Second Life: realtà virtuale a rischio

Second Life: realtà virtuale a rischio

Sono stati violati i server di Second Life e i dati personali degli utenti potrebbero essere stati trafugati

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 15:51 nel canale Software
 

Il network di Second Life, nota iniziativa americana che permette agli utenti di vivere e crearsi una seconda vita nella reltà virtuale, è stato violato e i dati personali degli appartenenti alla comunity potrebbero essere stati trefugati.

La società che gestisce il servizio invita tutti gli aderenti all'iniziativa ad aggiornare i propri account modificando la password. In tal modo si dovrebbe inibire l'accesso con i precedenti parametri.

Secondo quanto riportato da Reuters, i dati trafugati comprendono i nominativi degli utenti e altri dati sensibili; fortunatamente le informazioni relative ai numeri di carte di credito degli utenti erano memorizzati su risorse che non sono state violate.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Redvex12 Settembre 2006, 15:56 #1
Non sapevo l'esistenza di questo "sito" che per quanto mi sforzi non riesco proprio a concepire.
Bo non so che dire, tranne che son stupidi ad affidare dati così sensibili a un sito di "vita virtuale" -_-'
KiDdolo12 Settembre 2006, 16:06 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg
fortunatamente le informazioni relative ai numeri di carte di credito degli utenti erano memorizzati su risorse che non sono state violate.


non ho capito .... ma non è mica free la registrazione?
perchè metterci dentro le proprie carte di credito?
rutto12 Settembre 2006, 16:09 #3
ma cos'e'? una sorta di SIMS online?

... e poi? le password sul server vengono memorizzate in plain-text?!
MenageZero12 Settembre 2006, 16:14 #4
"peccato" che i soldini dei clienti siano ancora al sicuro...
se hanno modo e tempo di sentirne l'esigenza e di crearsi una "seconda vita" virtuale, che occupassero meglio quella reale, magari facendo qualcosa di buono per qualcuno...
imho magari se l' "attaccante" oltre a trafugare inutilità li "impoveriva" anche un po'e/o cercava di dare una bella "piallata" il più possibile "profonda" e rompeva loro il giocattolo, magari un po' ci pensavano su...
Special12 Settembre 2006, 16:20 #5
Ma che c'entra scusa...
Se ad una persona piace di più fare questo tipo di gioco piuttosto che uno sparatutto o il solitario allora devono per forza essere persone che non sanno impiegare il loro tempo?

Quest'estate ho conosciuto in Olanda un tipo, 35 anni, Professore universitario di biologia, attivissimo nella ricerca in biologia, appassionato di rettili (con un rettilario grosso 2 stanze belle grosse con microclima ricreato), sposato e con casa già comprata, eppure giocava, udite udite, a second life..
Ma si sà... anche lui è uno che evidentemente non occupa bene il suo tempo...
MenageZero12 Settembre 2006, 16:35 #6
il fatto è che quel "tipo di gioco" per come pensdato e dal nome stesso (se ha senso e non messo lì tanto per dire) presupporrebbe di avre molto tempo dai investirci per avre senso (se no che "seconda vita" è ?), il "singolo gioco" è inoltre "infinito" ed è forse uno dei tipi di intattenimento che può creare problemi di contatto con la realtà o tendenze agli stessi più facilmente a chi magari qaulche problemino (non necessariamente un pazzoide di suo) lo ha già e tande ad immedesimarsi molto...

mentre ad esempio un fps anche avviandolo a solo con una media di 10 min ogni qualche giorno ci giochi cmq "proficuamente" per quel che è e lo finisci cmq (diciamo al limite in mesi, mica in 100 anni)

se poi quella persona da te conosciuta dimostra anche a livello generale che invece "second life" è pienamente e attivamente "giocabile" anche dedicandogli una parte molto poco significativa del proprio tempo, beh allora mi sarò fatto un'idea sbagliata io
Mastromuco12 Settembre 2006, 16:58 #7
Originariamente inviato da: MenageZero]il fatto è
molto[/B] tempo dai investirci per avre senso (se no che "seconda vita" è ?), il "singolo gioco" è inoltre "infinito" ed è forse uno dei tipi di intattenimento che può creare problemi di contatto con la realtà o tendenze agli stessi più facilmente a chi magari qaulche problemino (non necessariamente un pazzoide di suo) lo ha già e tande ad immedesimarsi molto...

mentre ad esempio un fps anche avviandolo a solo con una media di 10 min ogni qualche giorno ci giochi cmq "proficuamente" per quel che è e lo finisci cmq (diciamo al limite in mesi, mica in 100 anni)

se poi quella persona da te conosciuta dimostra anche a livello generale che invece "second life" è pienamente e attivamente "giocabile" anche dedicandogli una parte molto poco significativa del proprio tempo, beh allora mi sarò fatto un'idea sbagliata io


Ma che caspita dici?

Un gioco è un gioco punto. Indipendentemente dal tipo, dipende quanto tempo ci si passa sopra e non altro.

Conosco gente che su alcuni FPS passano molto più tempo che su un MMORPG.

Se quelli giocano a second life invece che a ut2004 son 'zzi loro.
Se giocano tanto son nerd in ogni caso, indipendentemente dal gioco.

Sia chiaro che non voglio essere scontroso, semplicemente il tuo discorso si basa su presupposti sbagliati. Il tipo di gioco non può sottointendere un "nerdizzamento" o un utilizzo di ore eccessivo, a priori
saeba7712 Settembre 2006, 17:10 #8
sono daccordo con special...non vedo cosa ci sia di male a giocare a un gioco piuttosto che a un altro...anzi secondo me un gioco come "second life" ti fa usare molto di più la testa che uno sparattutto alla UT
....personalmente per evitare di usarla del tutto (la testa) gioco a trackmania ...non riesco a smettere
salut
hfish12 Settembre 2006, 18:03 #9
mah... veramente il problema di cambiare la password non si pone, in quanto anche il programmatore più stupido di certo non la salva in chiaro nel db...

quindi gli hacker hanno una bella sfilza di md5sum, e con solo quelle fanno ben poco danno...

fatto diverso è per i dati quali indirizzio email, telefono, indirizzo reale eccetera, ma anche quelli sono pochi danni
Megasoft12 Settembre 2006, 19:21 #10

Eh...

Crackare un md5sum con le rainbow table è veloce, sicuro e sopratutto facile...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^