Anche la Libia prova ad oscurare il web

Anche la Libia prova ad oscurare il web

Traffico internet drasticamente ridotto in Libia, in seguito alla rivolta in corso nel paese nordafricano. Interessate anche TV e rete telefonica.

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:57 nel canale TLC e Mobile
 

Dopo l'Egitto, anche la Libia prova a oscurare il traffico internet sul proprio suolo nazionale, sebbene i risultati siano ad oggi meno incisivi. Una situazione dettata ovviamente dai disordini dei giorni scorsi, sull'onda di una rivolta in atto repressa nel sangue da Muammar Gheddafi. Nonostante ciò la protesta continua e una delle conseguenze dirette è il tentativo, da parte del regime, di oscurare il web, visto come strumento in grado di diffondere notizie e luogo ideale per organizzare sommosse in maniera rapida e visibile a tutti

In base a quanto riportato da Cnet, il traffico web registrato in Libia ha subito un drastico calo, quantificabile in un meno 60-80% a partire dal 19 febbraio, con interruzioni totali per due brevi lassi temporali. Le informazioni sono ovviamente frammentarie e si fanno avanti alcune ipotesi per i blackout completi, da alcuni ritenuti conseguenza ti tagli totali al flusso di energia elettrica. Una tesi in parte smentita da un reporter della CNN, che avrebbe osservato, nei due periodi oggetto dell'analisi, un down esclusivamente riferito al web in concomitanza con una normale erogazione dell'energia elettrica.

Quel che è certo è che Facebook risulta bloccato, così come drasticamente ridotti gli accessi a Twitter e Youtube. La Libia ha da sempre adottato un atteggiamento abbastanza permissivo nei confronti del web, utilizzando in maniera molto contenuta l'applicazione di filtri. La recente situazione socio-politica deve aver dunque spinto alcune figure vicine al regime ad intervenire in modo frettoloso, ottenendo risultati non così drastici come nel vicino Egitto.

Un altro motivo della drastica riduzione del traffico, ma non totale, si riscontrare nel fatto che buona parte della connettività è in mano a Libya Telecom and Technology, provider statale molto vicino al governo. Libya Telecom and Technology non è comunque l'unico ISP libico e sembra che le azioni di oscuramento siano state prese molto seriamente solo da questa realtà.

Il CEO di bit.ly, sito molto visitato dall'utenza libica, ha affermato che l'oscuramento difficilmente riguarderà il suo spazio web, in quanto alcuni sei server risiedono in Oregon e nei Paesi Bassi. I tentativi di oscuramento del governo però sono ancora in corso, motivo per cui sarà interessante seguire lo svolgersi dei fatti nei prossimi giorni. Uno dei primi siti oscurati è stato Al Jazeera, così come appaiono fortemente disturbate anche le segnalazioni satellitari. Anche la rete dei telefoni cellulari è soggetta a disturbi e malfunzionamenti, a riprova di come l'informazione, o la mancanza di essa, giochi un ruolo sempre più importante nelle situazioni di crisi.

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Redvex23 Febbraio 2011, 12:04 #1
Sembra che ultimamente vada molto di moda oscurare internet.
al13523 Febbraio 2011, 12:18 #2
poveracci... come se pensassero veramente che basti oscurare facebook per bloccare le iniziative
questi poverini andranno avanti ancora per poco, prima della rivoluzione totale.
godetevi gli ultimi giorni di dittatura
Spyto23 Febbraio 2011, 12:48 #3
Non basta internet a frenare la voglia di libertà... facci un favore Muammar Gheddafi vatti a nascondere in un buco e non ti fare mai più vedere.
gbhu23 Febbraio 2011, 12:54 #4
La situazione non è ancora chiara ma, se dovesse realmente dilagare ed esplodere in tutta la sua forza, credo che tra una cinquantina d'anni gli studenti a scuola studieranno, oltre alla rivoluzione americana e a quella francese, anche la rivoluzione mediorientale.
p4ever23 Febbraio 2011, 13:20 #5
queste dittature vecchie di 50 anni devono finire...anzi...stanno finendo, la gente finalmente ha aperto gli occhi, questi vecchi beduini che si sentono onnipotenti ed i loro tirapiedi a bordo di cammelli poco alla volta saltano tutti per aria per fare spazio ad un pò di democrazia....anche gli italiani stanno aspettando questo cambiamento in italia da troppo tempo...ma sono fiducioso
OT
cmq sia questo casino in Africa ha sballato i piani del Berlusca, che suppongo avesse preso in considerazione Tripoli come città per il suo esilio...è più preoccupato per questo che per altro immagino)
fineOT
blackshard23 Febbraio 2011, 13:42 #6
Originariamente inviato da: al135
poveracci... come se pensassero veramente che basti oscurare facebook per bloccare le iniziative
questi poverini andranno avanti ancora per poco, prima della rivoluzione totale.
godetevi gli ultimi giorni di dittatura


