Accordo strategico tra Wind e Huawei

Accordo strategico tra Wind e Huawei

Siglata un'intesa strategica per la creazione di un Innovation Lab a Roma e per lo sviluppo delle reti HSPA mobile, LTE, Core Network e fibra ottica per la banda ultra larga

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 10:43 nel canale TLC e Mobile
HuaweiWIND
 

Wind e Huawei hanno siglato un accordo strategico per lo sviluppo della banda larga in Italia. In particolare l'intesa vede la creazione di un Innovation Lab congiunto a Roma, finalizzato alla ricerca e allo sviluppo di nuove tecnologie e servizi nel campo delle telecomunicazioni fisse, mobili e convergenti. Inoltre l'accordo prevede una partnership su quattro progetti inerenti lo sviluppo delle reti HSPA mobile, LTE, Core Network e fibra ottica per la banda ultra larga.

In particolare Wind sarà il primo operatore italiano ad adottare la piattaforma Huawei integrata multi-standard SingleRAN, di cui avevamo parlato con Pablo Brito di Huawei anche in occasione di un'intervista per TVtech, per la trasmissione di servizi broadband 2G e 3G e l'integrazione delle tecnologie HSPA+, LTE e IP ready. Il secondo progetto segue lo sviluppo della rete di trasporto SDH basata su protocollo IP di nuova generazione, una soluzione pensata per offrire una maggiore efficienza e migliorare la qualità del servizio.

Huawei collaborerà con WIND anche per l'ottimizzazione delle centrali di transito per la rete Core di Wind: la struttura potrà in una prossima fase anche supportare i servizi VoIP e altri servizi più avanzati basati su IMS. Nell'ambito delle trasmissioni in fibra ottica a banda ultra larga Huawei affiancherà Wind nel migliorare i servizi tramite la tecnologia Point to Point. La collaborazione tra Wind e Huawei si rafforza quindi, dimostrando nel contempo la crescita dell'azienda cinese che, grazie ad elevati investimenti in ricerca e sviluppo, ha saputo ritagliarsi una posizione di grande rilievo nel panorama IT mondiale.

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxArt08 Giugno 2010, 10:58 #1
Vengono i cinesi a farci la banda larga...
Vabbé, è il mercato globale... Speriamo solo di ricavarci qualcosa di buono.
K7-50008 Giugno 2010, 11:06 #2
I cinesi hanno la possibilità di produrre in massa materiale da venderci, il che è ben diverso.
Invece di comprare italico si risparmia con una joint venture e via...

Che poi facciano la banda larga a casa loro con annessa censura non vuol dire cattive infrastrutture.
HomerJS08 Giugno 2010, 11:06 #3
Originariamente inviato da: MaxArt
Vengono i cinesi a farci la banda larga...
Vabbé, è il mercato globale... Speriamo solo di ricavarci qualcosa di buono.


che vuoi farci... ma ricordatevi... non è colpa di Telecom, ma delle mani politiche che ha sotto la gonna....
II ARROWS08 Giugno 2010, 11:12 #4
Il "protocollo IP di nuova generazione" è il vecchio IPv6?
Perché non è così nuovo, è adatto ma non nuovo. Se fosse un altro, sarebbe meglio specificare.
g.luca86x08 Giugno 2010, 11:19 #5
Originariamente inviato da: MaxArt
Vengono i cinesi a farci la banda larga...
Vabbé, è il mercato globale... Speriamo solo di ricavarci qualcosa di buono.


precisiamo: i cinesi costruiscono su mandato degli egiziani (Wind). E pensare che una volta i cinesi cucivano vestiti che gli ambulanti egiziani rivendevano per strada. I nostri grandi dirigenti e anche esimi professoroni universitari invece, tronfi dei loro stipendi garantiti da statali fanno sempre meno, se non castelli in aria che poi pretendono siano realizzati dai soliti tesisti schiavizzati o dottorandi sottopagati e spremuti. Idem le varie aziende ed imprese italiche... Sbaglio o tempo fa si parlava di problemi legati allo spionaggio per le infrastrutture tlc made by huawei?
s.vik08 Giugno 2010, 11:50 #6
Originariamente inviato da: g.luca86x
precisiamo: i cinesi costruiscono su mandato degli egiziani (Wind). E pensare che una volta i cinesi cucivano vestiti che gli ambulanti egiziani rivendevano per strada. I nostri grandi dirigenti e anche esimi professoroni universitari invece, tronfi dei loro stipendi garantiti da statali fanno sempre meno, se non castelli in aria che poi pretendono siano realizzati dai soliti tesisti schiavizzati o dottorandi sottopagati e spremuti. Idem le varie aziende ed imprese italiche... Sbaglio o tempo fa si parlava di problemi legati allo spionaggio per le infrastrutture tlc made by huawei?


Non vorrei sbagliarmi ma, anche io avevo sentito che c'erano problemi si "spionaggio", dovuti alla forte partecipazione che ha l'esercito cinese in huawei. Se qualcuno ne sa ci illumini
black-m0108 Giugno 2010, 11:53 #7
"sviluppo della rete di trasporto SDH basata su protocollo IP di nuova generazione"

@ II ARROWS

Zì, IPv6. Data l'infrastruttura esistente, e lo stato attuale delle cose, vedi qualche altro protocollo IP* possibile?

@ Redazione

SDH è lo standard per la fibra di trasporto... non può essere _basata_ su protocollo IP...
netcrusher08 Giugno 2010, 12:45 #8

le parti si invertono

Io vedo un futuro capovolto dove noi saremo i veri cinesi sottopagati sfruttati per 20 ore al giorno di lavoro, è quello che ci meritiamo in fondo per non aver avuto il benchè minimo briciolo di senso morale per il vero bene del paese lasciandolo in mano ai soliti noti pescecani............ma vada via Italia vada che non serve a nulla!!!!
II ARROWS08 Giugno 2010, 12:45 #9
No, per questo mi pare strano... il fatto che "nuovo" e IPv6 non siano troppo concordi, magari mi era sfuggita una revisione più recente e magari migliore...
bo61508 Giugno 2010, 23:17 #10
Originariamente inviato da: black-m01
"sviluppo della rete di trasporto SDH basata su protocollo IP di nuova generazione"

@ II ARROWS

Zì, IPv6. Data l'infrastruttura esistente, e lo stato attuale delle cose, vedi qualche altro protocollo IP* possibile?

@ Redazione

SDH è lo standard per la fibra di trasporto... non può essere _basata_ su protocollo IP...


SDH è un protocollo (ma potremmo chiamarla più precisamente, come indicato dal nome, GERARCHIA) fisico per il trasporto in sincronia di flussi, al contrario delle "vecchie" gerarchie PDH, dove la sincronia era solo nominale e non statistica. Tutto ciò, ha poco da spartire in termini "ideali" con qualsivoglia protocollo IP.

Comunque leggendo attentamente la notizia, si capisce che la frase voleva intendere "rete di nuova generazione SDH, basata su protocollo IP".

Comunque per la cronaca, già è diverso tempo che in Wind sono funzionanti diversi trail SDH 155 Mb perfettamente operativi, quindi non è nulla di nuovo Calcolando che ci lavoro TUTTI i santi giorni.......

PS SDH non vuole necessariamente dire fibra eh....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^