Multa da 111 milioni di dollari agli autori di TorrentSpy

Multa da 111 milioni di dollari agli autori di TorrentSpy

Gli autori del sito TorrentSpy sono stati condannati a pagare una multa da 111 milioni di dollari per aver violato le leggi sul copyright. A nulla pare essere servita la preventiva chiusura del sito, avvenuta lo scorso 24 marzo

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 14:47 nel canale Software
 

Si è conclusa a favore della Motion Picture Association of America (MPAA) la causa legale a carico dei gestori di TorrentSpy, famoso motore di ricerca di file torrent. Il giudice della corte federale di Los Angeles Florence-Marie Cooper ha riconosciuto colpevoli di violazione di copyright gli autori di TorrentSpy e li ha condannati ad un risarcimento decisamente sostanzioso: 111 milioni di dollari.

Nello stabilire l'ammontare del risarcimento, il giudice ha deciso di tenere una linea inflessibile e di applicare il massimo della pena previsto dal Copyright Act: per ognuna delle 3699 infrazioni di copyright provate nel corso della causa, le major di Hollywood hanno ottenuto un risarcimento di 30.000 dollari, per un totale di circa 111 milioni di dollari.

TorrentSpy aveva tentato di calmare le acque decidendo per proprio conto di chiudere preventivamente il portale Web lo scorso 24 marzo, ma ciò non pare sia stato sufficiente a saziare la sete di giustizia di MPAA.

Dan Glickman, CEO dell'MPAA è apparso decisamente soddisfatto del verdetto della corte: "Il sostanzioso rimborso economico manda un forte messaggio circa l'illegalità di questi siti. La scomparsa di TorrentSpy è una chiara vittoria per gli studios e dimostra che questo genere di siti non sono autorizzati a continuare ad operare senza avere a che fare con i detentori dei rispettivi copyright".

La causa potrebbe tuttavia presentare ancora qualche altro colpo di scena: TorrentSpy ha infatti annunciato che potrebbe decidere di impugnare la sentenza del giudice e portare il caso all'attenzione della Corte d'Appello.

103 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
diegozzoRanozzo09 Maggio 2008, 14:58 #1
Mamma mia... colpirne uno per educarne cento! penso che tra qualche anno non potrò neppure fare 2 accordi di chitarra senza che qualcuno mi faccia causa per aver infranto qualche legge federale!
Mde7909 Maggio 2008, 15:02 #2
Certo certo è la libertà dell'utente a rischio, mica il problema è che tutti si scaricano illegalmente musica e film.
Kanym09 Maggio 2008, 15:10 #3
Ma per favore...
Asterion09 Maggio 2008, 15:14 #4
Dan Glickman, CEO dell'MPAA è apparso decisamente soddisfatto del verdetto della corte: "Il sostanzioso rimborso economico manda un forte messaggio circa l'illegalità di questi siti. La scomparsa di TorrentSpy è una chiara vittoria per gli studios e dimostra che questo genere di siti non sono autorizzati a continuare ad operare senza avere a che fare con i detentori dei rispettivi copyright".


Dan io ho tutto originale, stai tranquillo, da oggi comunque inizierò a comprare molto meno.
guyver09 Maggio 2008, 15:18 #5
io cerco di scaricare il meno possibile e di acquistare tutto originale..negli altri paesi non so come sia, ma in italia la situazione cd dvd è uno schifo... a volte trovi cd audio a 30 euro dvd singolo disco lo stesso..
forse sono un pò troppo cari??
se calassero della metà (leggi che la siae si facesse da parte, quella ladra, e pretendesse meno balzelli, ecc ecc) la pirateria non esisterebbe se non in minima parte...
DevilsAdvocate09 Maggio 2008, 15:22 #6
Piaccioni i nine inch nails?
L'ultimo album è stato messo creative common ed è perfettamente lecito
scaricarlo, quello che gli autori chiedono è solo di dargli l'indirizzo email
e fargli pubblicità....

Lo trovate a:
http://www.nin.com/
(sito ufficiale della band)
LZar09 Maggio 2008, 15:27 #7
Originariamente inviato da: Asterion
Dan io ho tutto originale, stai tranquillo, da oggi comunque inizierò a comprare molto meno.


Mi associo.
theory09 Maggio 2008, 15:29 #8
TorrentSpy aveva tentato di calmare le acque decidendo per proprio conto di chiudere preventivamente il portale Web lo scorso 24 marzo, ma ciò non pare sia stato sufficiente a saziare la sete di giustizia di MPAA.

certo certo, soprattutto di giustizia
Mde7909 Maggio 2008, 15:35 #9
Io non so dove comprate voi i cd ma a 30 Euro non li ho mai visti di solito stanno sui 20 che capisco che non è poco, però se uno non compra per forza le ultime uscite trova tantissima musica di ottima qualità a prezzi onesti.
Volendo ci sono un sacco di radio anche in streaming quindi ...
Non vorrei fare la morale perchè anche a me capita di scaricare della musica (film invece non più da anni) ma faccio il possibile per contribuire acquistando CD e andando ai concerti.
Il problema è che c'è troppa gente che scarica e basta e le nuove generazioni si stanno abituando troppo male.
Mafio09 Maggio 2008, 15:38 #10
che schifo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^