Antitrust UE: sistema operativo preinstallato nel mirino

Antitrust UE: sistema operativo preinstallato nel mirino

Un gruppo di esperti invita l'organismo Antitrust dell' UE ad occuparsi del ben noto problema relativo al sistema operativo preinstallato sui pc e all'obbligo di acquisto di una licenza Microsoft Windows

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:44 nel canale Software
MicrosoftWindows
 

Come ampiamente previsto, la recente sentenza del Tribunale di Primo Grado dell' UE che, lo ricordiamo, ha condannato Microsoft al pagamento di 497 milioni di Euro, avrà ulteriori sviluppi e continua ad alimentare non poche polemiche.

Il Globalisation Institute, gruppo di esperti con sede a Bruxelles, ha recentemente consegnato alla commissione antitrust dell'Unione Europea un nuovo documento (pdf) che, ancora una volta, vede Microsoft coinvolta. In questa occasione viene sottoposto all'Unione Europea il ben noto problema della scelta di un pc senza l'obbligo di acquistare anche la licenza di Microsoft Windows.

Un problema vecchio di anni, potrà eccepire qualcuno, ma oggi tale argomento diventa di sicura attualità considerando le parole dello stesso commissario antitrust UE  Neelie Kroes che ha dichiarato come uno dei propri obiettivi principali quello di far scendere il market share di Microsoft, prossimo al 95%.

In merito alla già citata sentenza venne più volte ricordato che il pagamento della multa era solo uno dei provvedimenti a cui Microsoft è chiamata ad ottemperare: altre iniziative volte a garantire ad esempio l'interoperabilità o la possibilità di integrazione con software di terzi dovranno essere concretizzate dalla casa di Redmond.

Il gruppo di esperti del Globalisation Institute pone la propria attenzione su Microsoft Windows e sulle scarse opportunità lasciate all'utente di scegliere tra tale sistema operativo preinstallato o altre soluzioni alternative. E' bene sottolineare che in questa circostanza non sia in atto una campagna anti-Microsoft: a essere al centro dell'attenzione è la libertà di scelta lasciata all'utente che, eventualmente, potrà optare in modo consapevole per l'installazione di Windows.

Il Globalisation Institute ha anche proposto varie alternative come ad esempio l'obbligo di offrire agli utenti la stessa soluzione hardware con più alternative di sistema operativo o la ben nota procedura di rimborso. Queste opzioni vengono però giudicate problematiche e concretamente irrealizzabili.

Secondo il citato gruppo di esperti l'unica soluzione praticabile sarebbe quella di imporre la vendita separata di pc e di sistema operativo: in tal modo l'utente ha la massima libertà di scelta e la completa trasparenza in merito al costo di un sistema. Come riporta anche Arstechnica.com, la soluzione proposta è valida solo in un mondo ideale infatti, escludendo il solito gruppo di power user, è lecito domandarsi quanti utenti abbiano voglia e siano in grado di installarsi autonomamente il sistema operativo.

Probabilmente la possibilità di scelta creerebbe nuove opportunità di business e, forse, potrebbero anche rendersi disponibili sistemi operativi veramente di facile installazione. Purtroppo il quadro attuale è ben diverso e, ad esempio, Dell distribuisce una propria versione di Ubuntu Linux contenente tutte le patch necessarie al funzionamento dei propri pc. Ricordiamo che proprio il produttore americano è stato uno dei primi a credere in questo tipo di iniziative, infatti, Dell propone Ubuntu Linux su alcuni modelli Inspiron. Tale iniziativa è il seguito di una vera e propria richiesta proveniente dall'utenza: attraverso un apposito blog venne chiesto a Dell di proporre pc con Linux e, in seguito a un sondaggio, venne scelto Ubuntu Linux.

Anche altri costruttori interpellati in merito alla possibilità di scelta del sistema operativo preinstallato  non hanno segnalato alcuna preclusione: se dovesse crearsi una massa critica di utenti che richiedono tali opzioni l'iniziativa di Dell è destinata a essere replicata. In dubbiamente il procedimento Build to Order facilita Dell in questo ambito, infatti, i competitor che devono gestire un modello di vendita indiretto si vedono costretti a risolvere enormi problemi logistici.

Considerando impraticabile l'opzione che prevede l'installazione del sistema operativo direttamente a cura dell'utente, i vari costruttori di pc dovrebbero fornire la medesima soluzione hardware preconfigurata con differenti sistemi operativi. Questa condizione implicherebbe anche nuove e più complicate casistiche legate al supporto tecnico da fornire all'utenza.