Beh io non darei del poveraccio a qualcuno che fa tirare bombe e razzi sulla sua gente. Gli darei piuttosto dello st****o, ma è solo una questione di forma.

Originariamente inviato da: p4ever
queste dittature vecchie di 50 anni devono finire...anzi...stanno finendo, la gente finalmente ha aperto gli occhi, questi vecchi beduini che si sentono onnipotenti ed i loro tirapiedi a bordo di cammelli poco alla volta saltano tutti per aria per fare spazio ad un pò di democrazia....anche gli italiani stanno aspettando questo cambiamento in italia da troppo tempo...ma sono fiducioso
OT
cmq sia questo casino in Africa ha sballato i piani del Berlusca, che suppongo avesse preso in considerazione Tripoli come città per il suo esilio...è più preoccupato per questo che per altro immagino)
fineOT


Ehhh berlusca ha secciato un po' di gente: prima mubarak (tramite sua "nipote" ruby) e poi pure gheddafi (il bunga bunga me lo ha insegnato gheddafi, disse...).
Comunque gheddafino verrà in italia, si piglierà berlusconi e se ne andranno tutti e due in esilio in sudamerica a mangiarsi tutti i loro soldi con le puttane e i transex. Bella vita quella dell'esiliato.
p4ever23 Febbraio 2011, 13:51 #7
Originariamente inviato da: blackshard
Beh io non darei del poveraccio a qualcuno che fa tirare bombe e razzi sulla sua gente. Gli darei piuttosto dello st****o, ma è solo una questione di forma.



Ehhh berlusca ha secciato un po' di gente: prima mubarak (tramite sua "nipote" ruby) e poi pure gheddafi (il bunga bunga me lo ha insegnato gheddafi, disse...).
Comunque gheddafino verrà in italia, si piglierà berlusconi e se ne andranno tutti e due in esilio in sudamerica a mangiarsi tutti i loro soldi con le puttane e i transex. Bella vita quella dell'esiliato.


hai ragione, gli egiziani hanno preso a calci Mubarak dopo aver saputo che "sua nipote" è stata a letto con Silvio...dove tocca lui fa solo macelli che cavolo...Ghedaffi è suo amico del cuore e lo stanno facendo saltare...il prossimo capo di stato che incontra il nostro Silvio come minimo si tocca lì....!
WarSide23 Febbraio 2011, 13:57 #8
Originariamente inviato da: blackshard
Comunque gheddafino verrà in italia, si piglierà berlusconi e se ne andranno tutti e due in esilio in sudamerica a mangiarsi tutti i loro soldi con le puttane e i transex. Bella vita quella dell'esiliato.


Ma che sudamerica... secondo te perché ha costruito decine di ville ad Antigua? Non appena avrà finito di ammazzarsi di lavoro per noi si ritirerà lì per potersi rilassare assieme ai suoi amichetti e, soprattutto, amichette
!fazz23 Febbraio 2011, 14:29 #9
[B][COLOR="Blue"]Capisco la notizia ma vediamo di rimanere sul piano veramente tecnico della notizia (l'oscuramento della rete) cercando di evitare i discorsi sulla politica libica e sulla strage di civili innocenti altrimenti il thread diventa ingestibile
[/COLOR][/B]
Sputafuoco Bill23 Febbraio 2011, 17:14 #10
E' vero queste rivoluzioni sono la fine di queste dittature....che vengono sostituite con nuove dittature come in Egitto. La dittatura militare che ha preso il potere in Egitto, dopo aver abolito le libertà di manifestare, dissentire e scioperare, ha fatto passare per la prima volta da 30 anni navi militari iraniane nel canale di Suez e tra poche ore saranno davanti alle coste Israeliane.
E' da secoli che ci sono colpi di stato nei paesi arabi...ed un regome prende il posto di uno nuovo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^