Gmail diventerà illegale in Germania?

Gmail diventerà illegale in Germania?

Una nuova legge tedesca minaccia il servizio mail di Google: le modalità di registrazione al servizio non offrono una sufficiente tracciabilità dell'utente

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 11:30 nel canale Software
Google
 

Gmail di Google potrebbe chiudere in Germania, questo in sintesi il destinino del servizio di posta elettronica qualora venisse approvata una nuova legge. Stando a quanto riportato da Newlaunches.com, a partire da inizio 2008 il servizio offerto da Google non sarebbe più conforme alla normativa tedesca e, quindi, o vengono apportate correzioni oppure Gmail in Germania non potrà essere utilizzato.

Anche Google, per voce di Peter Fleischer, conferma la circostanza affermando che la potenziale chiusura del servizio sarebbe legata all'inasprimento della normativa relativa all'obbligo di fornire dati anagrafici all'atto dell'iscrizione. Anche i servizi di anonymizing verranno messi al bando.

Nel mirino delle autorità tedesche non sarà solo internet, infatti, anche il mondo della telefonia mobile sarà coinvolto in questa piccola rivoluzione: ogni chiamata e ogni sms verrà tracciato, sarà memorizzata anche la posizione geografica da cui il servizio è stato utilizzato, con l'obbligo di mantenere tali dati per almeno 6 mesi.

Se tale normativa entrerà in vigore con le modalità appena descritte, non solo Google dovrà adeguarsi: anche altri provider che attualmente consentono la registrazione più o meno anonima ai propri servizi dovrebbero rivedere pesantemente i propri regolamenti.

La questione, riportata anche da Slashdot.com, è destinata a generare non poche polemiche: ancora una volta sembra difficile individuare il giusto compromesso tra tutela della privacy e accesso ai dati personali per motivi di ordine pubblico. Alcune fonti identificano in Google un paladino della privacy poichè, appunto, permette iscrizioni ai propri servizi senza troppe credenziali. E' bene ricordare che proprio il colosso di Mountain View, varie volte, è stato al centro di parecchie polemiche relative proprio alle modalità di gestione e indicizzazione dei dati personali conservati sui propri server.

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DevilsAdvocate25 Giugno 2007, 11:36 #1
Wow, tra la morte dell'anonimato in Germania, e la definitiva morte della pirateria software grazie a Microsoft (ok, l'originale che ho linkato è di 3 giorni fa, ma qua in Italia l'han postata solo oggi)
oggi è sicuramente una giornata densa di notizie quantomeno controverse....
Puddus25 Giugno 2007, 11:38 #2
Complimenti...
A quando il codice a barre sulla nuca e il chip per il controllo neurale?
Sent3nza25 Giugno 2007, 11:40 #3
Tra breve vorranno sapere quanti punti neri abbiamo addosso... CHE SCHIFO
Mister2425 Giugno 2007, 11:46 #4
Non si capisce il motivo per cui se la prendano nello specifico con google, quando esistono tanti altri siti che offrono indirizzi email o servizi equivalenti (yahoo, msn ... ).
Qui si va verso la messa al bando di internet, perché è impossibile dare i propri dati ogni volta che devo registrarmi presso un sito come può essere un forum o una chat.
giok8525 Giugno 2007, 11:48 #5
Eh già,il grande fratello...la privacy...poi ci lamentiamo quando ci spammano da e-mail fantasma, ci fregano su e**y con dati inesistenti,però le mail le mandano (grazie all'anonimato)...minacce...insulti...phishing...

La solita storia,tutti contro tutto,finchè non ci tocca personalmente, poi tutti a dire che è vergognoso!

Bha...scusate,ma per usufruire di un mezzo in grado di danneggiare il prossimo (sia anche in modo leggero come lo spam) ci vuole la rintracciabilità.

Tra poco vedremo gente lamentarsi perchè non vuole dare i dati all'agenzia di viaggi dove prenota la vacanza...

Ipocrisia a livelli stellari

CIAUZ
Motosauro25 Giugno 2007, 11:48 #6
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Wow, tra la morte dell'anonimato in Germania, e la definitiva morte della pirateria software grazie a Microsoft (ok, l'originale che ho linkato è di 3 giorni fa, ma qua in Italia l'han postata solo oggi)
oggi è sicuramente una giornata densa di notizie quantomeno controverse....


L'anonimato on-line è sempre stata una grande chimera e per quanto riguarda il brevetto MicroSoft che hai linkato, ma come faranno a mettere il loro watermark in tutti i pacchetti della mia Gentoo?
Babidi25 Giugno 2007, 11:51 #7
Originariamente inviato da: Puddus
Complimenti...
A quando il codice a barre sulla nuca e il chip per il controllo neurale?


Temo molto presto.......

CHE SCHIFO!
NicoMcKiry25 Giugno 2007, 11:55 #8
quoto Giok85. E' giusto che internet venga "disinfestata" da gente che non fa altro che fare phishing, mandare spam, virus ecc... per punire chi fa queste cose, è necessario rintracciarlo e quindi qualche cosa andrà fatta in questo senso. Poi, se nessuno ha nulla da nascondere, perchè gli dovrebbe dar fastidio essere tracciato se manda un sms da internet, se manda una mail ecc?
viscm25 Giugno 2007, 11:56 #9
Secondo me il vero scandalo di questa legge , almeno da come si legge su questa news, non è il maggior numero di dati richiesti per l'iscrizione a Gmail,ma la parte sui cellulari.
Vi rendete conto che verranno registrate e mantenute x sei mesi tutte le telefonate che uno farà?e per di più verrà tracciata anche la posizione geografica!
Questo è il vero scandalo e non il fatto di dover dare anche l'indirizzo di residenza quando ti iscrivi a Gmail
Mietzsche25 Giugno 2007, 11:57 #10
Politici ignoranti come al solito. Cosa fanno oscurano in tutta la Germania mail.google.com? Non sanno che basta un proxy e ci si arriva lo stesso?
Per fortuna internet è l'unica cosa veramente Globale!
Anacronismo puro!
Cmq anche Google, per ora è interessato solo alla privacy del "generico utente" internet, gli frega poco di sapere dove abita, gli basta conoscere quale pubblicità propinargli.
Quando invece qualche servizio segrato comincerà a pagare google, vedrete allora come si informeranno meglio!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^