Oracle si vuole sbarazzare di Java EE e lasciarlo alla comunità

Oracle si vuole sbarazzare di Java EE e lasciarlo alla comunità

Oracle si è detta interessata a lasciare lo scettro di Java EE a una fondazione che prosegua lo sviluppo in maniera più aperta e agile, per meglio rispondere alle esigenze del mercato, dei clienti e degli sviluppatori.

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 14:01 nel canale Software
Oracle
 

Oracle ha annunciato l'intenzione di abdicare in favore di una fondazione nell'ambito della gestione di Java EE, la versione delle specifiche di Java dedicata al mondo aziendale. La decisione arriva dopo la valutazione da parte di Oracle e dei partner della situazione, che viene definita "non abbastanza agile, flessibile o aperta, in particolare se confrontata con altre comunità open source".

L'annuncio arriva dopo una lunga storia di progetti da cui Oracle si è ritirata dopo l'acquisizione di Sun: lo sviluppo di OpenSolaris è stato interrotto, lo stesso Solaris è andato incontro a un simile destino, OpenOffice è stato in larga parte chiuso alla comunità (con la conseguente nascita di LibreOffice e il successivo passaggio di OpenOffice alla Apache Foundation), i processori SPARC non sono più sviluppati e MySQL ha subito notevoli cambiamenti. L'annuncio non è, quindi, del tutto inaspettato.

Queste le parole nel comunicato affidato al blog aziendale:

Crediamo che cedere le tecnologie Java EE, incluse le implementazioni di riferimento e il kit di test della compatibilità, a una fondazione open source potrebbe essere il prossimo passo corretto da fare, in modo tale da poter adottare processi più agili, implementare uno schema di licenze più flessibile e cambiare il processo di governance. Abbiamo intenzione di esplorare questa possibilità con la comunità, i nostri licenziatari e molte fondazioni candidate [al ruolo] per vedere se possiamo far muovere Java in questa direzione in futuro.

Questa mossa potrebbe rivelarsi positiva per Java e per la comunità che vi ruota attorno, così come lo è stato per la comunità di LibreOffice. Difficile pronosticare al momento attuale l'impatto effettivo, però, senza maggiori informazioni sulla fondazione a cui il progetto verrebbe affidato.

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick21 Agosto 2017, 15:51 #1
Viene da domandarmi perchè hanno comprato Sun... sul serio :\ la lasciavano cosi' come stava..
Mr Resetti21 Agosto 2017, 15:55 #2
Incredibile come le grandi, enormi, aziende inglobino altre aziende per poi chiudere tutte le attività precedenti, come se non valessero nulla.
Sun non avrà avuto chissà quali prodotti per sopravvivere al mercato attuale, ma dubito che avrebbe dismesso tutte le attività che le avevano portato, comunque, fortuna.

In questi casi penso che la globalizzazione sia veramente un male. Si perdono le diversità e in molti casi anche l'innovazione.
Mizar7421 Agosto 2017, 16:02 #3
Ad Oracle l'acquisto di Sun serviva per fare causa a Google sulle API Java di Android e affossare MySQL eliminare un pericoloso concorrente nel mercato dei DB.
Dato che la causa miliardaria con Google sta girando male allora Oracle abbandona lo sviluppo di Java (così come ha fatto a suo tempo per OpenOffice) che si salvano solo grazie alla GPL (che col fork di MariaDB sta salvando anche MySQL).
Guardacaso ad OpenSolaris non è andata così bene.
AleLinuxBSD21 Agosto 2017, 16:28 #4
Speriamo bene ...

Se Oracle volesse invece soltando defilarsi da Java ..., mi pare scontato che Netbeans farebbe una brutta fine e questo non sarebbe affatto bello.
Bellaz8921 Agosto 2017, 16:43 #5
Chi lo sa..

Bene che sia rilasciato come free software.

Chissa' perche' se ne vogliono liberare. Magari si sono accorti che lo sviluppo web si sta spostando su altri lidi?

Servirebbe qualcuno del settore a dare la sua interpretazione.
melo8621 Agosto 2017, 16:55 #6
Attenzione, non stanno dismettendo Java, ma Java EE, che in pratica è una serie di librerie / prodotti da utilizzare in ambito enterprise (sviluppo lato server di applicativi molto complessi). Ci sono molte alternative abbastanza utilizzate, la principale penso sia Spring Framework (che è open source, più semplice da utilizzare secondo me, e che si evolve davvero in fretta)
Rubberick21 Agosto 2017, 17:48 #7
Di recente guardavo un video su ZFS fatto molto bene ma uploadato a 480p perchè non se ne trovava versione migliore, pare che dopo l'acquisizione fossero stati rimossi un bel pò di video correlati a sun
pabloski21 Agosto 2017, 18:43 #8
Originariamente inviato da: Rubberick
Viene da domandarmi perchè hanno comprato Sun... sul serio :\ la lasciavano cosi' come stava..


Stessa domanda che viene anche a me. Ma questi "geni" strapagati acquistano aziende senza avere la piu' pallida idea dell'uso che ne faranno? E poi gli diamo pure i bonus a sette zeri quando lasciano, dopo aver fatto fallire le aziende s'intende!

O forse hanno comprato Sun solo per far causa a Google?
pabloski21 Agosto 2017, 18:44 #9
Originariamente inviato da: melo86
Attenzione, non stanno dismettendo Java, ma Java EE, che in pratica è una serie di librerie / prodotti da utilizzare in ambito enterprise (sviluppo lato server di applicativi molto complessi).


Ma loro si chiamano Oracle, il loro target e' proprio il mondo enterprise. E poi Java al di fuori del mondo enterprise non e' che sia tanto diffuso. Ovviamente sto considerando Android Dalvik come un qualcosa di separato, soprattutto qualcosa che non porta soldi ad Oracle.

Dunque, eliminato Java EE, Oracle che vende?
Bellaz8921 Agosto 2017, 20:16 #10
Originariamente inviato da: pabloski
Ma loro si chiamano Oracle, il loro target e' proprio il mondo enterprise. E poi Java al di fuori del mondo enterprise non e' che sia tanto diffuso. Ovviamente sto considerando Android Dalvik come un qualcosa di separato, soprattutto qualcosa che non porta soldi ad Oracle.

Dunque, eliminato Java EE, Oracle che vende?


Il suo corpulento database?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^