Annunciate le specifiche del 5G: celle da 20Gbps, latenza di 1ms

Annunciate le specifiche del 5G: celle da 20Gbps, latenza di 1ms

Un documento (ancora in bozza, ma piuttosto definitivo) della ITU stabilisce le specifiche dello standard 5G che chi eseguirà il deployment delle reti dovrà seguire

di Nino Grasso pubblicata il , alle 18:15 nel canale TLC e Mobile
 

Le specifiche del 5G sono state pubblicate all'interno di un documento della International Telecommunication Union (ITU). Qui si leggono alcune delle caratteristiche già decise, come ad esempio la capacità complessiva di download per una singola cella di 20Gbps in contrapposizione del singolo Gbps per cella delle tecnologie LTE attuali. Il prossimo standard 5G deve supportare 1 milione di dispositivi interconnessi per chilometro quadrato e richiederà agli operatori almeno 100MHz di spettro radio libero cercando di puntare a circa 1GHz quando possibile.

Il documento è stato pubblicato sotto forma di bozza ma molto probabilmente verrà approvato e finalizzato entro la fine dell'anno quando si inizieranno a concretizzare fattivamente le prime reti 5G. Nelle specifiche si legge che la stazione base deve disporre di un downlink di almeno 20Gbps e 10Gbps in uplink, capacità che devono essere ripartite ovviamente a tutti i dispositivi collegati. La tecnologia deve inoltre aumentare la capacità delle reti 4G attuali anche per quanto riguarda la densità di connessione, riuscendo a collegare fino a 1 milione di dispositivi per chilometro quadrato.

Si tratta di una novità anch'essa particolarmente attesa dal momento che il 5G abbraccerà appieno il mondo della cosiddetta Internet of Things. Adesso abbiamo anche una cifra ben precisa, con le reti che saranno chiamate a gestire in maniera veloce, intelligente e flessibile un numero di dispositivi ben maggiore rispetto ad oggi, fra semafori, strumenti per il parcheggio, dispositivi, veicoli, e tutto quanto è disponibile nella Smart City e nell'ambiente domestico. Il 5G deve rispondere velocemente non solo alle esigenze di dispositivi statici, ma anche di quelli in movimento.

Proprio come LTE e LTE-Advanced infatti le stazioni base dovranno supportare dispositivi fermi (0km/h) fino a dispositivi che viaggiano alla velocità di 500km/h. Questo fa capire che con il 5G non si punterà solo sulle aree urbane centrali, ma anche su quelle più periferiche dove corrono i treni ad alta velocità. Un altro aspetto importante del 5G è l'efficienza energetica: le celle dovranno infatti impostarsi in una modalità ad alte performance quando sotto carico e a risparmio energetico quando non in uso, con il passaggio che deve richiedere un massimo di 10ms di latenza.

In circostanze ideali le reti 5G dovranno funzionare ad una latenza massima di 4 millisecondi, laddove le attuali celle LTE funzionano ad un minimo di 20 millisecondi. Le comunicazioni URLLC (quelle più sensibili alla latenza) dovranno invece garantire un funzionamento con appena 1 millisecondo. Efficienza che si traduce non solo in risparmio energetico, ma anche in bit che possono viaggiare via aerea per ogni Hertz dello spettro di frequenze: il dato qui è simile ad LTE-Advanced, circa 30 bit per Hz in download e 15 bit per Hz con configurazioni 8x4 MIMO.

Nonostante la capacità di picco della cella secondo lo standard ogni utente dovrebbe poter scaricare ad una velocità di 100Mbps e 50Mbps in upload. Si tratta di valori raggiungibili dalle tecnologie LTE-Advanced oggi, anche se sembra che con il 5G queste condizioni saranno quasi del tutto garantite in condizioni ideali. Tracciate le basi del 5G, adesso bisogna trovare il modo pratico per riuscire a raggiungere i risultati e sono parecchie le società che stanno puntando da tempo sullo sviluppo della tecnologia. Il tutto in vista di un deployment in massa previsto per il 2020.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy27 Febbraio 2017, 18:31 #1
ma se manco la fibra ftth va a 1ms come farebbe il 5g?
*Pegasus-DVD*27 Febbraio 2017, 19:30 #2
looooooool
Dumah Brazorf27 Febbraio 2017, 19:41 #3
Non avete capito. 1ms è il tempo che ci metti a bruciare il giga mensile.
Vash8827 Febbraio 2017, 19:56 #4
Tecnicamente, se gli operatori riescono a fare questi prezzi/gigabite su LTE, supponendo investimenti saranno simili a quelli spesi per LTE, su 5g dovrebbero aumentare di 20 volte la quantità di gigabite disponibile per ogni cliente una volta a regime. Purtroppo credo che gli operatori non seguiranno una funzione lineare

Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Non avete capito. 1ms è il tempo che ci metti a bruciare il giga mensile.


Considerando che il primo modem 5g qualcomm X50 ha una banda di 5Gbps in downlink con 800mhz di spettro disponibile, circa 625MB/s, in un secondo e mezzo hai finito il giga
Pezzo27 Febbraio 2017, 22:40 #5
Originariamente inviato da: Vash88
Tecnicamente, se gli operatori riescono a fare questi prezzi/gigabite su LTE, supponendo investimenti saranno simili a quelli spesi per LTE, su 5g dovrebbero aumentare di 20 volte la quantità di gigabite disponibile per ogni cliente una volta a regime. Purtroppo credo che gli operatori non seguiranno una funzione lineare


Potrebbero benissimo aumentare i giga e diffondere le emoticon da 100 mega
rockroll28 Febbraio 2017, 02:45 #6
[QUOTE=Pezzo;44521108]Potrebbero benissimo aumentare i giga e diffondere le emoticon da 100 mega[/QUOTE

Prevedo che il traffico di emoticons subirà un'impennata: non vedo molto di più utile che possa impegnare comunicazioni i cui valori paiono sparati a cavolo (sono capace anche io di buttar giù in pochi minuti numeri da mirabilia).

.
ciccio357p28 Febbraio 2017, 12:36 #7
Il tutto con incredibili tagli a partire da 1giga mensili sino ad un massimo di 30 ( costo di un rene )
Ottima tecnologia buttata nel cesso ....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^