Alliance for Affordable Internet, l'accesso alla rete deve costare meno

Alliance for Affordable Internet, l'accesso alla rete deve costare meno

Una serie di grossi nomi della tecnologia, assieme a enti governative e associazioni non-profit, vogliono spingere un cambiamento delle politiche per rendere la rete più accessibile a tutto il mondo

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:41 nel canale TLC e Mobile
 

Google, Facebook, Intel e Yahoo! sono alcuni dei nomi che hanno annunciato di aver aderito al progetto Alliance for Affordable Internet (A4AI) assieme ad una serie di altre compagnie tecnologiche, agenzie governative e organizzazioni non profit allo scopo di promuovere un accesso ad Internet più economico attorno al mondo.

A4AI crede che sia necessario avviare un cambiamento di politiche per incoraggiare l'innovazione e raggiungere l'obiettivo della Broadband Commission delle Nazioni Unite di portare in tutto il mondo un accesso a banda larga entry-level ad un prezzo inferiore al 5% del reddito mensile.

"Nonostante stiano emergendo una serie di soluzioni tecniche in grado di rispondere alla sfida di una connettività a basso costo, anche le migliori tecnologie del mondo non possono innescare il cambiamento se vi sono monopoli o politiche regressive che impediscono la loro implementazione" si legge sul blog ufficiale di A4AI.

L'iniziativa fa riferimento ad uno studio dell'ITU che ha evidenziato come Internet abbia un prezzo medio del 30% del reddito mensile nei paesi sviluppati. A questo si aggiunge un'indagine della Broadband Commission delle Nazioni Unite che mostra come il 90% della popolazione mondiale viva nei 49 paesi meno sviluppati al mondo che non dispongono di connessioni alla rete.

Il gruppo, come primo passo per raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite, ha pubblicato un elenco di best practices che verranno inoltre divulgate da parte di una serie di rappresentanti sul territorio che entro la fine dell'anno saranno presenti in tre paesi, per poi espandersi a 10-12 paesi entro la fine del 2014.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy08 Ottobre 2013, 14:46 #1
noi facciamo parte del mondo 3,5, quello tra il terzo mondo e il quarto
crespo8008 Ottobre 2013, 14:49 #2
L'iniziativa fa riferimento ad uno studio dell'ITU che ha evidenziato come Internet abbia un prezzo medio del 30% del reddito mensile nei paesi sviluppati.

non mi è chiaro questo passaggio, questo significa che in un Paese sviluppato come il nostro, chi guadagna 1000 euro al mese paga 300 euro di connessione?
Forse intendeva il 3% visto che il prezzo medio di una connessione ADSL da noi è di 30 euro che è appunto il 3% di 1000...
O forse intendeva "Paese SOTTO sviluppati" dove magari la connessione costa sempre 30 euro ma il reddito medio è solo di 100!
gino4608 Ottobre 2013, 14:55 #3
Ciao,

qualcosa non mi torna, parlano di prezzo di accesso alla rete inferiore al 5% del reddito mensile, ora il mio stipendio è il classico 1000€/mese, quindi il 5% sarebbero 50€. Ad oggi io con Telecom pago meno di 50€/mese per una 7Mb!
Non capisco se il prezzo di accesso alla rete inferiore al 5%, che vorrebbero, sia mensile oppure annuale, perchè se fosse mensile io sono già sotto la soglia del 5% (parlando di adsl 7Mb).

gino4608 Ottobre 2013, 14:56 #4
Originariamente inviato da: crespo80
...


