BIF 2011: BlackBerry torna a focalizzarsi sul settore professionale

BIF 2011: BlackBerry torna a focalizzarsi sul settore professionale

Il BlackBerry Innovation Forum 2011 lancia segnali precisi: RIM torna a fare del settore aziendale e professionale il suo focus principale, senza però dimenticare la consumerizzazione anche di questo ambito

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 15:40 nel canale TLC e Mobile
RIMBlackBerry
 

Recentemente si è tenuta la tappa italiana del BlackBerry Innovation Forum 2011, una serie di eventi a livello europeo dal titolo 'Enterprising Minds'. La convention è stata aperta da Alberto Acito, Managing Director di RIM Italy, e poi ha visto in mattinata l'intervento di Chicco Testa, attuale Managing Director di Rothschild e che ha ricoperto in passato importanti cariche come, ad esempio, quella di presidente del consiglio di amministrazione di Enel. Alcune delle idee chiave espresse da Testa sono riassunte in questo breve video.

Dopo gli interventi della mattinata abbiamo partecipato ad un incontro riservato alla stampa con il quale è stato possibile scambiare qualche opinione con Alberto Acito. L'amministratore delegato della filiale italiana di RIM si è detto molto soddisfatto della partecipazione al BlackBerry Innovation Forum 2011, che ha visto raddoppiare le presenze rispetto allo scorso anno. Possiamo confermare anche personalmente questo dato, con una sessione plenaria davvero gremita di delegati, molti dei quali costretti ad assistere agli interventi in piedi.

Acito ha inoltre tenuto a sottolineare come RIM sia un esempio praticamente unico nel panorama italiano, in grado di raccogliere in un solo evento così tanti delegati per discutere dei temi dell'innovazione. La sessione mattutina e l'incontro con Acito ci permettono di elaborare qualche considerazione sull'attuale momento di BlackBerry.

A livello enterprise i problemi di black-out del mese di ottobre sono stati ben digeriti, mentre a livello consumer il lavoro da fare è ancora molto e anche la proposta di applicazioni gratuite come compensazione al momento lascia molti utenti insoddisfatti.

Dai toni che RIM ha usato durante la convention emerge la volontà di rifocalizzarsi in modo netto sul pubblico business, dopo la svolta consumer intrapresa da RIM negli ultimi tempi. O meglio, si tratta di una riparametrazione dell'apertura al mondo consumer: dopo un forte sbilanciamento verso il mercato di massa degli utenti privati, che ha sicuramente drenato importanti energie a RIM, l'azienda canadese ha deciso di puntare sull'equilibrio tra queste due spinte una volta opposte, ma sempre più convergenti.

Da un lato è innegabile che anche gli utenti professionali vogliano sempre più caratteristiche consumer anche sul proprio smartphone business, quali la multimedialità, i social network e i giochi, dall'altro gli utenti consumer vengono conquistati dalle possibilità offerte dagli smartphone nella gestione di email, messaggi e contatti di lavoro.

La sensazione è che per adeguarsi alla spinta consumer BlackBerry abbia trascurato in parte il presidio dell'ambito business, sul quale ha deciso ora di tornare a investire risorse. Il fatto che l'anno scorso il BlackBerry Innovation Forum fosse dedicato in buona parte alla presentazioni di nuovi terminali, tra cui il tablet Palybook, mentre quest'anno si sia concentrato maggiormente sull'aspetto dei servizi di partnership alle aziende, riscuotendo molto più successo, è sintomatico che il core business di RIM resta, anche nella mente degli utenti, quello aziendale e professionale.

RIM, nelle parole di Alberto Acito, ammette che il 2011 ha visto alcuni cambi di rotta in corso d'opera, ma questo fatto viene portato ad esempio positivo di una buona flessibilità di un'azienda che ha chiara in mente la sua mission, e non come sintomo di poca chiarezza sui piani futuri. Naturalmente, come sempre accade, saranno il tempo e il mercato a decretare quale sia l'opinione corretta.

L'esempio di BlackBerry Playbook rappresenta, secondo Acito, un esempio di questa visione: dopo un annuncio forse un po' acerbo, a parere nostro fatto con il principale scopo di presidiare il territorio a fronte dell'ondata di tablet arrivati sul mercato, la seconda versione del sistema operativo BlackBerry Playbook OS, promessa entro la fine di questo 2011, è stata posticipata a febbraio, per arrivare sui tablet molto più matura, con pieno supporto alle applicazioni Android, più integrata nelle tecnologie HTML5 e in grado di dare una svolta al destino di Playbook, al momento molto in dubbio.

RIM crede molto nel nuovo sistema operativo BBX OS, che vedrà la luce nel 2012 e che si basa sull'integrazione tra la collaudata piattaforma BlackBerry OS e l'esperienza di QNX, acquisita più di un anno fa e che ha sviluppato l'ottimo sistema operativo che equipaggia Playbook. RIM, nonostante in molti la diano per avviata sul viale del tramonto, si dichiara ottimista in merito al suo futuro. Sicuramente l'ampia base che negli anni ha saputo costruirsi in ambito business rappresenta delle solide fondamenta e il rifocalizzarsi in questo ambito da parte dell'azienda canadese rende evidente come questo sia anche il pensiero di RIM.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
v1doc06 Dicembre 2011, 19:20 #1
Tradotto in parole povere: dopo aver preso sonore legnate da iOS e Android nel mondo consumer si ritirano nell'unica nicchia di mercato che gli è ancora rimasta
Family Guy06 Dicembre 2011, 19:55 #2
"L'esempio di BlackBerry Playbook rappresenta, secondo Acito, un esempio di questa visione: dopo un annuncio forse un po' acerbo, a parere nostro fatto con il principale scopo di presidiare il territorio a fronte dell'ondata di tablet arrivati sul mercato"

"Il produttore del BlackBerry aveva avvertito gli investitori che i risultati del terzo trimestre avrebbero incluso un onere ante imposte di $ 485 milioni, corrispondente agli invenduti di PlayBook che nelle ultime settimane RIM sta cercando di liquidare a colpi di promozioni."
http://www.forexinfo.it/Apple-iPad-fa-una-nuova-vittima-Di

si "forse" un po' acerbo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^