Yahoo e PayPal alleati per gli acquisti online

Yahoo e PayPal alleati per gli acquisti online

Yahoo e PayPal stringono un accordo per contrastare il sistema di pagamento online Google Checkout, che grazie a vantaggi per i negozianti inserzionisti ha guadagnato consensi

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 12:01 nel canale Software
GoogleYahoo
 

Sono molti i sistemi studiati negli ultimi anni per rendere più semplici le operazioni di shopping online. É da poco sbarcato in Europa Google Checkout, che permette di creare un portafoglio virtuale riunendo in un solo account diverse carte di credito.

In questo modo si ha un solo profilo per effettuare i propri acquisti online, una sola password e un solo luogo dove trovare il resoconto delle spese. In pratica una volta che l'utente ha eseguito l'accesso al suo account può effettuare acquisti presso tutti i negozi convenzionati, segnalati dall'apposita icona. In più il sistema Google offre un trattamento speciale ai negozi online inserzionisti.

Ora, come riportato da Dailytech, Yahoo e PayPal si alleano per offrire funzionalità e vantaggi simili. PayPal è diventato nel tempo uno dei più famosi sistemi di pagamento online, soprattutto grazie alle transazioni Ebay (da cui è stato creato).

Ora con l'accordo con Yahoo il sistema potrà offrire servizi e vantaggi simili a quelli di Google Checkout, con un sistema simile di incentivi per gli inserzionisti. Tra questi l'uso gratuito di PayPal fino al 2008 (sistema che altrimenti comporta il pagamento di alcuni contributi) e un credito di circa 100 dollari per le inserzioni su Yahoo.

Come già accennato PayPal è molto vicina a Ebay, ed entrambe le realtà collaborano con Skype (basti pensare che il mezzo più facile per acquistare credito per le telefonate via VoIP è proprio PayPal); con l'ingresso del nome Yahoo il quartetto diventa molto interessante, con possibilità di azione a 360° in campi quali l'advertising, il commercio on-line, le telecomunicazioni.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pink6020 Aprile 2007, 12:31 #1

ebay e paypal.. corsa ai balzelli

le tariffe paypal sono a parer mio molto elevate, sopratutto per chi fa transazioni tramite ebay, il quale ti spreme con balzelli vari.
Avete mai fatto il conto di quanto si paga per una vendita su ebay e conseguente riscossione tramite paypal per esempio?
Speriamo bene per il futuro..
JohnPetrucci20 Aprile 2007, 12:53 #2
Originariamente inviato da: Pink60
le tariffe paypal sono a parer mio molto elevate, sopratutto per chi fa transazioni tramite ebay, il quale ti spreme con balzelli vari.
Avete mai fatto il conto di quanto si paga per una vendita su ebay e conseguente riscossione tramite paypal per esempio?
Speriamo bene per il futuro..

Io i miei conti me li sono fatti, e infatti fino ad oggi evito di vendere su e-bay, e quando compro scelgo il contrassegno se disponibile, almeno qualche € in più lo pago con piacere.
Prima quando era concessa la postepay(capisco che si apra il discorso sicurezza pagamento, ma è relativo, anche visti i rimborsi esigui che fornisce e-bay), le cose erano più semplici e le transizioni più economiche, sia per chi vendeva che per l'acquirente.
Adesso molti venditori chiedono a chi acquista di pagare la quota che si pappa paypal, il che se mettendomi nei loro panni può anche avere senso, per chi acquista ne ha sicuramente meno.
Tra costi di annunci, foto, percentuale sul venduto e paypal, alla fine faccio prima a vendere su mercatini come quelli di questo forum......
Prezioso8420 Aprile 2007, 14:22 #3
E' vero, PayPal è costoso, ma non è sicuramente più costoso (anzi non lo è affatto) di un qualsiasi backend che gestisca i pagamenti tramite carta di credito da interfacciare con il proprio sito web (o in questo caso con le inserzioni eBay). Tra l'altro poi non essendoci costi fissi mensili risulta davvero competitivo, almeno a livello commerciale, perché con dei buoni volumi di vendita le tariffe percentuali da pagare per la ricezione dei pagamenti sono abbordabili in relazione al servizio offerto.

Cosa diversa invece per quel che riguarda le tariffe eBay che io ritengo davvero scandalose, sia per quel che riguarda l'inserzione nuda e cruda (senza vetrina, etc) che tiene lontani i venditori privati, ma cosa molto più grave per il salasso della commissione sul valore finale (in media il 5%!) che almeno nel campo dell'elettronica, su prodotti nuovi, rende praticamente impossibile per chi ha un'attività commerciale e non ha volumi di vendita medio-alti riuscire a competere a livello di prezzo con gli altri venditori, tra i quali, quelli più importanti sono grossisti.
NeatoEurope20 Aprile 2007, 17:42 #4
Originariamente inviato da: Prezioso84

E' vero, PayPal è costoso, ma non è sicuramente più costoso (anzi non lo è affatto) di un qualsiasi backend che gestisca i pagamenti tramite carta di credito da interfacciare con il proprio sito web (o in questo caso con le inserzioni eBay).
Tra l'altro poi non essendoci costi fissi mensili risulta davvero competitivo, almeno a livello commerciale, perché con dei buoni volumi di vendita le tariffe percentuali da pagare per la ricezione dei pagamenti sono abbordabili in relazione al servizio offerto.


