Berners-Lee: una fondazione per salvaguardare il Web

Berners-Lee: una fondazione per salvaguardare il Web

Grazie ad uno dei padri del Web nasce la World Wide Web Foundation, un'associazione creata allo scopo di portare i benefici della rete a tutte le popolazioni del mondo, oltre che a favorirne lo sviluppo aperto

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 16:23 nel canale Software
 

Lo scorso 14 settembre, in occasione di una conferenza sulla libera circolazione dell'informazione tenutasi al Newseum di Washington, D.C., Tim Berners-Lee ha annunciato che nel corso dei prossimi mesi prenderà vita la World Wide Web Foundation, un'organizzazione che si prefigge di favorire lo sviluppo aperto della rete, espanderne le capacità ed estenderla a tutte le popolazioni del mondo.

"Il Web è una straordinaria piattaforma per l'innovazione, ma ci sono ancora molte difficoltà da superare per renderlo più usabile", ha dichiarato Berners-Lee. "Con questa iniziativa speriamo di sviluppare un ecosistema internazionale che aiuterà a dare forma al Web del futuro. Un web aperto a tutti ed utile a tutti".

La World Wide Web Foundation ha già ricevuto una donazione di 5 milioni di dollari da parte della Knight Foundation. Questi soldi verranno in parte utilizzati per coprire i costi dell'iniziale campagna per la raccolta di fondi, con la quale Berners-Lee spera di raccogliere circa 100 milioni di dollari da utilizzare in futuro per il finanziamento di nuovi progetti per il Web.

Attualmente la fondazione è ancora in una fase iniziale e sarà guidata da Steve Bratt, attuale CEO del World Wide Web Consortium (W3C). La World Wide Web Foundation inizierà a muovere i primi passi nel corso dei primi mesi del prossimo anno, e dovrebbe entrare a pieno regime verso la metà del 2009, quando Bratt lascerà la sua posizione nel W3C per dedicarsi esclusivamente alla fondazione.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
magilvia16 Settembre 2008, 16:35 #1
Beh forse ormai è il caso, con tutte le pressioni che stanno facendo sui provider per il controllo del traffico e con tutte le censure varie.
tommy78116 Settembre 2008, 16:47 #2
è solo una manovra economica...in america le "donazioni" sono deducibili...poi vai a controllare se i soldi tornano al mittente o meno....
82screamy16 Settembre 2008, 18:25 #3
La World Wide Web Foundation ha già ricevuto una donazione di 5 milioni di dollari da parte della Knight Foundation


...e magari li ha consegnati Michael Knight in persona a bordo di K.I.T.T.
JC_RainbowSix16 Settembre 2008, 19:41 #4
Originariamente inviato da: 82screamy
...e magari li ha consegnati Michael Knight in persona a bordo di K.I.T.T.


GENIALE!!!!!!!!
Ogni volta che leggo "la Fondazione" non posso non pensare al camion nero col cavallo, al monitor con Devon e tutte quelle amenità che mi appassionavano un tempo

in effetti anche KITT era "Knight Industries Three Thousand"... sempre avanti quelli della Knight, ovvio che oggi puntino sul web
Micene.116 Settembre 2008, 21:38 #5
volevo comprarmi un driv 2.5 portatile usb..ma leggendo sta notizia penso che faccio prima a prendermi una penna capiente
GT8216 Settembre 2008, 23:56 #6
Visti i venti che soffiano contro l'unico canale di comunicazione ancora veramente libero e soprattutto disinteressato, dove l'ombra lunga delle lobbies non vede l'ora di arrivare, di qui in avanti di fondazioni di questo tipo ce ne sarà bisogno...

magari poche ma grandi e quindi con un certo peso, insomma poche ma buone
Kanon17 Settembre 2008, 09:17 #7

WWWF

Dopo il WWF per la salvaguardia degli animali, il WWWF per la salvaguardia di Internet...
100 milioni di dollari da utilizzare in futuro per il finanziamento di nuovi progetti per il Web.

Direi che sono spiccioli in confronto a quanto investono Microsoft, Google e gli altri per spingere nella direzione diametralmente opposta...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^