Ecco le motivazioni del crash di Skype

Ecco le motivazioni del crash di Skype

Skype ha diffuso una nota che spiega le ragioni del crash di qualche giorno fa

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 16:42 nel canale Software
Skype
 

Qualche giorno fa il ben noto network Skype ha avuto notevoli problemi di funzionamento: per parecchie ore gran parte delle funzionalità non sono state disponibili e solo una minima aliquota di utenti ha potuto parzialmente accedere ai servizi. Inizialmente vennero fatte le ipotesi più catastrofiche ma nella giornata di ieri Skype ha svelato il mistero offrendo una descrizione dell'accaduto sul blog ufficiale.

In estrema sintesi il crash del network è stato causato da un elevato numero di pc che in un ristretto intervallo di tempo hanno effettuato il login a Skype. Questa circostanza sarebbe da imputare alla disponibilità di nuovi aggiornamenti Microsoft per i quali era previsto il restart del sistema operativo.

In realtà Skype avrebbe dovuto funzionare ugualmente, infatti, un apposito algoritmo rileva costantemente il carico del network e in caso di situazioni critiche effettua le opportune operazioni. proprio tale algoritmo non ha funzionato a dovere e il risultato catastrofico è stato più che evidente.

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MadMax of Nine21 Agosto 2007, 16:50 #1
Magari hanno un celeron D come loginserver
sam_8821 Agosto 2007, 16:55 #2
L'algoritmo non avrà funzionato. Ma Microsoft fa del suo: assurdo che gli aggiornamenti riavviino in automatico i pc (vedasi i problemi causati ai server per questi riavvii: interruzione di backup notturni, deframmentazioni, scansioni rete,...).
Dreadnought21 Agosto 2007, 16:56 #3
basta disabilitare gli update automatici...
Jopi21 Agosto 2007, 17:03 #4
Originariamente inviato da: sam_88
L'algoritmo non avrà funzionato. Ma Microsoft fa del suo: assurdo che gli aggiornamenti riavviino in automatico i pc (vedasi i problemi causati ai server per questi riavvii: interruzione di backup notturni, deframmentazioni, scansioni rete,...).


problemi causati a quali servers scusa?
Se l'aggiornamento e' di tipo critico, mi pare il minimo che ti faccia riavviare la macchina SOPRATTUTTO se tu non sei presente. In ogni caso sei TU, utente, ad aver attivato il download e l'installazione automatica degli aggiornamenti... non Microsoft il distruggitore.
mbah
Mde7921 Agosto 2007, 17:25 #5
Originariamente inviato da: Jopi
problemi causati a quali servers scusa?
Se l'aggiornamento e' di tipo critico, mi pare il minimo che ti faccia riavviare la macchina SOPRATTUTTO se tu non sei presente. In ogni caso sei TU, utente, ad aver attivato il download e l'installazione automatica degli aggiornamenti... non Microsoft il distruggitore.
mbah


l'installazione automatica è una comodità, chiedere ogni 2 minuti se si vuole riavviare oppure riavviare automaticamente è una rottura di scatole che di solito comporta che molti attivano solo il download automatico e installano gli aggiornamenti prima di spegnere il PC.
Non poter impedire il riavvio è una colpa di MS.
T_M_P21 Agosto 2007, 17:28 #6
@sam_88

Perchè prima di parlare non vi documentate sulla cosa??? Non è difficile, è un argomento abbastanza facile e di cui esistono migliaia di documenti..
urmanf21 Agosto 2007, 17:29 #7

Fihata!

Quanti sono i nodi centrali di una rete come skype?
afterburner21 Agosto 2007, 17:31 #8
Nel !bene o nel male Microsoft c'entra sempre ...
T_M_P21 Agosto 2007, 17:31 #9
@Mde79

Certo, se tu gestisci i server come il PC, potresti avere delle rotture, ma si SUPPONE che se stai gestendo una rete, tu sappia che cosa sono le GPO, attraverso le quali puoi traquillamente settare come meglio credi le impostazioni dell'aggiornamento automatico.

Se poi parli solo dei PC, ci vogliono 3 click per modificare le impostazioni ed evitare la richiesta di riavvio.
Nockmaar21 Agosto 2007, 17:32 #10
Delirio puro.

Quando ho letto la notizia su /., a parte il sorriso che m' hanno fare quelli di Skype, ci fosse stato un utente d' accordo con questa analisi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^