Stavamo scrivendo contemporaneamente, allora non sono l'unico a cui non torna.
isomen08 Ottobre 2013, 15:08 #5
Semplicemente da noi... aumenteranno il costo

ciauz
qboy08 Ottobre 2013, 15:11 #6
Originariamente inviato da: isomen
Semplicemente da noi... aumenteranno il costo

ciauz


shhh, che ad alzarlo lo fanno subito..
gino4608 Ottobre 2013, 15:11 #7
Originariamente inviato da: isomen
Semplicemente da noi... aumenteranno il costo

ciauz


ah beh si giusto hai ragione
Floris08 Ottobre 2013, 15:31 #8
Originariamente inviato da: gino46
Ciao,

qualcosa non mi torna, parlano di prezzo di accesso alla rete inferiore al 5% del reddito mensile, ora il mio stipendio è il classico 1000€/mese, quindi il 5% sarebbero 50€. Ad oggi io con Telecom pago meno di 50€/mese per una 7Mb!
Non capisco se il prezzo di accesso alla rete inferiore al 5%, che vorrebbero, sia mensile oppure annuale, perchè se fosse mensile io sono già sotto la soglia del 5% (parlando di adsl 7Mb).


Magari si riferiscono al prezzo annuale della connessione intendendo con ciò, nel tuo caso, un risparmio di 50€ all'anno.
AlPaBo08 Ottobre 2013, 16:59 #9
Originariamente inviato da: gino46
Qualcosa non mi torna, parlano di prezzo di accesso alla rete inferiore al 5% del reddito mensile, ora il mio stipendio è il classico 1000€/mese, quindi il 5% sarebbero 50€. Ad oggi io con Telecom pago meno di 50€/mese per una 7Mb!
Non capisco se il prezzo di accesso alla rete inferiore al 5%, che vorrebbero, sia mensile oppure annuale, perchè se fosse mensile io sono già sotto la soglia del 5% (parlando di adsl 7Mb).


Nel documento originale (che andrebbe sempre letto in questi casi) è scritto:

"Over the past five years, fixed-broadband prices as a share of GNI per
capita dropped by 82%. By 2012, fixed- broadband prices represented
1.7% of monthly GNI p.c. in developed countries. In developing
countries, fixed- broadband services remain expensive, accounting for
30.1% of average monthly incomes."

In soldoni, per 1000€ di stipendio ci sia aspetta un costo di connessione Internet di 17€ nei paesi sviluppati e di 301€ nei paesi in via di sviluppo (in realtà è più probabile un costo di connessione di 30€ su uno stipendio di 100€).


Il nostro è un paese sviluppato (nonostante le solite battute scontate e stupide tipo quella di qboy, che non sa di cosa parla e non sa cos'è davvero un paese sottosviluppato) e quindi effettivamente il costo mensile di una connessione è attorno ai 20€ (i contratti sono attorno ai 30€, ma comprendono anche la connessione telefonica)
qboy08 Ottobre 2013, 18:54 #10
Originariamente inviato da: AlPaBo
Nel documento originale (che andrebbe sempre letto in questi casi) è scritto:

"Over the past five years, fixed-broadband prices as a share of GNI per
capita dropped by 82%. By 2012, fixed- broadband prices represented
1.7% of monthly GNI p.c. in developed countries. In developing
countries, fixed- broadband services remain expensive, accounting for
30.1% of average monthly incomes."

In soldoni, per 1000€ di stipendio ci sia aspetta un costo di connessione Internet di 17€ nei paesi sviluppati e di 301€ nei paesi in via di sviluppo (in realtà è più probabile un costo di connessione di 30€ su uno stipendio di 100€).


Il nostro è un paese sviluppato (nonostante le solite battute scontate e stupide tipo quella di qboy, che non sa di cosa parla e non sa cos'è davvero un paese sottosviluppato) e quindi effettivamente il costo mensile di una connessione è attorno ai 20€ (i contratti sono attorno ai 30€, ma comprendono anche la connessione telefonica)

cè una bella sezione del piemonte dove arriva solo il 56k, e dove arriva l'"ADSL" 640, te le fan pagare 30€ come coloro in città che hanno 20mb reale alllo stesso prezzo. criticami quanto vuoi, ma non ti auguro di essere nei miei panni, perchè rideresti veramente poco. poi oh se tu sei un nazionalista e fiero dell'sviluppo attuale dell'ITALIA, buon per te

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^