Internet of Things trasforma le aziende in software vendor

Internet of Things trasforma le aziende in software vendor

Tutte le realtà che in un modo o nell'altro avranno a che fare con IoT si scopriranno essere produttori di software con una nuova proprietà intellettuale da proteggere e valorizzare

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:01 nel canale Software
 

L'avvento di Internet of Things sta trasformando molte realtà manifatturiere e, in generale, molti produttori di "oggetti", in debuttanti software vendor che presto si renderanno conto di dover adottare soluzioni di gestione delle licenze e delle autorizzazioni (di seguito LEM - Licensing and Entitlement Management): lo spostamento del valore del prodotto dall'hardware al software che vi gira e l'applicazione di un'adeguata strategia di licensing permetterà di incrementare il potenziale di fatturato.

La società di analisi di mercato Gartner è chiara in questo: "IoT sta creando un nuovo tipo di software vendor per il quale LEM è vitale per proteggere, differenziare e monetizzare le offerte. Ci attendiamo che per il 2020 una mancata messa in opera di un sistema LEM possa portare ad un calo del 20% nel fatturato potenziale generato dal software per i produttori di dispositivi che si connettono a IoT".

Attualmente molti produttori di "oggetti" applicano una mentalità tradizionale ai loro prodotti e non considerano le opportunità di fatturato aggiuntivo portato dal software e dalle applicazioni controllate da licenze. Molte di queste compagnie sono software provider debuttanti, principalmente produttori di dispositivi e OEM che ora possono monetizzare il loro software tramite IoT, che rappresenta una grane opportunità di mercato. Gartner stima che una adeguata implementazione delle strategie di licensing possa portare a generare nei prossimi anni un fatturato aggiuntivo di quasi 130 miliardi di dollari.

IoT del resto rappresenterà un'occasione per molte realtà di trasformare il proprio business, portandole ad usare il software e a fare leva su di esso per differenziare le offerte di prodotto. Diventerà quindi indispensabile, con il software che diventa un asset di fondamentale valore, proteggere e valorizzare la proprietà intellettuale contenuta nelle applicazioni. L'adozione di sistemi LEM consente inoltre ai produttori di meglio rispondere alle esigenze del pubblico, anche alle eventuali nicchie e ai mercati specializzati, senza dover realizzare numerose varianti di uno stesso prodotto, ma semplicemente abilitandone via software determinate funzionalità. In altri termini tutto ciò si traduce in una riduzione dei costi di produzione e in una maggior capacità di personalizzare e localizzare i prodotti.

La maggior parte delle realtà manifatturiere e dei produttori di dispositivi attualmente non fa uso di strategie LEM per monetizzare le opportunità offerte da IoT, di norma perché storicamente non si sono mai trovate nella condizione di dover proteggere proprietà intellettuale di software. Queste realtà potrebbero decidere di implementare strategie costruite in-house, ma le mutevoli condizioni del mercato potrebbero velocemente imporre, soprattutto alle realtà di piccole dimensioni, l'adozione di soluzioni LEM commerciali.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^