Il cloud computing al centro delle nuove strategie di Google e IBM

Il cloud computing al centro delle nuove strategie di Google e IBM

Google e IBM uniranno le proprie forze per offrire nuovi servizi a consumatori e aziende, puntando su un modello di business basato sul cloud computing e Linux

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 08:41 nel canale Software
GoogleIBM
 

Google e IBM, due delle più importanti compagnie del mondo IT, hanno annunciato che collaboreranno per sviluppare congiuntamente una rete basata sul cloud computing attraverso la quale fornire a consumatori e aziende qualsiasi tipo di servizio online.

Il cloud computing è un nuovo modo di concepire la gestione e l'utilizzo delle risorse, su cui Google e IBM hanno improntato lo sviluppo di un nuovo modello di business. Le risorse informatiche vengono messe a disposizione dell’azienda o del consumatore in modo virtuale, indipendentemente dal luogo fisico in cui risiedono, e solo quando vi è necessità.

Il cloud computing consente di interconnettere un insieme eterogeneo di macchine sparse per il globo terrestre al fine di sfruttare al meglio le risorse, a differenza del grid computing che, nonostante abbia finalità simili, prevede il collegamento di sistemi omogenei e concentrati in una singola locazione.ha

Nel corso del prossimo anno Google e IBM realizzeranno una rete a copertura mondiale di server Linux-based virtualizzati con le tecnologie Xen e basate su Apache Hadoop, un framework open source per applicazioni distribuite ispirato al file system di Google.

Le due compagnie credono molto nelle potenzialità offerte da questo nuovo tipo di soluzioni ed hanno già proposto diversi servizi basati su questa tecnologia: Google ad esempio ha sfruttato il cloud computing per proporre il noto servizio di posta Gmail, mentre IBM, grazie a questo sistema, è riuscita lo scorso febbraio 2008 a risolvere i problemi di costi e ottimizzazione delle software house cinesi del distretto industriale di Wuxi.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Eraser|8513 Maggio 2008, 09:13 #1
sti qui han la testa... fra le nuvole
AleLinuxBSD13 Maggio 2008, 11:12 #2
Penso che questo genere di servizi, per quanto a seconda di come saranno sviluppati abbiamo potenzialità, siano rivolti solo a grosse industrie o distretti (agli utenti finali potrà venire qualcosa ma solo indirettamente).

Parlando in ambito italiano non prevedo ricadute, neanche indirette, sugli utenti finali data la situazione in cui versa il nostro Paese al livello di banda larga e di vastissime aree non raggiunte da questo servizio.
Banus13 Maggio 2008, 12:13 #3
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Penso che questo genere di servizi, per quanto a seconda di come saranno sviluppati abbiamo potenzialità, siano rivolti solo a grosse industrie o distretti (agli utenti finali potrà venire qualcosa ma solo indirettamente).

La mia impressione invece è che siano dirette a piccole e medie imprese, perché permette di offrire loro un'architettura complessa (che non potrebbero permettersi) guadagnando grazie a economie di scala e bilanciamento del carico.
Le grandi imprese possono invece essere fornitori di questo tipo di servizi (vedi Amazon con S3).

IBM sta già esplorando il terreno con progetti come Kittyhawk e Google con iniziative come Google App Engine.
Jon_Snow13 Maggio 2008, 13:25 #4
Io ho lavorato in ambiente di Griglie (in particolare sotto il middleware Globus Toolkit) e non mi è assolutamente chiara la differenza con questo cloud computing.

a differenza del grid computing che, nonostante abbia finalità simili, [U]prevede il collegamento di sistemi omogenei e concentrati in una singola locazione[/U].


Ma anche no.... Probabilmente la fonte che ha dato la notizia ad HWU non ha le idee chiare...
Amiga 50014 Maggio 2008, 16:21 #5
La differenza è minima e viene riportata nella Wikipedia

"Il termine Cloud computing si differenzia da Grid computing che è un paradigma orientato al calcolo distribuito, e in generale, richiede che le applicazioni siano progettate in modo specifico."

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^