8 smartphone su 10 sono basati su sistema operativo Android

8 smartphone su 10 sono basati su sistema operativo Android

Brillante risultato di vendita per i terminali Android quello registrato nel corso del secondo trimestre 2013: le vendite aumentano in generale per tutti i sistemi ma sono quelli con il sistema operativo di Google a registrare il balzo in avanti più netto

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 16:51 nel canale TLC e Mobile
AndroidGoogle
 

Sono dati di vendita record quelli registrati dai terminali smartphone basati su sistema operativo Google Android nel corso del secondo trimestre 2013. Strategy Analytics segnala che questi telefoni hanno totalizzato vendite per circa l'80% del mercato degli smartphone.

Nel corso del trimestre sono stati venduti circa 230 milioni di smartphone, con una crescita del 47% rispetto allo stesso periodo del 2012 dove erano stati venduti poco meno di 157 milioni di terminali. Le soluzioni Android hanno registrato una quota di mercato del 79,5% del totale, in forte crescita rispetto al dato del 69,5% registrato nello stesso periodo dello scorso anno.

Apple è in contrazione, con una quota di mercato che passa dal 16,6% dello scorso anno all'attuale 13,6%. In lieve crescita Microsoft, capace di passare dal 3,6% al 3,9% nel corso dei 12 mesi, mentre in contrazione le soluzioni concorrenti che diminuiscono dal precedente 10,4% all'attuale 3% del totale. In questo sono ben evidenti i cali di vendita delle soluzioni Blackberry oltre che degli smartphone basati su OS Symbian.

I 3 principali sistemi operativi per smartphone, Android, iOS e Windows Phone, hanno tutti visto un aumento nei volumi di terminali venduti nel corso del secondo trimestre 2013 rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Per Android passiamo dai precedenti 108,7 milioni di smartphone agli attuali 182,6 milioni; Apple ha incrementato le vendite dei propri terminali iPhone da 26 milioni a 31,2 milioni, mentre le soluzioni basate su OS Windows Phone sono passate dai precedenti 5,6 milioni di pezzi a 8,9 milioni.

Questi dati non devono sorprendere: la disponibilità di un elevato numero di terminali Android in segmenti di mercato molto differenti per prezzo, oltre che per caratteristiche tecniche, ha spinto la diffusione di questa tipologia di smartphone e crediamo continuerà a trainarne le vendite anche nei trimestri a venire. Da verificare in che modo Apple potrà contrastare questa crescita con soluzioni iPhone posizionate su segmenti di prezzo più bassi rispetto a quelli attuali, oltre a quanto rapidamente i partner Microsoft saranno capaci di incrementare le vendite dei propri terminali Windows Phone.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxmax8003 Agosto 2013, 00:24 #1
dopo la saturazione di apple arriverà la saturazione di android.

è il giro delle mode..
LMCH03 Agosto 2013, 02:44 #2
Originariamente inviato da: maxmax80
dopo la saturazione di apple arriverà la saturazione di android.

è il giro delle mode..


Si potrebbe parlare di saturazione se il mercato fosse più o meno stabile.

Invece nell'articolo dicono che le vendite globali di smartphone sono cresciute del 47%.

230 milioni di smartphone venduti nel primo trimestre 2013 contro 157 nel primo trimestre 2012.

Semplicemente gli smartphone Android, iPhone e Windows Phon crescono ma la crescita dei dispositivi Android è superiore alla concorrenza.

Android da 69.5% a 79.5% (da 108.7 milioni di unita a 182.6).

iPhone dal 16.6% al 13.6% (da 26 milioni di unita a 31.2).

Windows Phone da 3.6% a 3.9% (da 5.6 milioni di unita a 8.9).

Altri (Blackberry, Symbian, ecc.) da 10.4% a 3% (e qui il calo c'e' ed è brutale).
toni.bacan03 Agosto 2013, 11:01 #3
Originariamente inviato da: maxmax80
dopo la saturazione di apple arriverà la saturazione di android.

è il giro delle mode..

