluppate da Sun che vanno a posizionarsi proprio a diretta concorrenza con i sistemi Itanium. La piattaforma SPARC sta progressivamente perdendo interesse da parte del mercato, grazie alla forte crescita delle architetture x86 anche nei segmenti di fascia più alta: limitare in parte le vendite di Itanium rimuovendo lo sviluppo di Oracle per questa piattaforma può rappresentare per Oracle una nuova opportunità commerciale per i propri sistemi Sun basati su architettura SPARC.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bluknigth24 Marzo 2011, 10:17 #1
Conflitto di interessi?

Sinceramente l'acquisizione di Sun da parte di Oracle si sta dimostrando una delle peggiori catastrofi informatiche.

Sta mettendo i bastoni tra le ruote (se non tra le gambe..) a tutti.
Tedturb024 Marzo 2011, 11:06 #2
Originariamente inviato da: Bluknigth
Conflitto di interessi?

Sinceramente l'acquisizione di Sun da parte di Oracle si sta dimostrando una delle peggiori catastrofi informatiche.

Sta mettendo i bastoni tra le ruote (se non tra le gambe..) a tutti.


quotone
bfg900024 Marzo 2011, 11:49 #3
Secondo me il vero motivo è spingere la vendita di sistemi EXADATA, non c'entra nulla l'arrivo di Mark Hurd, o vendere più sistemi SPARC (che anche senza acquisizione di SUN era una tecnoligia che andava a morire lo stesso)...
alexdal24 Marzo 2011, 15:26 #4
Naturalmente essendo una aziendo <> Microsoft

e
Fare il Monopolista con Linux tra i piedi rendera' felici tutti i ragazzini scemi.

Tutti a scrivere scemenze contro la MS ma tra Apple/IBM/Facebook/Oracle/ la societa' di Bill Gates e' piccolissima
!fazz24 Marzo 2011, 16:59 #5
Originariamente inviato da: alexdal
Naturalmente essendo una aziendo <> Microsoft

e
Fare il Monopolista con Linux tra i piedi rendera' felici tutti i ragazzini scemi.

Tutti a scrivere scemenze contro la MS ma tra Apple/IBM/Facebook/Oracle/ la societa' di Bill Gates e' piccolissima


spero proprio che tu stia scherzando

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^