Accordo quinquennale per Vodafone e Huawei e iniziativa '1000 Comuni'

Accordo quinquennale per Vodafone e Huawei e iniziativa '1000 Comuni'

Dopo la partnership con Wind, ora Huawei diventa fornitore di tecnologia anche per il potenziamento delle rete Vodafone

di Davide Fasola, Roberto Colombo pubblicata il , alle 16:47 nel canale TLC e Mobile
VodafoneHuaweiWIND
 

Dopo l'accordo di qualche mese fa con Wind, Huawei allarga ulteriormente i suoi confini in Italia e sigla una collaborazione quinquennale con Vodafone Italia per lo sviluppo e il potenziamento delle reti di nuova generazione. L'operatore ha appena lanciato l'iniziativa ‘1000 Comuni’ che punta a estendere la copertura dei servizi a banda larga alla quasi totalità dei comuni italiani tramite tecnologia radio.

L'accordo, che prevede anche la realizzazione a Milano di un Innovation Centre per la progettazioni di nuove soluzioni e tecnologie di rete, è stato firmato nella giornata di ieri dall'amministratore delegato di Vodafone Italia, Paolo Bertoluzzo, e da Richard YU, presidente di Huawei Europa. All'evento hanno partecipato anche il premier cinese Wen Jiabao, in visita in Italia, e il presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

La collaborazione, secondo quanto rilasciato dalle due parti, porterà, oltre che al miglioramento dei servizi di rete mobile di Vodafone, un indotto in termini di occupazione. Huawei sarebba infatti intenzionata a offrire cento nuovi posti di lavoro, da dividersi tra ingenieri, tecnici e esperti di software e di reti.

Chiaro quindi l'intento di Huawei di affermarsi e radicarsi sempre più nel panorama del mercato tecnologico italiano. Intenzione ancor più rinforzata proprio dalla scelta di Vodafone, con cui la collaborazione potrebbe durare più a lungo dei cinque anni già pattuiti.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
hermanss08 Ottobre 2010, 16:57 #1
Beh...speriamo bene!
SK8R108 Ottobre 2010, 19:15 #2
tanto con i prezzi di vodafone sai che bella notizia....
cocky08 Ottobre 2010, 19:55 #3
Ennesima conferma che il wifi libero ed in ogni dove in Italia dobbiamo proprio scordarcelo....

http://www.hwupgrade.it/articoli/si...olta_index.html
redblacks8008 Ottobre 2010, 20:53 #4
Oh NO!!!! come tecnico di networking ho gli incubi solo pensando alla parola huawei!!! i router sono davvero a livello dei sapientino!! per configurarli bisogna pregarli in ginocchio ...soprattutto gli ar915!!!!!
Mi chiedo come mai ISP come vodafone e wind (che vantano un certo numero di clienti ormai) si affidano a tecnologie da 3000 lire ... quando altri competitors vanno a gonfie vele con i CISCO ...soprattutto la serie 1800??????????????
mauro.c08 Ottobre 2010, 22:43 #5
Originariamente inviato da: redblacks80
Oh NO!!!! come tecnico di networking ho gli incubi solo pensando alla parola huawei!!! i router sono davvero a livello dei sapientino!! per configurarli bisogna pregarli in ginocchio ...soprattutto gli ar915!!!!!
Mi chiedo come mai ISP come vodafone e wind (che vantano un certo numero di clienti ormai) si affidano a tecnologie da 3000 lire ... quando altri competitors vanno a gonfie vele con i CISCO ...soprattutto la serie 1800??????????????

Te lo spiego subito: io lavoro per un competitor di Huawei, un mio collega romeno mi ha detto che da loro Huawei ha offerto a Vodafone l'upgrade di rete GRATIS in cambio della gestione tecnica per x anni....
intermut8209 Ottobre 2010, 08:41 #6
che si liberalizzare il wi-fi libero, non questi gestori che danno tariffe assurde in cambio di una connessione a internet....
Davis511 Ottobre 2010, 10:24 #7
wow, sono affascinato dalla scelta del produttore... hanno beccato l'azienda piu' economica... ma quella per la quale molti clienti bestemmiano pagine e pagine dei santi del calendario...

chiavette usb umts... hanno grosse difficolta' con tutti gli operatori... va beh... ma son capitati solo a me decine di clienti che mi portano il pc portatile con la classica frase: oh... non va un gazz!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^