Le informazioni digitali globali superano lo spazio di storage

Le informazioni digitali globali superano lo spazio di storage

Un'indagine di IDC rivela che per la prima volta nel 2007 abbiamo prodotto più informazioni digitali di quelle che potremmo salvare su supporto fisico. La situazione destinata a crescere esponenzialmente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:31 nel canale Software
 

IDC ha recentemente pubblicato i risultati di un'indagine sponsorizzata da EMC e focalizzata sull'impressionante crescita del volume delle informazioni digitali, evidenziando alcuni scenari piuttosto interessanti e, per certi versi, preoccupanti.

Secondo IDC il cosiddetto "universo digitale" è stimato essere di circa 281 exabyte, ovvero 281 miliardi di gigabyte. Questa quantità supererebbe lo spazio disponibile, a livello globale, per l'archiviazione su supporti fisici: per la prima volta produciamo più informazioni di quelle che potremmo effettivamente registrare e se il trend dovesse essere confermato su queste proporzioni, entro il 2011 più di metà delle informazioni digitali prodotte non potranno essere salvate su un supporto fisico.

Quanto rilevato potrebbe apparire come un controsenso, ma IDC va a precisare ulteriormente: nel computo sono infatti comprese quelle porzioni di informazione digitale che non vengono di norma conservate oppure quelle informazioni che vengono sovrascritte da altre più recenti: si pensi, nel primo caso, ai pacchetti di una comunicazione telefonica e, nel secondo caso, ai supporti delle registrazioni di sorveglianza che periodicamente vengono riutilizzati.

Tra le principali cause di questa rapida espansione della quantità di informazione digitale vi sarebbe l'altrettanto rapida proliferazione sul mercato di macchine digitali e videocamere basate su supporti di storage digitale: a titolo di esempio IDC rileva che solo il 10% di tutte le fotografie realizzate sono registrate su pellicola tradizionale.

L'analisi tuttavia si spinge oltre, mettendo in risalto un aspetto che spesso passa in secondo piano. Se si passa a considerare, infatti, la quantità di informazioni digitali giornaliere legate ad un singolo individuo, meno della metà di queste sono generate ed utilizzate attivamente dall'individuo. La restante parte è ciò che IDC chiama "ombra digitale": i dati relativi ad una transazione, le "tracce" lasciate sui vari server al momento della navigazione web, le immagini registrate da qualsivoglia telecamera di sorveglianza e via discorrendo.

IDC nota inoltre come l'espansione dell'universo digitale sia strettamente legata alle nuove tecnologie: più l'industria metterà a disposizione del pubblico modi sempre più facili per produrre e distribuire informazioni, tanto velocemente crescerà la mole di informazioni e con essa l'ombra digitale degli individui le eventuali minacce alla privacy di ognuno.

Il resoconto della ricerca è pubblicato integralmente a questo indirizzo.

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kralin14 Marzo 2008, 15:33 #1
ma qualcuno prende uno stipendio per queste indagini illuminanti?
bertogil14 Marzo 2008, 15:45 #2

???

Forse non ti rendi conto della difficoltà nel fare delle ricerche del genere e dell'importanza che rivestono!
Le previsioni statistiche di settore sono fondamentali per ovviare ai problemi prima di trovarcisi immersi fino al collo!
Tanto per fare un esempio (anche se in un altro ambito) 20 anni fa si parlava dell'effetto serra e tanta gente come te ci rideva sopra, e guarda come ci troviamo adesso...
Pensate un po' se all'interno dei mercati le informazioni su supporto digitale venissero improvvisamente cancella te per problemi di spazio oppure non potessero essere salvate in tempo reale per lo stasso motivo! Sai che bel casino?!?!
Non credo di dover aggiungere altro!
kuru14 Marzo 2008, 15:46 #3
credo mi servirà al più presto un HD da 1 exabyte
giaelo14 Marzo 2008, 15:46 #4
immagina un provider ke deve aggiornare i propri server, deve pur sapere l'andamento del mercato x poter progettare un'infrastruttura adeguata
giaelo14 Marzo 2008, 15:48 #5
il problema casomai è sulla qualità delle informazioni, almeno il 50% sarà spazzatura imho
kuru14 Marzo 2008, 15:50 #6
Originariamente inviato da: giaelo
il problema casomai è sulla qualità delle informazioni, almeno il 50% sarà spazzatura imho


hai ragione... se tutti postano due volte per dire una cosa invece di editare il msg precedente
scherzo ovviamente
Paganetor14 Marzo 2008, 15:55 #7
sì ok, ma hanno fatto il conto dei dati che "transitano" in rete più che dei dati che effettivamente vengono archiviati...
kaiharn14 Marzo 2008, 15:56 #8

cominciamo noi

a proposito di spazzatura da salvare:
pensate a quante volte vengono aggiunti 4 inutili caratteri ad un commento personale e cioè di propria e umile opinione.
Adreisci anche tu alla campagna:
NO more "IMHO" in my post!

il comitato per l'abolizione delle cose inutili.
Wilfrick14 Marzo 2008, 16:04 #9
A me sembra una stupidaggine calcolare i dati che vengono sovrascritti. Se sono sovrascritti non esistono più, pertanto non devono essere calcolati, inoltre non serve archiviarli, quindi non servono unità di storage. Anche io produco centinaia di giga di roba, ma non archivio in quanto ciò che mi serve sono poche decine di mega, quindi chi se ne frega se non ho la capacità di archiviare i giga??? Boh, non capisco cosa serva saperlo.
Felpeo14 Marzo 2008, 16:04 #10
scusate l'ignoranza: cosa significa "IMHO"?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^