Non è questione di saturazione, ma di offerte del mercato.
Ad oggi abbiamo Andoid installato anche sui GPS per gli sportivi amatoriali, iOS che è di prerogativa Apple (con i suoi 3 modelli non economici) e Windows Phone che, per quanto possa essere valido, non attira particolarmente la gente
in quanto la massa lo abbina a bluescreen

Se facciamo i paragoni: iOS gira su 4 modelli (3Gs, 4, 4s e 5) di "elite", dove per elite non intendo di alta qualità e professionalità, ma accessibile solo da un determinato tipo di clientela. Windows Phone gira su qualche Nokia Lumia e pochi altri modelli. Android invece, solo contando i modelli di Samsung siamo già sull'ordine della quindicina, e poi abbiamo tutti i vari Sony, HTC, LG e chi più ne ha più ne metta, ma soprattutto occupando tutte le fasce di mercato, dal sedicenne che può spendere massimo 100€ per uno smartphone arrivando allo sborone di turno che compra il top del top solo per sfoggiarlo.

Insomma, facendo una proporzione usando i modelli su cui è installabile Android, praticamente occupa più del 90% delle offerte di mercato.
A meno che nella voce smartphone non abbiano considerato anche tutta quell'infinità di modelli Nokia con Symbian
djfix1303 Agosto 2013, 14:45 #4
l'unica cosa che mi preoccupa è la possibilità che Google decida di ricavarci qualcosa da questo Android.
alexbrown03 Agosto 2013, 19:15 #5
beh, quasi 700ml di terminali in un anno. se google decidesse di mettere un paio di dollari di costo per android su ogni terminale venduto (cosa risibile per l'utente finale) tirerebbe su un pacco di soldi.
Khronos03 Agosto 2013, 21:50 #6
Originariamente inviato da: toni.bacan
A meno che nella voce smartphone non abbiano considerato anche tutta quell'infinità di modelli Nokia con Symbian

i Nokia Asha con "S40" non sono da considerarsi Symbian. sono una bestemmia. per quale motivo gli han cacciato dentro S40 quando con mezzo sforzo in più potevano metter dentro S60 3rd o 5th, che a me ad esempio sarebbero serviti un pò di più? tanti cellulari stupendi con i tasti ma inaccessibili per i nonvedenti perchè S40 non installa altro che i giochini in Java -.-
LMCH04 Agosto 2013, 02:52 #7
Originariamente inviato da: djfix13
l'unica cosa che mi preoccupa è la possibilità che Google decida di ricavarci qualcosa da questo Android.


Ma ci sta già ricavando molto più che "qualcosa".
Semplicemente "si accontentano" delle vendite tramite Play e della garanzai dell'esistenza di una piattaforma aperta che consenta l'accesso ai loro servizi (su cui guadagnano con la pubblicità ecc. ecc.).

Microsoft invece ha avuto l'ideona di guadagnare sulle licenze del SO [U]ed anche[/U] sulle vendite via store e si vede come le è andata.
robertogl04 Agosto 2013, 10:09 #8
Originariamente inviato da: alexbrown
beh, quasi 700ml di terminali in un anno. se google decidesse di mettere un paio di dollari di costo per android su ogni terminale venduto (cosa risibile per l'utente finale) tirerebbe su un pacco di soldi.


Non credo possa farlo, non per Android. Google ha comprato la società che gestiva Android, che però era rilasciato come oper source: ora, non credo che Google possa cambiare quella licenza a piacimento e metterlo a pagamento. Potrebbe però far pagare due dollari la presenza del Play Store...
calabar04 Agosto 2013, 18:35 #9
Originariamente inviato da: robertogl
ora, non credo che Google possa cambiare quella licenza a piacimento e metterlo a pagamento.

Potere può, la licenza lo permette.
Ovviamente tutto quello che è già stato rilasciato ormai è di dominio pubblico, quindi chiunque potrebbe a quel punto fare un fork di Android e continuare a sviluppare sulla base del prodotto portato avanti da Google.
robertogl04 Agosto 2013, 18:41 #10
Originariamente inviato da: calabar
Potere può, la licenza lo permette.
Ovviamente tutto quello che è già stato rilasciato ormai è di dominio pubblico, quindi chiunque potrebbe a quel punto fare un fork di Android e continuare a sviluppare sulla base del prodotto portato avanti da Google.


Ma Android è sotto GPL o Apache?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^