L'ICANN avvia il passaggio ad IPv6

L'ICANN avvia il passaggio ad IPv6

Il primo passo per avviare la migrazione verso il nuovo protocollo è stato compiuto: l'ICANN ha aggiunto i record AAAA a sei dei suoi root server

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:34 nel canale Software
 

Qualche mese fa abbiamo pubblicato un focus con il quale abbiamo messo in luce quali siano i limiti, ormai di prossimo raggiungimento, del protocollo di indirizzamento IPv4 e come il passaggio alla generazione di protocollo successiva, IPv6, non dovrà essere rimandata a lungo.

Un primo passo è stato fatto, ad inizo settimana, dall'ICANN che ha per la prima volta aggiunto i record "AAAA" ai database di sei dei 13 root server, ovvero la rete che contiene i database che formano la master list di tutti i nomi di dominio di primo livello.

In questo modo, per la prima volta, un server DNS sarà in grado di fornire sia un indirizzo IPv4, sia un indirizzo IPv6 qualora il server TLD (top level domain) del dominio cui stiamo provando a collegarci dovesse esserne provvisto, ad esempio quello relativo ai domini .it o .com

Il passo compiuto dall'ICANN è molto importante, poiché prepara la strada per un progressivo e graduale affiancamento del nuovo sistema di protocollo a quello vecchio, in modo tale che il passaggio possa essere compiuto senza traumi.

Le tempistiche previste per la totale diffusione del protocollo IPv6 non sono comunque immediate: se da un lato è necessario avviare solidamente la migrazione entro il 2011 (anno nel quale il protocollo IPv4 potrebbe arrivare al collasso), il passaggio completo richiederà molto tempo e sarà terminato non prima del 2025.

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gionnico06 Febbraio 2008, 17:38 #1

A quando gli altri server?

Un passo fondamentale se uno non vuole ricordarsi a memoria l'IPv6 di un sito (che è tra l'altro più lungo degli IPv4).

Gli altri 7 server quando saranno aggiornati?

Si parla di .it, ma il DNS si trova al NIC di Pisa: li supporta già gli IPv6?
ExaByte06 Febbraio 2008, 18:04 #2
<quote>Le tempistiche previste per la totale diffusione del protocollo IPv6 non sono comunque immediate: se da un lato è necessario avviare solidamente la migrazione entro il 2011 (anno nel quale il protocollo IPv4 potrebbe arrivare al collasso), il passaggio completo richiederà molto tempo e sarà terminato non prima del 2025.</quote>

Di solito nel gergo informatico la parola "immediato" può al massimo esprimere mesi...ma 14 anni senza rete è un po' difficile da pensare!!!!
rgart06 Febbraio 2008, 18:05 #3
e se qualcuno spiegasse anche cosa sia stò iPv6 in parole povere gli direi anche grazie!!!

jokerellone06 Febbraio 2008, 18:09 #4
http://it.wikipedia.org/wiki/Ipv6

qui trovi tutto quello che riguarda l'ipv6 spiegato da gente comune senza troppi termin i tecnici ^^
Dumah Brazorf06 Febbraio 2008, 18:13 #5
Spero che Microsoft rilasci una patch per xp col supporto ipv6, visto che in molti non hanno la minima intenzione di passare a Vista.
re_romano_alex06 Febbraio 2008, 18:17 #6
Da qua fino al 2025 ... hai di quanti punti di vista cambieranno su Vista
MesserWolf06 Febbraio 2008, 18:28 #7
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Spero che Microsoft rilasci una patch per xp col supporto ipv6, visto che in molti non hanno la minima intenzione di passare a Vista.


anche sotto XP lo puoi installare l'ipv6 , certo vista ce l'ha già pronto e nativamente parla ipv6....
palmy06 Febbraio 2008, 18:48 #8
Originariamente inviato da: re_romano_alex
Da qua fino al 2025 ... hai di quanti punti di vista cambieranno su Vista


Mi sa che nel 2025 Vista sarà un ricordo sbiadito come ora lo è Win 3.1
MesserWolf06 Febbraio 2008, 19:00 #9
Originariamente inviato da: palmy
Mi sa che nel 2025 Vista sarà un ricordo sbiadito come ora lo è Win 3.1


lo spero , per quanto a me piaccia Vista (aspettando il service pack )... 18 anni di vista sarebbero davvero troppi
AMD64bit06 Febbraio 2008, 19:40 #10
il 2025? 18 anni?
Devono forse aspettare che l'ipv6 diventi maggiorenne?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^