Un nuovo responsabile del data center Apple

Un nuovo responsabile del data center Apple

Apple continua le sue operazioni per migliorare e rendere sempre più appetibili i propri servizi cloud. Ecco allora arrivare l'assunzione di un nuovo responsabile del data center

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 10:30 nel canale Server e Workstation
Apple
 

Scott Noteboom è il nuovo responsabile dei data center Apple: il personaggio, che dal 2005 si è fatto carico della gestione della infrastruttura di Yahoo, è ora entrato a far parte nella nota azienda di Cupertino. Come è possibile osservare sulla sua pagina di Linkedin, a questo indirizzo, Noteboom è ora un "distinguished gentlman" in Apple e lascia la sua posizione di VP del data center Yahoo.

Scott Noteboom ha giocato un ruolo di fondamentale importanza durante l'espansione del data center Yahoo. All'interno dell'azienda si è occupato di seguire le operazioni di costruzione che hanno portato all'espansione di 10 volte il data center Yahoo, consentendo il supporto di centinaia di migliaia di servizi e utenti. Tra i compiti assolti dal personaggio sono presenti tutti gli aspetti del ciclo vitale di un data center, dal design alla costruzione. Questo quanto si legge nella descrizione di Noteboom:

"Scott Noteboom serves as Yahoo!’s Head of Global Data Center Infrastructure. Since joining Yahoo! in 2005, he has served as chief design architect and a founder of the company’s data center self construct / operate initiatives. He also managed over 10x growth of the companies data center / compute operating footprint, leading teams that installed and support multi hundred thousand hosts. Scott’s duties include managing all aspects of the data center lifecycle– from design, construction, operations, to de-commissions."

L'arrivo del nuovo personaggio non deve sorprendere: Apple ha deciso, con l'introduzione delle nuove versioni dei sistemi operativi, di puntare molto sulle proprie funzioni cloud. Apple ha speso di recente quasi un miliardo di dollari per il proprio nuovo data center in North Carolina, assumendo importanti operatori del settore.

Sono stati in molti ad aver incontrato, durante l'aggiornamento dei propri terminali iPhone alla versione iOS 5, problemi legati al raggiungimento dei server: l'infrastruttura Apple è sembrata avere qualche intoppo nella gestione del grande numero di richieste simultanee.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
patanfrana24 Ottobre 2011, 11:25 #1
Ma non avevano assunto giusto ad aprile l'ex responsabile dei data center Microsoft, Kevin Timmons?

L'han già fatto fuori?
The_misterious24 Ottobre 2011, 11:31 #2
oppure devono aprire così tanti datacenter che una sola persona a "gestire" non basta più...

guardate i soldi che sta facendo Amazon con il cloud...
Rubberick24 Ottobre 2011, 11:43 #3
Il successo del cloud di apple sarà tutto dato da quanto lo renderanno brillante e scintillante agli occhi degli utenti...

è un prodotto che va spiegato e fatto vedere quanto è figo all'utenza apple, non sono tutti specialisti dell'it
AlexSwitch24 Ottobre 2011, 13:19 #4
Ma è proprio per gli utenti comuni che è stato creato iCloud, il " figo " c'incastra poco o nulla; forse si è troppo " presuntuosi " per capire che chi usa uno smartphone non deve lavorare per forza nel mondo IT o essere un nerd, geek e compagnia bella??!!
The_misterious24 Ottobre 2011, 14:19 #5
quello che farà la differenza (non ho avuto modo di testare iCloud perchè ho Snow Leopard e iPhone 3G) è l'integrazione delle app con il cloud. (e non parlo del mero spazio di storage)
(IH)Patriota24 Ottobre 2011, 14:43 #6
C'è un evidente problema di spazio con iCloud.

Solitamente più i tagli di storage online più sono grandi e meno costano, dropbox lavora pressoché con lo stesso costo al Gb (10$ 50Gb , 20$ 100Gb)

Con iCloud i costi sono:

15Gb/anno 16€ (1.06€/gb)

25Gb/anno 32€ (1.28€/gb)

50Gb/anno 80€ (1.60€/gb)

Evidentemente per "cominciare" è più conveniente il taglio più piccolo, gli altri al momento sono svantaggiati.Una volta che poi iTunes on the air sarà disponibile in tutti i paesi la richiesta di spazio subirà un'impennata e devo prepararsi per tempo..
The_misterious24 Ottobre 2011, 14:57 #7
Originariamente inviato da: (IH)Patriota
C'è un evidente problema di spazio con iCloud.

Solitamente più i tagli di storage online più sono grandi e meno costano, dropbox lavora pressoché con lo stesso costo al Gb (10$ 50Gb , 20$ 100Gb)

Con iCloud i costi sono:

15Gb/anno 16€ (1.06€/gb)

25Gb/anno 32€ (1.28€/gb)

50Gb/anno 80€ (1.60€/gb)

Evidentemente per "cominciare" è più conveniente il taglio più piccolo, gli altri al momento sono svantaggiati.Una volta che poi iTunes on the air sarà disponibile in tutti i paesi la richiesta di spazio subirà un'impennata e devo prepararsi per tempo..


la musica non è compresa nel conteggio dei gb
Okiya24 Ottobre 2011, 16:49 #8
Originariamente inviato da: The_misterious
la musica non è compresa nel conteggio dei gb


5Gb restano pochi, almeno per me.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^