PayPal è senza dubbio + caro di qualsiasi altro GW bancario che a fronte di una quota annua, per altro trattabile, parte da commissioni nettamente + basse, non è difficile partire da 2,5%.

contro il 3,4% + un fisso per ogni transazione

Ciao

Sèvero
Prezioso8420 Aprile 2007, 20:31 #5
Originariamente inviato da: NeatoEurope
PayPal è senza dubbio + caro di qualsiasi altro GW bancario che a fronte di una quota annua, per altro trattabile, parte da commissioni nettamente + basse, non è difficile partire da 2,5%.

contro il 3,4% + un fisso per ogni transazione

Ciao

Sèvero


Ma assolutamente no, non è assolutamente il più caro anzi tutt'altro. Ti faccio il tipico esempio di Banca Sella con il software GestPay che è uno tra i più gettonati backend commerciali almeno in Italia che costa solo di attivazione 400 EURO (trattabili? :confused, ai quali devi sommare il modulo server to server (praticamente obbligatorio e se lavori nel campo sai cosa intendo) che ha canone mensile di utilizzo 500 EURO + IVA mensili, oltre le commissioni del 3% su ogni transazione avvenuta a prescindere dal volume, e ultimo ma non ultimo il canone per la licenza software che varia dai 7 EURO circa ai 18 EURO circa + IVA mensili a seconda della versione che utilizzi.
PayPal invece non prevede alcun tipo di canone mensile e la tariffa del 3,4% + 0,35 EURO a transazione è per chi ha volumi inferiori ai 2500 EURO mensili che sono veramente un'inezia per un utilizzo professionale. Se fai un confronto a livello commerciale devi inziare gia a valutarlo nell'ordine > 10.000 EURO mensili, perché chi ha bisogno di ricevere questi tipi di pagamento e inizia un'attività su eBay o più in generale su Internet non può che superare questi ordini di fatturato altrimenti è fuori dai giochi, in questo caso le tariffe si abbassano sensibilmente arrivando al 2,7% + 0,35 EURO ad operazione. Se a questo sommi che almeno su eBay, per esperienza personale, se non accetti PayPal ti tagli come minimo la metà dei potenziali acquirenti i conti sono presto fatti. Che PayPal sia cara io non sono affatto d'accordo, non è sicuramente a buon mercato, ma raffrontato alla concorrenza non lo si può definire più costoso, poi dipende dalle esigenze.
NeatoEurope21 Aprile 2007, 09:11 #6
Originariamente inviato da: Prezioso84
Ma assolutamente no, non è assolutamente il più caro anzi tutt'altro. Ti faccio il tipico esempio di Banca Sella con il software GestPay che è uno tra i più gettonati backend commerciali almeno in Italia che costa solo di attivazione 400 EURO (trattabili? :confused,


Ti dico noi lo usiamo da anni, vedi sito in firma, come ogni contratto con un fornitore dipende dalla tua Forza Contrattuale e se lo abbini ad un conto corrente quelle spese si abbattono immediatamente.

Originariamente inviato da: Prezioso84
ai quali devi sommare il modulo server to server (praticamente obbligatorio e se lavori nel campo sai cosa intendo) che ha canone mensile di utilizzo 500 EURO + IVA mensili,


Non necessario subito, utile con siti che fanno tantissime transazioni ed in quel caso puoi trattare di sicuro il costo.

Originariamente inviato da: Prezioso84
oltre le commissioni del 3% su ogni transazione avvenuta a prescindere dal volume,


Trattabili e subito si abbattono al 2,5% se abbinate ad un conto corrente, naturalmente parliamo di VISA e Master.
Tieni presente che in realtà i circuiti chiedono circa 1%, il resto è della banca per cui pur sempre trattabile come i vari accessori.

Originariamente inviato da: Prezioso84
e ultimo ma non ultimo il canone per la licenza software che varia dai 7 EURO circa ai 18 EURO circa + IVA mensili a seconda della versione che utilizzi.


Certo ma perfettamente ammortizzabili come costi di gestione.

Originariamente inviato da: Prezioso84
Se fai un confronto a livello commerciale devi inziare gia a valutarlo nell'ordine > 10.000 EURO mensili, perché chi ha bisogno di ricevere questi tipi di pagamento e inizia un'attività su eBay o più in generale su Internet non può che superare questi ordini di fatturato altrimenti è fuori dai giochi, in questo caso le tariffe si abbassano sensibilmente arrivando al 2,7% + 0,35 EURO ad operazione.


Se inizi a parlare di transati di quel genere abbatti notevolmente i costi di qualsiasi GW sia come commissioni che come costi dei vari accessori.

Originariamente inviato da: Prezioso84
Se a questo sommi che almeno su eBay, per esperienza personale, se non accetti PayPal ti tagli come minimo la metà dei potenziali acquirenti i conti sono presto fatti.


Su questo ti do ragione, ma io ho una certa avversione alla baia per la loro politica, ma questa è una cosa personale.

Stiamo andando un pò tanto OT se vuoi che continuare il discorso in un luogo + a tema possiamo continuarlo Qui.

Ciao

Sèvero

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^