Posta Elettronica Certificata, due proposte da Register.it

Posta Elettronica Certificata, due proposte da Register.it

Il 30 giugno scade la normativa per imprese individuali e liberi professionisti. Register.it fotografa lo stato in Italia e attiva una nuova offerta

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:42 nel canale Software
 

Nei giorni scorsi Register.it, facente parte del Gruppo DADA e Gestore certificato dall’Agenzia per l’Italia Digitale per la fornitura della Posta Elettronica Certificata, ha rilasciato alcuni dati interessanti che tracciano la fotografia sullo stato della PEC in Italia.

I dati, riassunti nell'infografica più sotto, evidenziano come l'area Nord del paese guidi la diffusione dello strumento con il 69% delle caselle attivate nelle regioni Nord-Ovest e Nord-Est, mentre nel Centro e nel Sud Italia si registrano rispettivamente il 20% e l'11% di attivazione. E' la Lombardia, con il 34%, la regione a più alto tasso di attivazione di caselle PEC, seguita da Veneto e Lazio, entrambe con il 10%. Fanalino di coda in questa classifica sono Basilicata e Molise, con lo 0,23% e lo 0,13% di attivazioni. Il 72% di coloro i quali hanno attivato una casella PEC sono titolari di un nome a dominio e il 90% è anche titolare di partita IVA.

Il prossimo 30 giugno 2013 scade la normativa che impone l'obbligatorietà di una casella PEC per tutte le imprese individuali e per i professionisti iscritti al Registro delle Imprese. A fronte dello scenario tracciato dai dati presentati sopra, Register.it ha attivato un'offerta che ha lo scopo di promuovere e facilitare la diffusione di questo importante strumento di comunicazione.

Una parte dell'offerta è pensata per coloro i quali non dispongono di un dominio specifico: si tratta di PEC Agile, che permette di attivare una casella generica tramite il dominio esclusivo nomecasella@pec.net oppure scegliendo tra un’ampia gamma di indirizzi pensati per varie tipologie aziendali e categorie professionali - le aziende possono ad esempio scegliere tra @pec-ditta.it (.com) o @pec-società.it (.com) o ancora optare per @pec-legal.it (.com) per sottolineare il valore legale; i consulenti possono trovare la specifica estensione @pec-consulenti.it, mentre gli ordini professionali hanno varie opportunità di scelta quali per esempio @pec-architetti.it, @pec-avvocati.it, @pec-commercialisti.it, @pec-giornalisti.it, @pec-medici.it. L'offerta di Register.it si compone inoltre della proposta PEC Unica, rivolta a chi è proprietario di nome a dominio e mette a disposizione ampie possibilità di personalizzazione sulla base del numero di caselle e dello spazio di archiviazione necessario.

PEC Agile ha un costo di 2,08 euro al mese, più IVA, mentre PEC Unica ha un costo di 2,83 euro al mese, più IVA. Per le caselle PEC Agile e PEC Unica 3GB acquistate entro il 10 giugno 2013 e attivate entro il 30 giugno 2013, Register.it offre la possibilità di sottoscrivere gratuitamente le nuove soluzioni per i primi 12 mesi di utilizzo.

Register.it ha inoltre organizzato un workshop per il giorno 13 giugno 2013 focalizzato sulle modalità di attivazione e gestione della casella PEC, indirizzato a PMI e singoli professionisti. Maggiori informazioni sulle modalità di registrazione al workshop verranno pubblicate sul profilo Facebook di Register.it.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deggial06 Giugno 2013, 14:03 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.businessmagazine.it/news...erit_47319.html

Il 30 giugno scade la normativa per imprese individuali e liberi professionisti. Register.it fotografa lo stato in Italia e attiva una nuova offerta

Click sul link per visualizzare la notizia.


è un articolo divulgativo, o è pubblicità?
cmq ci sono altri servizi coi quali puoi avere una pec a 5€ all'anno... per quel che ce ne facciamo della pec, offre tutte le funzionalità che servono.

Io ho due caselle, una come libero professionista (aggratis, offerta dall'ordine degli ingegneri) e una come azienda (pagato sull'unghia 25€ per 5 anni, così non ci penso più, e mi è servita due o tre volte in tre anni.
Aenil06 Giugno 2013, 14:08 #2
Originariamente inviato da: deggial
è un articolo divulgativo, o è pubblicità?
cmq ci sono altri servizi coi quali puoi avere una pec a 5€ all'anno... per quel che ce ne facciamo della pec, offre tutte le funzionalità che servono.

Io ho due caselle, una come libero professionista (aggratis, offerta dall'ordine degli ingegneri) e una come azienda (pagato sull'unghia 25€ per 5 anni, così non ci penso più, e mi è servita due o tre volte in tre anni.


Beh oddio gratis, è sempre inclusa nella quota che paghiamo ogni anno all'ordine/collegio
deggial06 Giugno 2013, 14:20 #3
Originariamente inviato da: Aenil
Beh oddio gratis, è sempre inclusa nella quota che paghiamo ogni anno all'ordine/collegio


ma sì, dicevo così per dire...
anche perchè nella quota annuale, oltre alla pec e al mitico giornale dell'ingegnere, non mi sembra che ci siano altri vantaggi inclusi!
Aenil06 Giugno 2013, 14:27 #4
Originariamente inviato da: deggial
ma sì, dicevo così per dire...
anche perchè nella quota annuale, oltre alla pec e al mitico giornale dell'ingegnere, non mi sembra che ci siano altri vantaggi inclusi!


Sisi ma stavo ironizzando anch'io ci mancherebbe, beh da noi si sono pure sprecati con la chiavetta per la firma digitale, che però viene regolarmente formattata dal l'antivirus visto c'è la riconosce come software sospetto
SpyroTSK08 Giugno 2013, 22:02 #5
no ma che poi...la pec, è una truffa bella e buona, esisteva già si chiama PGP!

franzing09 Giugno 2013, 12:25 #6
Originariamente inviato da: SpyroTSK
no ma che poi...la pec, è una truffa bella e buona, esisteva già si chiama PGP!



E oltre a questo vorrei capire perchè sono obbligato ad averla per poi sentirmi ancora richiedere fax, raccomandate e altri ritrovati preistorici annessi e connessi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^