Verizon e le soluzioni Unified Communication

Verizon e le soluzioni Unified Communication

Verizon Business offre la propria soluzione di Unified Communication proponendo Integrated Communications Package, dove le funzionalità VoIP si fondono con le classiche operazioni di messaggistica

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 16:28 nel canale Software
 

Comunicare in modo rapido, efficace e integrato è un'esigenza irrinunciabile nell'attuale panorama del mondo del lavoro: raggiungere un interlocutore in modo semplice e senza perdite di tempo può fare la differenza e può portare a interessanti risparmi economici.

La risposta delle grandi aziende a questo genere di problema viene denominata Unified Communication: una serie di strumenti in grado di interfacciarsi con le infrastrutture aziendali preesistenti riescono ad offrire il giusto supporto alle aziende al fine di ottimizzare la propria organizzazione interna.

Tempo fa abbiamo presentato la soluzione Microsoft, un approfondimento dedicato è disponibile qui, mentre in questa occasione ci occuperemo della proposta di Verizon Business, una divisione di Verizon Communications e fornitore leader di soluzioni avanzate di comunicazioni e Information Technology (IT) per grandi aziende e enti pubblici in tutto il mondo. Qualche giorno fa abbiamo incontrato Massimo Peselli, Country Leader di Verizon Business per l’Italia.

Verizon Business ha elaborato la propria soluzione di Unified Communication realizzando il prodotto Integrated Communications Package: in questo prodotto le più classiche funzionalità VoIP vengono integrate con svariate opzioni di messaggistica. A fianco della comune posta elettronica si collocano la chat, gli sms o la casella vocale.

Tutta la soluzione Integrated Communications Package si basa su tecnologie IP, ciò è quindi sinonimo di estrema flessibilità nella gestione, nello sviluppo e nell'eventuale ampliamento. Per l'azienda è infatti necessario poter disporre di una comune rete IP su cui sarà possibile veicolare i servizi VoIP e tutte le opzioni di messaggistica; tutti questi servizi non saranno tra loro separati e gestiti autonomamente ma faranno parte di un'unica soluzione.

L'utente finale vedrà di fatto sul proprio PC un'interfaccia grafica al cui interno saranno raccolte le varie risorse aziendali. Cercando un contatto presente in agenda si potrà valutare con quali strumenti interagire con esso: qualora fosse online si potranno utilizzare le tecnologie VoIP, in alternativa le altre opzioni di messaggistica potranno servire allo scopo.

Per particolari esigenze aziendali sarà possibile gestire da un unico strumento anche eventuali videoconferenze: unico prerequisito per accedere all' Integrated Communications Package è la disponibilità di un accesso internet. Per l'azienda che sceglie la soluzione Integrated Communications Package non è necessario prevedere risorse dedicate: il servizio viene offerto da Verizon Business attraverso le proprie risorse centralizzate.

Massimo Peselli ci ha inoltre confermato come Integrated Communications Package sia in grado di interfacciarsi con altre soluzioni Microsoft o Cisco presenti sul mercato.

Il vero punto interrogativo della questione resta la valutazione dei vantaggi concreti ottenibili da una soluzione Unified Communication: nel lavoro quotidiano quali tangibili miglioramenti sono ravvisabili? Su questo aspetto non vi è una quantificazione matematica o una formula algebrica che riassuma l'eventuale risparmio di risorse.

Verizon Business e Microsoft tempo fa commissionarono un lavoro di ricerca a Frost & Sullivan proprio allo scopo di offrire alla clientela uno strumento utile per quantificare i possibili benefici di queste tecnologie.

Qui di seguito riportiamo una parte del documento di presentazione distribuito da Frost & Sullivan:

Lo studio “Meetings Around the World: The Impact of Collaboration on Business Performance”, condotto nel 2006 da Frost & Sullivan e sponsorizzato da Verizon Business e Microsoft, ha evidenziato come la collaborazione sia l’elemento trainante delle business performance. Lo studio - che definisce la collaborazione come un’interazione tra cultura e tecnologia, come avviene ad esempio con i servizi di audio e net conferencing, e-mail e instant messaging - ha, inoltre, sottolineato che i professionisti di tutto il mondo considerano i loro sforzi di collaborazione altamente produttivi e ritengono che la collaborazione attraverso le tecnologie di comunicazione possa fornire un vantaggio competitivo

In conclusione, varie esperienze hanno mostrato come aziende in cui il grado di collaborazione e comunicazione integrata sia elevato, le performance di tali realtà sia migliori rispetto a società dall'approccio più tradizionale. Secondo Frost & Sullivan la capacità di comunicare in modo efficace ha maggior impatto sulle performance aziendali rispetto all'andamento di mercato.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^