Sossaman: processori Yonah per server

Sossaman: processori Yonah per server

Le cpu Yohan, evoluzione dual core dei sistemi Pentium M, sono base delle nuove piattaforme server biprocessore di Intel

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:49 nel canale Server e Workstation
Intel
 

L'aggiornatissimo Akiba PC ha pubblicato, a questo indirizzo, alcune informazioni sui sistemi Dual Xeon basati su processori Sossaman.

Queso nome in codice indica i processori Xeon basati su architettura Yonah, soluzione dual core a basso consumo che, come le immagini mostrano chiaramente, non richiede sistemi di raffreddamento particolarmente complessi.

Intel ha mostrato i primi sistemi Sossaman lo scorso mese di Agosto, in concomitanza con l'IDF di San Francisco.

nssa1.jpg

nssa2.jpg

nssa3.jpg

Il sistema raffigurato in queste immagini vede l'utilizzo di due processori Xeon Sossaman, che il sistema operativo indica come Dual Pentium M con frequenza di clock di 2 GHz. Trattandosi di architretture dual core, vengono riportati 4 processori dal sistema operativo.

Il sistema di raffreddamento adottato è molti piccolo, dal volume paragonabile a quello di un dissipatore per north bridge del chipset. La scheda madre è una tipica soluzione per sistemi server, con Slot PCI a 64bit e PCI-X oltre a uno Slot per controller SCSI Raid.

Quello utilizzato è il modello X6DLP-4G2 di Supermicro, basato su chipset E7520 (Lindenhurst). Ulteriori informazioni su questa scheda madre sono disponibili sul sito Supermicro, a questo indirizzo.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
thegiox10 Febbraio 2006, 11:59 #1
quindi 2 dual core=4 processori, con HT diventano 8 logici?
carino
Cecco BS10 Febbraio 2006, 12:01 #2
non penso che HT sarà abilitato su questi processori... cmq bella bestia!
Fx10 Febbraio 2006, 12:08 #3
non è che non è abilitato, non c'è proprio, perchè non ha senso: l'HT nasce per riempire meglio le lunghe pipeline del pentium 4 (in soldoni è una pezza, che va a coprire il buco dell'inefficienza intrinseca dovuta all'elevato numero di stadi), ma in CPU efficienti e con pipeline relativamente corte come gli AMD64 o i Pentium M (e derivati) di Intel la cosa semplicemente non ha senso... anzi, probabilmente sarebbe solo controproducente: nel pentium 4 lo è in alcuni casi, in una CPU con pipeline corte probabilmente lo sarebbe pressochè sempre
Matrixbob10 Febbraio 2006, 12:18 #4
Bella macchina non c'è che dire.
benotto10 Febbraio 2006, 12:19 #5
Finalmente un sistema di raffreddamento ragionevole!
Si era proprio perso il senso della misura.

Credo che di questi ne venderanno a tonnellate e si ritroveranno con magazzini pieni di vecchi Xeon netburst e di ventoloni enormi e rumorosissimi...
Lucrezio10 Febbraio 2006, 12:20 #6
Avete visto che ventoline minuscole
thegiox10 Febbraio 2006, 12:43 #7
Originariamente inviato da: benotto
Finalmente un sistema di raffreddamento ragionevole!
Si era proprio perso il senso della misura.

Credo che di questi ne venderanno a tonnellate e si ritroveranno con magazzini pieni di vecchi Xeon netburst e di ventoloni enormi e rumorosissimi...

i netburst quali erano?
io ho due xeon 1600 ULV che vanno passivi a 2100...
liviux10 Febbraio 2006, 12:48 #8
Se lo HyperThreading ha avuto un merito, è stato quello di spingere con molto anticipo gli sviluppatori a produrre software multithreaded del quale si avvantaggeranno ora le CPU multicore. Questo genere di transizioni non avviene in pochi mesi, e lo HT ha dato un incentivo a muoversi in questa direzione (o almeno a considerarlo) almeno un anno prima dell'arrivo dei dualcore reali.
Dreadnought10 Febbraio 2006, 13:01 #9
L'HT nello yonah non lo mettono perchè le unità di esecuzione sono poche e non puoi parallelizzare più di tanto, poi in ogni caso l'HT farebbe consumare troppo, sono tutti transistor sempre attivi.
Dreadnought10 Febbraio 2006, 13:02 #10
i netburst quali erano?
io ho due xeon 1600 ULV che vanno passivi a 2100...

Si e assieme hanno le prestazioni di un A64 3000+?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^