Thomas Seifert nuovo Chief Financial Officer per AMD

Thomas Seifert nuovo Chief Financial Officer per AMD

AMD annuncia un cambio ai vertici, nominando Thomas Seifert nuovo CFO della compagnia. Seifert ha ricoperto la stessa posizione in Qimonda

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:38 nel canale Server e Workstation
AMD
 

Con una mossa a sorpresa AMD ha annunciato nel corso dei giorni passati la nomina di Thomas Seifert come nuovo Chief Financial Officer della compagnia. Prima di AMD Seifert ha ricoperto il ruolo di CFO presso Qimonda, il produttore di memorie DRAM finito in bancarotta. Seifert va a prendere il posto di Robert Rivet che è stato precedentemente promosso assumendo il ruolo di chief operation and administrative officer.

Dirk Meyer, CEO di AMD, ha dichiarato: "Thomas è un veterano dell'industria con talento, con una salutare conoscenza ed un esperienza nella gestione delle operazioni e delle finanze delle compagnie nei più difficili e competitivi settori dell'industria semiconduttori. La sua conoscenza e l'esperienza gli daranno modo di rafforzare ulteriormente la fondazione finanziara di AMD e aiuteranno ad accelerare la nostra trasformazione in un product design marketing leader".

Immediatamente prima di entrare a far parte di AMD, Seifert è stato impiegato presso Qimonda come Chief Operative Officer e CFO, dove ha condotto la formazione e la seguente Offerta Pubblica Iniziale della compagnia, rimanendo al suo posto sino alla dichiarazione di bancarotta. Prima di Qimonda Seifert ha ricoperto il ruolo di senior vice president e general manager nel Wireline Business Group di Infineon AG. Ha inoltre ricoperto altri ruoli dirigenziali a Siemens AG, a Qhite Oak Semiconductor e ad Altis Semiconductor, una joint venture nata da IBM e Siemens Semiconductor nel 1992.

Non è prassi che una posizione come quella di CFO venga assegnata ad un altro personaggio durante una crisi economica globale. Tra le ragioni di questa scelta vi potrebbero essere gli annunci relativi ai risultati del terzo trimestre fiscale, che potrebbero essere inferiori a quanto precedentemente stimato.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Motenai7809 Ottobre 2009, 15:04 #1
Non ho studiato economia ma se la società fosse mia non prenderei l'ex Chief Financial Officer di una società finita in bancarotta! -.-
(non che debba esser nececessariamene co-responsabile della bancarotta dell'ex-azienda, ma quantomeno a livello d'immagine "non è che sia il massimo"

Attendo che chi studia (abbia studiato) economia ci delucidi sulla mossa.
Barra09 Ottobre 2009, 15:22 #2
come non quotarti. Uno che viene da un fallimento dovrebbe andare a zappare la terra.

Le colpe sono sempre dei dirigenti perchè PRENDONO UN SACCO DI SOLDI per fare delle scelte giuste.
que va je faire09 Ottobre 2009, 16:47 #3
si bè il valzer delle poltrone è un altro espediente per cercare di ripristinare la fiducia del mercato nella società cmq non bisogna dare addosso a priori ai manager finiti in bancarotta. appunto per il principio del valzer delle poltrone, un cfo potrebbe non averci nulla a che fare con i fattori che hanno portato la società al collasso, anche se non mi pare questo il caso in oggetto visto che dall'articolo stò tizio pare abbia occupato la posizione a lungo.
Ren09 Ottobre 2009, 17:34 #4
Un CFO si occupa dei soldi e della contabilità. (un ragioniere molto evoluto)
In genere, non prende decisioni strategiche sul tipo di prodotti e servizi da offrire, a meno che non ci sia una forte rilevanza finanziaria.

Si occupa dei modi di approvvigionamento del denaro, le forme societarie da scegliere,partecipazioni azionarie,rischi di cambio, parte della revisione contabile ecc..

In poche si ha bisogno del suo operato quando si devono spendere soldi,reperire risorse e gestire gli aspetti finanziario/contabili e giuridici della società.

Non ho studiato economia ma se la società fosse mia non prenderei l'ex Chief Financial Officer di una società finita in bancarotta! -.-
(non che debba esser nececessariamene co-responsabile della bancarotta dell'ex-azienda, ma quantomeno a livello d'immagine "non è che sia il massimo"


Le procedure di liquidazione di una società sono molto complesse, infatti necessitano di grandi esperti. Un uomo che ha esperienza in tal senso non è di certo un allocco...
nudo_conlemani_inTasca09 Ottobre 2009, 19:16 #5
Minkia che notizia.. un'azienda va in bancarotta e quelli che l'hanno portata allo sfascio li assume AMD?

Faccio finta di non averlo letto questo artico.. boh.
moddingpark09 Ottobre 2009, 20:34 #6
Ma guardate che il fatto che Qimonda sia finita in bancarotta non significa che era un'azienda che ha gestito male il proprio patrimonio o ha cercato di fregare azionisti e utenti... Anzi, tra i produttori di DRAM era forse quello che lavorava meglio...
E' stato un peccato che la crisi e la recessione l'abbia trascinata nel baratro e nessun'altro sia stato interessato a recuperare l'intera azienda.

E ora quelli che lavoravano lì cercano lavoro dove possono e, da parte di AMD, quella di scegliere Seifert è stata solo una scelta oculata.
netcrusher09 Ottobre 2009, 21:27 #7

speriamo non fallisca amd

speriamo che sto seifer o come madosca si chiama non faccia fallire anche la nostra cara amd altrimenti lo vado a prendere a calci in kulo fin sotto casa.....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^