Intel risponde alla UE: "Abbiamo operato a favore del consumatore"

Intel risponde alla UE: Abbiamo operato a favore del consumatore

Dopo lo "Statement of Objection" inviato dalla Commissione Europea ad Intel, il colosso di Santa Clara dichiara di aver operato correttamente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:38 nel canale Software
Intel
 

Nei giorni scorsi la Commissione Europea ha inviato uno Statement of Objections ad Intel, con l'accusa di aver operato in modo non corretto sul mercato per escludere i propri rivali (uno solo, in realtà, AMD).

Intel ha risposto a queste accuse, dichiarando di aver operato "legalmente, a favore della competitività e a tutto vantaggio dei consumatori". Bruce Sewell, Senior Vice-President e general counsel di Intel, ha dichiarato: "Avremmo certamente preferito evitare le spese e il disturbo di dover dimostrare che la nostra condotta sul mercato Europeo è corretta, ma la decisione della Commissione Europea ci da modo di rispondere alle accuse portate avanti dal nostro principale concorrente".

Intel ha quindi sottolineato che la Commissione Europea si è mossa solamente a seguito delle lamentele di AMD e non per un malcontento sorto "dal basso", ovvero dai consumatori. AMD ha favorevolmente accolto la mossa dell'Unione Europea, asserendo che i consumatori avranno ora modo di venire a conoscenza del fatto che i propri diritti sono stati sacrificati sull'altare del monopolio.

Intel, come già annunciato, ha ora 10 settimane di tempo per dimostrare la propria innocenza. In caso contrario si profila all'orizzonte una sanzione da ben 3 miliardi di Euro

Fonte: Arstechnica

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
enjoymarco30 Luglio 2007, 10:42 #1
"a favore della competitività"

questa non l'ho proprio capita
Aegon30 Luglio 2007, 10:43 #2
Che str%&"!$£, AMD dovrebbe pensare a fare sana competizione anzicchè ricorrere agli avvocati -.-
Gunny3530 Luglio 2007, 10:44 #3
Della competitività dei Pentium 4
anima.lamu30 Luglio 2007, 10:58 #4
ma di cosa sono accusati di grazia?

qualcuno ha link che riporti i dettagli dello statement?
Mparlav30 Luglio 2007, 11:04 #5
La Commissione si è mossa per le lamentale di Amd e non delle associazioni dei consumatori. Questo è interessante.

Cmq, staremo a vedere se Intel è colpevole o meno. Entro l'anno si saprà qualcosa.
angel11030 Luglio 2007, 11:04 #6
Intel è accusata di aver usato la propria posizione di mercato dominante, per sfavorire AMD io immagino sia andata così:
intel dice a propri distributori Dell Hp etc..
comprate solo da me niente AMD altrimenti vi alzo i miei prezzi.
Altro esempio ad un produttore di schede madri intel dice: non supportate AMD o con me o niente altrimenti non ti faccio gli stessi prezzi che faccio ad altri.. oppure ti faccio pagare il doppio delle royalties dei miei brevetti.. (visto che per intel registrare brevetti di qualunque tipo od utilità è uno sport) e così via chi ha più fantasia di me può fare altri esempi.
magilvia30 Luglio 2007, 11:13 #7
"legalmente, a favore della competitività e a tutto vantaggio dei consumatori"

Ovvio, infatti Intel è un'associazione di beneficenza no? Figurati se operavano per il loro tornaconto...
Ratatosk30 Luglio 2007, 11:14 #8
Tempo fa intel pagava le inserzioni pubblicitarie per i produttori che lavorassero in esclusiva con suoi prodotti (leggi niente processori AMD).

Non so se questo accade ancora ma basta vedersi un listino DELL per capire la situazione; basta provare a configurarsi un PE2950 (intel) o un 2970 (AMD) i quali sono lo stesso server su piattaforma diversa e nonostante questo presentano opzioni totalmente diverse (tipo per il 2970 le opzioni prevedono 2 HDD, per il 2950 ne prevedono fino a 8 :asd o a prezzi "strani" (le RAM DDR2 del 2970 costano stranamente di più delle notoriamente più costose FBD del 2950).

Provare per credere:

http://configure2.euro.dell.com/del...;sbc=pedge_2950
http://configure2.euro.dell.com/del...;sbc=pedge_2970
Pat7730 Luglio 2007, 11:16 #9
E' un po' nel dna di intel questo, basta vedere cosa è successo ai chipset ati che supportavano intel, mentre in amd vi è da sempre una mentalità più aperta, penso anche per una questione di dimensioni, se sei grande tendi a consolidare, se sei piccolo a erodere quote.
Pat7730 Luglio 2007, 11:21 #10
La Commissione si è mossa per le lamentale di Amd e non delle associazioni dei consumatori. Questo è interessante.


Sinceramente questa giustificazione la trovo assurda, se si parla di assemblatori e di pressioni sulla grande distribuzione come possono i consumatori accorgersene se non per la minor scelta, che poi è verificabile in molte realtà dove esiste solo intel in una sorta di monopolio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^