Per le ONG e associazioni Non Profit Office 365 è gratis

Per le ONG e associazioni Non Profit Office 365 è gratis

Microsoft vara un programma destinato al Terzo Settore che offre gratis le funzionalità di Office 365 a ONG e associazioni Non Profit. Il programma è attivo già in 41 Paesi ma presto verrà esteso

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 16:11 nel canale Software
Microsoft
 

Microsoft rende disponibile Office 365 alle associazioni Non Profit e ONG in 41 Paesi del mondo e entro il prossimo mese di luglio tale numero salirà a ben 90 Paesi. L'obiettivo è quello di supportare in modo concreto il cosiddetto Terzo Settore con tecnologie attuali e adatte a svariati scenari in cui tali organizzazioni si trovano ad operare.

Microsoft vuole supportare tutte le organizzazioni Non Profit ad utilizzare la tecnologia più avanzata per essere in grado di aiutare ancora più persone e offrire un servizio più ampio alle persone più deboli. Il nostro primo obiettivo è quello di raggiungere 200 organizzazioni Non Profit  entro giugno, così che possano fungere  da stimolo e modello nei confronti degli altri  - commenta Roberta Cocco, Direttore Corporate Social Responsibility and National Development di Microsoft.

Nel proprio annuncio Microsoft indica che nel nostro Paese esiste una fitta rete di enti Non Profit con un'esperienza consolidata anche nella gestione di grandi emergenze internazionali. In queste realtà la componente volontaria è elevata e la dotazione di mezzi economici è chiaramente ridotta, quindi questi soggetti rappresentano un interessante target.

La proposta di Microsoft rappresenta un'opportunità in più per queste realtà che, seppur con i limiti dovuti ad altre componenti logistiche, potranno contare su alcuni elementi cardine del cloud che sono: facilità di amministrazione, flessibilità operativa, facilità di collaborazione e condivisione, oltre a una più semplice gestione della sicurezza dei dati.

Le organizzazioni Non Profit e ONG interessate all'implementazione di Microsoft Office 365 possono verificare i requisiti di idoneità e richiedere le donazioni a questo indirizzo.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
hexaae12 Settembre 2013, 01:15 #1
Qui ci vedo lo zampino della Bill & Melinda Gates Foundation...
Bivvoz12 Settembre 2013, 08:57 #2
Originariamente inviato da: hexaae
Qui ci vedo lo zampino della Bill & Melinda Gates Foundation...


Si, ma anche commercialmente è una buona mossa perché solitamente queste associazioni si appoggiano a suite office open source e questo in parte contribuisce a diffonderli.
recoil12 Settembre 2013, 09:11 #3
Originariamente inviato da: Bivvoz
Si, ma anche commercialmente è una buona mossa perché solitamente queste associazioni si appoggiano a suite office open source e questo in parte contribuisce a diffonderli.


esatto
non avrebbero comprato office in ogni caso, quindi non ci perdono niente
Bivvoz12 Settembre 2013, 09:14 #4
Originariamente inviato da: recoil
esatto
non avrebbero comprato office in ogni caso, quindi non ci perdono niente


Si ma oltre a quello fa pubblicità, ma soprattutto impedisce di fare pubblicità alle suite open source che rubano mercato a office
Real_Pick12 Settembre 2013, 12:19 #5
C'è anche l'Italia fra i 41 paesi, non me lo sarei mai aspettato
Bivvoz12 Settembre 2013, 12:24 #6
Originariamente inviato da: Real_Pick
C'è anche l'Italia fra i 41 paesi, non me lo sarei mai aspettato


Abbiamo una PA che spende quanto il resto di europa messo insieme e non è in grado di passare a libreoffice perché costerebbe troppo istruire quel branco di scimmie che costituiscono buona parte del personale statale.

Praticamente il paese dei balocchi per MS
jagemal13 Settembre 2013, 12:22 #7
pensavo che per la onlus di cui faccio parte potrebbe essere interessante

immagino che il loro obiettivo sia diffondere il più possibile i loro formati proprietari per arginare la diffusione dei formati aperti


potrebbe starmi anche bene ... quello che mi domandavo, però, visto che oramai stiamo spostando tutto sull'odf

qualcuno sa come Office 365 se la cava con quel formato?

o in alternativa, per quanto mi riguarda possono anche darci una licenza per ogni PC di cui disponiamo ... che io compri anche solo una copia per poter rimanere compatibile con l'associazione se lo possono pure scordare
Bivvoz13 Settembre 2013, 12:57 #8
Originariamente inviato da: jagemal
pensavo che per la onlus di cui faccio parte potrebbe essere interessante

immagino che il loro obiettivo sia diffondere il più possibile i loro formati proprietari per arginare la diffusione dei formati aperti


potrebbe starmi anche bene ... quello che mi domandavo, però, visto che oramai stiamo spostando tutto sull'odf

qualcuno sa come Office 365 se la cava con quel formato?

o in alternativa, per quanto mi riguarda possono anche darci una licenza per ogni PC di cui disponiamo ... che io compri anche solo una copia per poter rimanere compatibile con l'associazione se lo possono pure scordare


La tua situazione è proprio quella che vogliono evitare, la onlus passa a odf e quindi anche tu a casa e magari le aziende che lavorano con questa onlus.

Quindi credo ci sia qualche inghippo.
jagemal14 Settembre 2013, 14:56 #9
ma gli sarà facile capire che io non faccio comprare 70 licenze di office perché in ufficio ci hanno regalato un paio di office 365


se proprio vogliono usarci come cuneo pubblicitario devono regalarci licenze per tutti i nostri pc (io ho quello fisso e 2 portatili)


e comunque la legge ci sta imponendo l'uso di formati aperti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^