Indubbiamente il problema della libertà di scelta merita di essere salvaguardato e vanno trovate soluzioni tali che garantiscano all'utente la possibilità di effettuare un acquisto consapevole, scegleindo un pc con sistema operativo Microsoft o alternativo. Va altresì rilevato che è inimmaginabile pensare di poter delegare all'utente finale l'installazione del sistema operativo attuale ma, forse, qualche provvedimento della Commissione Antitrust UE potrebbe stimolare i vari vendor nello sviluppo di nuove soluzioni capaci di risolvere il problema.

399 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
riuzasan25 Settembre 2007, 14:47 #1
Sarebbe quasi ora.
Wolfgang Grimmer25 Settembre 2007, 14:47 #2
Originariamente inviato da: riuzasan
Sarebbe quasi ora.


*
aaaaa5625 Settembre 2007, 14:50 #4
tempi duri per microsoft
markenforcer25 Settembre 2007, 14:57 #5
Purtroppo non credo che siano tempi duri per microsoft. L'utenza media (cioè almeno il 70%) non è assolutamente in grado di installare un OS e tanto meno drivers. Immaginateveli a combattere con una shell di linux...
La potenza di Windows è tutta lì: facilità di utilizzo.

Anche se faranno pc con OS a scelta, questa ricadrà sempre su Windows.
Paganetor25 Settembre 2007, 15:00 #6
sì, poi a quelli poco pratici di computer lo andate a installare voi windows o linux? se lo fai fare a qualche tecnico, ti lippa via 300 euro tra SO e instalazione...

dai, capisco che non sia giusto avere SOLO win installato, ma bisogna anche dare la possibilità a chi non è capace di avere un sistema già configurato e funzionante...
Sgt.Pepper8925 Settembre 2007, 15:01 #7
Originariamente inviato da: markenforcer
Purtroppo non credo che siano tempi duri per microsoft. L'utenza media (cioè almeno il 70%) non è assolutamente in grado di installare un OS e tanto meno drivers. Immaginateveli a combattere con una shell di linux...
La potenza di Windows è tutta lì: facilità di utilizzo.

Anche se faranno pc con OS a scelta, questa ricadrà sempre su Windows.


Ma anche no
Se ti danno l'opzione ubuntu perfettamente configurato a 50 euro in meno voglio vedere cosa scegli. Con ubuntu hai gia openoffice, firefox e un saco di altri programmi. Giusto oggi una mia amica mi ha detto che ha installato Ubuntu sul suo portatile e che si trova benissimo. E non è un'esperta di computer, è una di quelle persone che non sanno quasi che Internet Explorer è un browser e non è "internet".
Crisa...25 Settembre 2007, 15:05 #8
il problema secondo me non e' windows preinstallato

il problema che la gente non sa che quando compra un pc o un portatile, sta pagando anche la licenza oem in quel caso

il 90% delle persone crede che "gli e' stato regalato col pc" cosa che non e' vera


quindi una buona soluzione e' scorporare il prezzo dell'hardware da quello del sistema operativo e l'obbligo per i produttori di vendere anche la versione senza nulla installato
Paganetor25 Settembre 2007, 15:05 #9
altra cosa: ma è MS che IMPONE ai costruttori di avere il proprio SO installato o sono scelte dei rivenditori? perchè nel secondo caso, bisogna prendersela con chi installa il software senza dare la possibilità all'utente di scegliere...

anche perchè a me tempo fa si è cremato un PC con licenza di win 2000 e ne ho comprato uno nuovo con su XP... tecnicamente avrei potuto prenderlo senza SO e installarci la vecchia licenza di win 2000
ilsensine25 Settembre 2007, 15:05 #10
Originariamente inviato da: markenforcer
Purtroppo non credo che siano tempi duri per microsoft. L'utenza media (cioè almeno il 70%) non è assolutamente in grado di installare un OS e tanto meno drivers. Immaginateveli a combattere con una shell di linux....

Nessuno vuole obbligare nessuno a installarsi i sistemi operativi a mano. Vorrei però entrare in un qualsiasi negozio di informatica e comprare il computer che preferisco, come fanno tutti, senza essere obbligato a pagare del sofware che non userò mai.
Chiedo troppo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^