Babelgum, un progetto italiano sfida Joost

Babelgum, un progetto italiano sfida Joost

Babelgum è il progetto italiano ideato da Silvio Scaglia, fondatore di Fastweb, che intende sfidare Joost. Entro marzo verrà distribuita la prima beta pubblica del player

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 18:01 nel canale Software
Fastweb
 

Babelgum è il nome di un'iniziativa tutta italiana legata al nuovo scenario dell'entertainment legato a internet. Il progetto è capitanato da un nome illustre per il mercato ICT infatti Silvio Scaglia, patron dell'iniziativa, è il fondatore di Fastweb.

Il progetto pare avere radici lontane infatti il dominio Babelgum.com risulta registrato fin dal 2005, ma fino a pochi mesi fa ben poco si sapeva dell'iniziativa e, almeno all'apparenza, si ha l'impressione che negli ultimi tempi gli sviluppatori stiano cercando di bruciare le tappe.

Una recente intervista di Silvio Scaglia rilasciata a Reuters rivela la possibilità del rilascio di una beta pubblica per fine marzo mentre in aprile il progetto dovrebbe essere presentato ufficialmente.

I rivali di Babelgum.com sono ovviamente individuabili tra le fila di Joost.com (ex Venice Project) ma, stando alle dichiarazioni di Scaglia, anche altri nomi importanti potrebbero essere interessati a questo business emergente.

L'obiettivo finale di Babelgum, Joost e simili è quello di portare sul display del pc i contenuti tipicamente fruibili attraverso gli usatissimi network televisivi ma, ovviamente, il dispositivo informatico offrirebbe indubbi vantaggi legati alla flessibilità. Babelgum.com è un progetto che guarda oltre i confini nazionali e intende attuarsi non in un brevissimo tempo. I promotori dell'iniziativa ritengono che tale soluzione potrebbe divenire profittevole non prima di due anni, un tempo necessario anche per realizzare un adeguato contesto di advertising.

Presupposto fondamentale per questo business è la disponibilità di connessione a larga banda diffusa e l'orizzonte temporale di due anni, si spera, dovrebbe aiutare a migliorare l'attuale situazione. In questo periodo anche altri progetti simili potrebbero nascere e aiuteranno indubbiamente a diffondere la notorietà di queste nuove tecnologie. E' quindi opportuno inserire Babelgum.com tra i propri bookmark e controllare costantemente la homepage del progetto.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Drakogian07 Marzo 2007, 18:23 #1
[I][COLOR="Blue"]"...... Presupposto fondamentale per questo business è la disponibilità di connessione a larga banda diffusa e l'orizzonte temporale di due anni, si spera, dovrebbe aiutare a migliorare l'attuale situazione...."[/COLOR][/I]

Dubito che in due anni si possa passare dalla situazione disastrosa della banda larga in Italia (sia come qualità che come prezzo) ad una situazione favorevole a queste iniziative legate alla televisione su internet.
atomo3707 Marzo 2007, 21:16 #2
io con la mia adsl cheapnet che quando va bene va a 10KBs al secondo al massimo posso vedere 3 minuti di filmati di Utube scaricati in 15 minuti ))
jpjcssource07 Marzo 2007, 21:23 #3
Originariamente inviato da: atomo37
io con la mia adsl cheapnet che quando va bene va a 10KBs al secondo al massimo posso vedere 3 minuti di filmati di Utube scaricati in 15 minuti ))


Praticamente andresti più veloce con una ISDN, spero che almeno costi poco vista la qualità a dir poco mediocre.
dhjorik07 Marzo 2007, 23:17 #4
www.e-nss.biz
La societa' e' attiva dal 2002.
Tanto clamore per un prodotto gia' esistente da anni?
Sig.Baldi07 Marzo 2007, 23:55 #5
Per Mac ancora niente mentre Joost sembra essere vicina ad una release ufficiale...STRAFIGO vedermi tutti quei contenuti when-where-how-what I want!
BOICOTTIAMO LA TV non voglio più pagare canoni e abbonamenti per un servizio fallito...Sanremo, La Vita in Diretta, Mia Nonna tra le Stelle...
Eraser|8508 Marzo 2007, 02:12 #6
il canone rai si paga se possiedi dispositivi ATTI o ADATTABILI alla ricezione di segnale televisivo.. quindi anche se tu non avessi la TV, ti resta sempre il PC e il telefonino umts ( a patto che tu ce l'abbia ) che ti costringerebbero a pagare il canone...

questo per legge.. .. poi si sà ..
Fos08 Marzo 2007, 04:35 #7
Originariamente inviato da: Eraser|85
il canone rai si paga se possiedi dispositivi ATTI o ADATTABILI alla ricezione di segnale televisivo.. quindi anche se tu non avessi la TV, ti resta sempre il PC e il telefonino umts ( a patto che tu ce l'abbia ) che ti costringerebbero a pagare il canone...

questo per legge.. .. poi si sà ..
Negativo... il PC deve avere la scheda TV e il cellulare non fa testo (come potrebbe )...
Firedraw08 Marzo 2007, 06:55 #8
se chiudono la rai e mi tolgono il canone mi fanno un favore..... 100 e passa € buttati l'anno.
cmarchetti08 Marzo 2007, 07:00 #9
Spiacenti, mi sono già informato, non deve AVERE la scheda TV ma essere solo predisposto al suo alloggiamento, ovvero un qualsivoglia PC con uno slot libero o una porta USB libera DEVE pagare il canone.

Zob.
Fos08 Marzo 2007, 09:04 #10
Originariamente inviato da: cmarchetti
Spiacenti, mi sono già informato, non deve AVERE la scheda TV ma essere solo predisposto al suo alloggiamento, ovvero un qualsivoglia PC con uno slot libero o una porta USB libera DEVE pagare il canone.
Negativo 2... ti sei informato male, o meglio: questo è quello che vogliono farti credere...

Guardacaso ho trovato un articolo eloquente (da Punto-Informatico [08/02/2007]), ne cito le conclusioni:


Come difendersi

1. Prima di tutto, non è necessaria alcuna dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Basta una lettera raccomandata in cui si dichiara di non avere la tv. Quello della RAI è solo un tentativo di sfiancare il cittadino e costringerlo a pagare per stanchezza.

2. Contrariamente a cio' che dice la RAI, il canone/tassa lo si deve pagare solo per il possesso della televisione o di un computer con scheda Tv (ovvero, dove vi sia una scheda che permette l'allaccio diretto dell'antenna tv al computer). Ignorare pertanto la richiesta per il possesso di un computer solo perchè connesso ad internet, di un videofonino, et similia.

3. Se la lettera della RAI è stata recapitata per posta ordinaria, si puo' ignorarla.

4. Se la richiesta dell'atto di notorietà giungesse per raccomandata, rispondere con una diffida.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^