Da Intel un chip 3G di piccole dimensioni per Internet of Things

Da Intel un chip 3G di piccole dimensioni per Internet of Things

L'azienda di Santa Clara sviluppa un chip 3G di piccole dimensioni, ideale per le applicazioni IoT. La futura evoluzione sarà LTE

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:01 nel canale TLC e Mobile
Intel
 

Intel ha realizzato un modem cellulare 3G con un amplificatore integrato in grado di occupare appena 300mm quadrati. XMM 6255, questo il nome del chip, è il più piccolo nel suo genere ed è indirizzato verso l'ambito Internet of Things con particolare attenzione al mondo del monitoraggio sanitario.

Di norma gli OEM si rivolgono a soluzioni WiFi e Bluetooth Low Energy per i collegamenti nell'ambito delle applicazioni IoT per via della loro bandwidth relativamente ampia e del basso consumo energetico. Osserva però Stefan Wolff, responsabile operativo delle attivià di ricerca e sviluppo del Wireless Platform Group di Intel: "Quando la mobilità, l'affidabilità e la sicurezza sono importanti insieme, è il campo dove primeggia la tecnologia cellulare".

Attualmente il nuovo modem, realizzato con tecnologia CMOS a 65 nanometri, supporta connessioni 2G e 3G, con l'LTE che sarà il prossimo passo evolutivo nella roadmap IoT di Intel. Il modem ha una connessione in downlink fino a 7,2Mbit al secondo e fa uso di una singola antenna. "Per un troughput maggiore hai bisogno di due antenne ricevitori e questo aggiunge complessità e costi. I requisiti IoT non permettono ai vendor di costruire antenne performanti per molte ragioni, tra le quali il fatto che le antenne occupano spazio. Noi crediamo che i casi d'uso IoT non permetteranno di adottare antenne ad elevate prestazioni" ha affermato Wolff.

L'analista Will Strauss di Forward Concepts ha osservato che il nuovo modem di Intel supporterà collegamenti GPS e WiFi, che mette l'azienda di Santa Clara in una posizione di privilegio. "WiFi ha certamente una capacità dati superiore ma solamente per 300 piedi, mentre con il 3G puoi comunicare da qui in Cina. Credo che sia una buona idea essere capaci di osservare quali tecnologie si hanno a disposizione ed essere in grado di servire un mercato che sta crescendo" ha dichiarato Strauss.

Lo sviluppo del modem è stato possibile grazie all'acquisizione di Infineon, avvenuta nel corso del 2010, che ha portato nuove competenze all'interno del colosso di Santa Clara.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrealizer28 Agosto 2014, 11:09 #1
Perfetto, si è appena avverato il motivo per cui IPv6 è tanto importante
FS928 Agosto 2014, 15:22 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Lo sviluppo del modem è stato possibile grazie all'acquisizione di Infineon Wireless Solutions


Non hanno comprato tutta Infineon...
Comunque ora spettiamo che qualcuno faccia qualcosa di utile in questo IoT; di connettere il mio frullatore al cloud credo di non averne molto bisogno.
lucusta28 Agosto 2014, 22:39 #3
oggi no, il tuo frullatore va' bene cosi', ma per il futuro non ne sarei tanto convinto...
questo tipo di logica "intel" oggi va' bene solo per sistemi remoti d'allarme o poche altre cose di nicchia, ma domani sara' molto piu' utilizzato, soprattutto quando introdurranno le sim virtuali.
sistemi del genere gia' sono in uso su certa apparecchiatura per la configurazione, aggiornamento e riparazione software da remoto; avevamo un apparecchio di una certa consistenza che poteva essere configurato da remoto direttamente dalla casa produttrice grazie ad un modem integrato 2G, bypassando tutti i limiti dell'infrastruttura informatica aziendale (tranne la policy, per cui l'abbbiamo disabilitato..).
il tecnico poteva aggiornarci la macchina e configurarla da remoto grazie al controllo remoto del PC d'interfaccia.

domani un chip del genere potrebbe intervenire a livello di UEFI, e quando hai un problema tecnico sul portatile/smartphone o qualsiasi apparecchio l'assistenza ci entrera' dentro da remoto direttamente.
la mia lavatrice puo' modulare suoni in modo che se ti da problemi tecnici avvicinando la cornetta del telefono ad un punto preciso (l'altoparlante) dialoga direttamente con l'assistenza dicendogli qual'e' il problema (mai capito perche' non mettere una voce sintetizzata che te lo comunichi e poi tu lo dici all'assistenza).
domani quando l'auto ti si ferma potresti schiacciare un bottone e vederti arrivare un carrattrezzi o un titizio con la tanica di benzina perche' non ti eri accorto che era finita...

insomma, se la tecnologia diventa economica, perche' non sfruttarla nelle sue capacita' anche per le idiozie?
The_Xeno29 Agosto 2014, 00:44 #4
Originariamente inviato da: lucusta
oggi no, il tuo frullatore va' bene cosi', ma per il futuro non ne sarei tanto convinto...
questo tipo di logica "intel" oggi va' bene solo per sistemi remoti d'allarme o poche altre cose di nicchia, ma domani sara' molto piu' utilizzato, soprattutto quando introdurranno le sim virtuali.
sistemi del genere gia' sono in uso su certa apparecchiatura per la configurazione, aggiornamento e riparazione software da remoto; avevamo un apparecchio di una certa consistenza che poteva essere configurato da remoto direttamente dalla casa produttrice grazie ad un modem integrato 2G, bypassando tutti i limiti dell'infrastruttura informatica aziendale (tranne la policy, per cui l'abbbiamo disabilitato..).
il tecnico poteva aggiornarci la macchina e configurarla da remoto grazie al controllo remoto del PC d'interfaccia.

domani un chip del genere potrebbe intervenire a livello di UEFI, e quando hai un problema tecnico sul portatile/smartphone o qualsiasi apparecchio l'assistenza ci entrera' dentro da remoto direttamente.
la mia lavatrice puo' modulare suoni in modo che se ti da problemi tecnici avvicinando la cornetta del telefono ad un punto preciso (l'altoparlante) dialoga direttamente con l'assistenza dicendogli qual'e' il problema (mai capito perche' non mettere una voce sintetizzata che te lo comunichi e poi tu lo dici all'assistenza).
domani quando l'auto ti si ferma potresti schiacciare un bottone e vederti arrivare un carrattrezzi o un titizio con la tanica di benzina perche' non ti eri accorto che era finita...

insomma, se la tecnologia diventa economica, perche' non sfruttarla nelle sue capacita' anche per le idiozie?


Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^