Torrenza Technology: coprocessori e acceleratori per sistemi server

Torrenza Technology: coprocessori e acceleratori per sistemi server

A dispetto del nome, si tratta di una tecnologia particolarmente interessante: più acceleratori, ad esempio coprocessori, collegati direttamente alla cpu via HyperTransport

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:47 nel canale Server e Workstation
 

I nomi scelti dalle aziende americane per indicare nuove tecnologie o prodotti sono spesso alquanto curiosi. "Centrino" fa decisamente sorridere la prima volta che viene letto, mentre "Duron" ha un inequivocabile rimando a sfondo sessuale. Quello "Torrenza", nuovo termine introdotto nella giornata di ieri da AMD nel corso del proprio Technology Analysts Day, anche se non ha un'attinenza diretta con termini italiani non sembra avere un "appeal" di quelli che trascinano le folle.

Fortunatamente, questo nome indica una serie di tecnologie particolarmente interessanti che AMD introdurrà all'interno delle proprie architetture server.

torrenza_slide.jpg (35632 bytes)

Torrenza è all'atto pratico una architettura cosiddetta aperta, nella quale le future generazioni di processori Opteron potranno essere collegati direttamente a quelli che AMD definisce "accelerators".

Di cosa si tratta? Di particolari componenti che mirano a velocizzare l'esecuzione di calcoli o compiti specifici, nei quali una singola architettura x86 per quanto complessa come le future cpu AMD K8L non potrebbe portare ad ottenere risultati prestazionali sufficientemente elevati.

Un esempio pratico potrebbe essere quello di utilizzare differenti coprocessori montati nel sistema in diretta connessione con i processori Opteron, dedicati all'esecuzione di specifici ambiti di applicazioni. Uno specifico acceleratore potrebbe anche essere montato nello stesso package con processori Opteron, oppure addirittura all'interno del Die del processore in un processo d'integrazione particolarmente spinto.

Alla base di Torrenza troviamo l'utilizzo del protocollo HyperTransport per il collegamento delle varie periferiche tra di loro, processore, chipset e accelerators. HyperTransport permette di bilanciare questo flusso di dati con una ridotta latenza di accesso tra le varie periferiche.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor02 Giugno 2006, 09:00 #1
hanno inventato l'overdrive!

scherzi a parte, processori "specifici" capaci di fare determinati compiti non solo velocizzano le operazioni, ma alleggeriscono il processore principale per consentirgli di fare altre cose...

bisogna vedere però 1) quanto consumeranno in più questi Torrenza e 2) se avrà senso questo upgrade rispetto all'impiego di processori più performanti...
Redvex02 Giugno 2006, 09:30 #2
Mi sembra di rivedere la storia del coprocessore matematico
giopro02 Giugno 2006, 09:33 #3
Forse arriveremo al punto che avremo un coprocessore o processore dedicato per qualsiasi componente; uno per le connessioni PCI, uno per le connessioni PCEx, uno per velocizzare le connessioni con la ram, ecc.

Sembra, ultimamente, che processori e gpu non abbiano più la potenza necessaria per fare il loro dovere: coprocessori per la fisica in ambito video e adesso questi accelleratori

Se sono effettivamente utili lo vedremo.

Ciao
W4rfoX02 Giugno 2006, 10:21 #4
Hehhehehe.. corsi e ricorsi. Mi sembrano le architetture dei primi anni 80 adattatte alle tecnologie odierne.. Amiga insegna.
ally02 Giugno 2006, 10:42 #5
...ciao...

...se non sbaglio IBM già monta coprocessori dedicati (zAAP IFL e zIIP) per sollevare la cpu dal carco di esecuzione di determinate tipologie di programmi e linguaggi...

...ciao...
May8102 Giugno 2006, 10:44 #6
Ottimo, ricordo la presentazione poco tempo fa di una scheda PCI-X per processori intel dedicata ai calcoli FP composta da due SPU (specific purpose unit) in grado ognuna di generare 50 GFLOPS di potenza grazie a 50 processori risc ottimizzati. Ebbene quella scheda era l'deale sia per calcoli fisici, matematici e vettoriali (es matlab) velocizzando di molto le prestazioni dell'intero PC e riducendo i consumi in quanto la cpu intel era meno sfruttata (la scheda consumava circa 20w).
Rubberick02 Giugno 2006, 10:48 #7
Vogliamo l'ht2, bus + ampio e processori general purpose + potenti... i coprocessori matematici sono roba vecchia... meglio un quad core che un dual + core... al max far si che uno dei 4 core ha una alu appositamente preparata per gestire meglio calcoli di natura matematica...
XMieleX02 Giugno 2006, 11:00 #8

Secondo me torrenza..

É una flautolenza torinese!

Utilità dubbia, ma se si può integrare nel Die allora potrebbe avere un futuro, si tratta solo di svilupparla parallelamente alle nuove cpu e migliorare il processo produttivo..
Ci sono un sacco di campi come fisica e biologia molecolare a cui fa comodo semplificare e alleggerire i calcoli, e visto che i computer quantistici parlano ancora poco le università trarrebbero grande beneficio da ogni piccolo miglioramento portato da tecnologie come questa!
MaxArt02 Giugno 2006, 12:03 #9
Contiamo che si tratta anche di processori specifici per server, non per desktop. E' chiaro che sono mirati ad una certa nicchia, e ho idea che saranno anche piuttosto apprezzati.
ste7805 Giugno 2006, 00:01 #10
Come diceva giustamente MaxArt si tratta di architetture per sistemi server. Sta proprio qui il punto: i server possono avere i più svariati compiti a seconda dell'applicazione che si vuol far girare. Per determinati ambiti la tecnologia x86 è un enorme collo di bottiglia, ma d'altronde è anche la più economica!
Esistono già acceleratori dedicati per alcuni compiti. In generale sono schede esterne, come ad esempio alcuni acceleratori per calcoli crittografici. Certo portano incementi prestazionali, ma volete mettere con la possibilità di collegarli direttamente a cpu e chipset con bus HT?!?
Oltretutto il principale vantaggio di questa architettura sta nella modularità!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^