Android e iOS in oltre il 92% degli smartphone venduti nel Q1 2013

Android e iOS in oltre il 92% degli smartphone venduti nel Q1 2013

Risultati di vendita elevatissimi per i due top sistemi operativi nel mercato degli smartphone; buon terzo posto per Windows Phone, benché con notevole distacco, mentre rimangono ben evidenti le difficoltà di BlackBerry

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 10:31 nel canale TLC e Mobile
BlackBerryAndroidWindowsWindows PhoneiOSMicrosoftApple
 

Con cadenza trimestrale IDC pubblica i dati di vendita dei dispositivi smartphone, evidenziando quale sia il peso dei vari prodotti presenti sul mercato a seconda del sistema operativo di riferimento. Analizzando i risultati dei primi 3 mesi del 2013 non stupisce ovviamente trovare Android e iOS in testa, ma è il rapporto tra questi due sistemi operativi a suscitare stupore.

I terminali smartphone Android hanno totalizzato vendite per circa 162,1 milioni di pezzi, raccogliendo una quota di mercato del 75%. A titolo di confronto nel corso dello stesso periodo dello scorso anno il dato era del 59,1%, con un totale di 90,3 milioni di smartphone venduti. I modelli iPhone di Apple hanno venduto per circa 37,4 milioni di pezzi, dato al quale corrisponde una quota di mercato del 17,3%: in questo caso registriamo un aumento nel numero di terminali dai precedenti 35,1 milioni del primo trimestre 2012 ma un calo della quota di mercato, pari precedentemente al 23%.

Al terzo posto troviamo i terminali Windows Phone, che hanno ottenuto vendite per 7 milioni di smartphone nel periodo contro i 3 milioni dell'anno precedente. La quota di mercato è passata in questo caso dal 2% all'attuale 3,2%, superando BlackBerry OS sceso al quarto posto. Per questo sistema operativo le vendite hanno toccato 6,3 milioni di pezzi, per una quota di mercato del 2,9%; nel 2012 questi dati erano rispettivamente pari a 9,7 milioni e 6,4%, numeri che indicano chiaramente quale impatto sulle vendite BlackBerry abbia registrato nel corso degli ultimi 12 mesi.

Linux segue al quinto posto con circa l'1% del mercato e 2,1 milioni di terminali, in calo rispetto al 2,4% del Q1 2012. Symbian continua la marcia verso la definitiva uscita dal mercato con vendite per 1,2 milioni di smartphone e una quota di mercato dello 0,6%, dati che si confrontano con 10,4 milioni di terminali e una quota di mercato del 6,8% del primo trimestre 2012.

In totale i primi 3 mesi del 2013 hanno registrato vendite per circa 216 milioni di smartphone, dato in crescita del 41,6% rispetto ai poco meno di 153 milioni di pezzi venduti nel primo trimestre del 2012.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Veradun17 Maggio 2013, 12:39 #1
Bel titolo, molto giornalistico.
Eress17 Maggio 2013, 13:38 #2
Sembra che per Nokia ci sia una piccola ripresa, ma per ora i numeri di WP restano ancora scarsi.
Althotas17 Maggio 2013, 17:16 #3
Android=75%, Windows phone=3.2%. Quel "buon" terzo posto di windows phone, mi sembra un "parolone". Tolti i primi due O.S., per le briciole che restano è una guerra tra poveri, con windows phone che aumenta la sua quota di mercato di un misero 0.6% rispetto al trimestre precedente: http://www.hwupgrade.it/forum/showp...p;postcount=223
maumau13818 Maggio 2013, 11:52 #4
Quali sono i terminali mobile con Linux?

Originariamente inviato da: Althotas
Android=75%, Windows phone=3.2%. Quel "buon" terzo posto di windows phone, mi sembra un "parolone". Tolti i primi due O.S., per le briciole che restano è una guerra tra poveri, con windows phone che aumenta la sua quota di mercato di un misero 0.6% rispetto al trimestre precedente: http://www.hwupgrade.it/forum/showp...p;postcount=223


Guardala in un altro modo, ha aumentato la quota di mercato di ben il 23%, è un grande risultato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^