Enel vince l'esclusiva per Metroweb: battuta Telecom Italia

Enel vince l'esclusiva per Metroweb: battuta Telecom Italia

Il CDP ha preferito l'offerta di Enel su quella di Telecom. C'è chi parla di scelta politica e dettata da preconcetti, con Telecom che non avrebbe avuto speranze sin dal principio

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:31 nel canale TLC e Mobile
 

Con un'asta al ribasso ma forte di un piano di innovazione più solido e coerente con la strategia di Metroweb, Enel ha conquistato l'esclusiva per le trattative di acquisizione della fiber company milanese. L'ex monopolista energetico aveva messo sul piatto 806 milioni di euro, rivalutando una sua precedente offerta di 780 milioni. Telecom aveva offerto qualche milione in più ma nonostante ciò la Cassa Depositi e Prestiti (CDP), che ha il 46,2% di Metroweb, ha optato per Enel.

Nei prossimi giorni si riunirà anche il consiglio di amministrazione di F2I, fondo principale azionista della fiber company con il restante 53,8% della società. Le diverse compagnie entreranno nel cuore delle trattative stabilendo quale strategia adottare per l'acquisizione e come proseguire con i piani di copertura della fibra ottica in Italia. Metroweb dovrebbe entrare a far parte della holding Enel Open Fiber, con cui si cercherà di coprire con la fibra ottica anche le zone meno centrali del Paese.

La scelta di CDP è apparsa però a molti più politica che di convenienza. Azionisti e fondi internazionali sostengono che quella di Telecom fosse un'offerta migliore da più punti di vista, con la scelta che non è stata proprio ad armi pari come invece si auspicavano i vertici di Telecom. Il governo, secondo fonti citate dall'Huffington Post, esclude eventuali favoritismi: "La trattativa con Telecom è saltata sulla valutazione attribuita a Sparkle. Non si sono accordati su questo punti".

Bisogna tuttavia considerare che, nonostante le differenti somme proposte, le offerte di Telecom ed Enel differivano su più punti. Laddove il gestore telefonico offriva tutta la somma (814 milioni di euro) cash con la possibilità di ottenere il 100% di Metroweb sin da subito o il 67% in un primo momento e il restante 33% successivamente, Enel proponeva parte della somma cash e parte in azioni, con la possibilità per Metroweb di entrare nel capitale di Enel Open Fiber.

Considerazioni tecniche a parte è forte la sensazione per cui la scelta dell'esclusiva per le trattative di acquisizione di Metroweb, andata ad Enel, sia stata dettata da alcune paure "politiche" del settore. Secondo gli esponenti del PD Salvatore Tomaselli e Marco Filippi, Telecom e Metroweb insieme avrebbero infatti potuto creare un rischio di "concentrazione pericolosa per lo sviluppo del mercato delle telecomunicazioni".

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxiHori26 Maggio 2016, 15:49 #1
sono d'accordo, Enel è sicuramente il meno peggio in questo caso dato che diventa un operatore addizionale nelle telecomunicazioni
Cappej26 Maggio 2016, 16:15 #2
detta così... bene!!!! speriamo che un competitor "neutrale" possa migliorare la qualità senza doppi fini...
Cappej26 Maggio 2016, 16:18 #3
Originariamente inviato da: MaxiHori
sono d'accordo, Enel è sicuramente il meno peggio in questo caso dato che diventa un operatore addizionale nelle telecomunicazioni


no, teoricamente no, e sarebbe questo il bello.
Loro creano e gestiscono (e quindi "noleggiano" l'infrastruttura a TUTTI in modo (teoricamente) uguale!
C'è un guasto? lo riparano, non interessa per conto di chi o delle quote detenute, il cavo è rotto o la centralina è guasta e viene riparata, fine!
Per quanto ho capito io.
Se poi diventa operatore siamo nel bottino come prima...
Alberto_9926 Maggio 2016, 16:30 #4
Visto il curriculum di Telecom non mi pare un delitto che sia stata messa ai margini per quanto riguarda la vicenda Metroweb.
Il_Baffo26 Maggio 2016, 17:05 #5
Azionista di maggioranza di Enel? Ministero dell’Economia e delle Finanze
https://www.enel.it/it-it/azienda/profilo/gruppo_enel

Azionista di maggioranza di Cassa depositi e Prestiti? Ministero dell’Economia e delle Finanze
http://www.cdp.it/chi-siamo/fatti-n...zionariato.html

Praticamente se la cantano e se la suonano da soli
inited26 Maggio 2016, 17:43 #6
Almeno non sono francesi, per ora.

Auspicare non è un verbo riflessivo.
san80d26 Maggio 2016, 18:00 #7
Originariamente inviato da: Il_Baffo
Azionista di maggioranza di Enel? Ministero dell’Economia e delle Finanze
https://www.enel.it/it-it/azienda/profilo/gruppo_enel

Azionista di maggioranza di Cassa depositi e Prestiti? Ministero dell’Economia e delle Finanze
http://www.cdp.it/chi-siamo/fatti-n...zionariato.html

Praticamente se la cantano e se la suonano da soli


viva il mercato
bongo7426 Maggio 2016, 18:02 #8
da quello che avevo capito, in precedenza, Enel non venderebbe direttamente ai privati ma farebbe "tipo da grossista" per altri ISP...
ho capito male?
san80d26 Maggio 2016, 18:02 #9
Originariamente inviato da: inited
Almeno non sono francesi, per ora.

Auspicare non è un verbo riflessivo.


chi se ne frega della nazionalità se dimostrano di essere migliori di noi
san80d26 Maggio 2016, 18:03 #10
Originariamente inviato da: bongo74
da quello che avevo capito, in precedenza, Enel non venderebbe direttamente ai privati ma farebbe "tipo da grossista" per altri ISP...
ho capito male?


hai capito bene, metterà a disposizione dei provider la sola infrastruttura

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^