Huawei: test di trasmissione a 2Tbps su rete Vodafone

Huawei: test di trasmissione a 2Tbps su rete Vodafone

Il test condotto su una rete operativa in fibra ottica in Germania con trasferimenti ad oltre 1500 e 3000 chilometri. Superata la velocità ottenuta lo scorso anno da ZTE con un test simile

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:51 nel canale TLC e Mobile
VodafoneHuaweiZTE
 

Huawei, realtà cinese specializzata nello sviluppo di apparati per telecomunicazioni, ha condotto con successo un test di trasmissione su fibra ottica di una rete operativa, raggiungendo una velocità di 2 terabit al secondo. Il test è stato condotto su una rete in fibra ottica di Vodafone sul territorio tedesco e potrebbe consentire, in futuro, di offrire agli operatori una dorsale di collegamento 20 volte più veloce delle reti commercialmente operative ad oggi.

Il test ha previsto una trasmissione a macchine situate a 1500km e 3325km dalla fonte, con la connessione transitante tra varie città della Germania centrale e del Sud. Huawei ha impiegato varie tecnologie di connessione, tra cui super Soft-Decision FEC e flex modulation, permettendo di superare considerevolmente il tradizionale limite di capacità di 100Gbps delle attuali dorsali.

La velocità di trasmissione raggiunta nel test supera quella di ZTE, altra realtà cinese che opera nello stesso settore di Huawei, ottenuta lo scorso anno con un test simile, quando fu effettuato un trasferimento a 1,7 terabit al secondo per una distanza di 1750km.

Questa tipologia di connessione potrebbe essere adottata dai carrier nazionali (verosimilmente dapprima in Germania, poi in estensione ad altri Paesi) per realizzare infrastrutture di collegamento tra varie regioni ed è abbastanza improbabile che queste velocità possano arrivare fino all'utenza domestica almeno nel futuro immediato.

Jack Wang, responsabile della divisione transport network product line di Huawei, ha commentato: "Siamo all'avanguardia della diffusione globale dei 100G, e abbiamo il primato nell'offrire infrastrutture rivoluzionarie nelle tecnologie oltre i 100G. Attraverso la collaborazione con Vodafone e altri operatori di rilievo internazionale e le attività di ricerca e sviluppo con al centro il cliente, Huawei è sempre pronta a costruire avanzate reti ottiche per i propri clienti".

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo28 Gennaio 2013, 12:14 #1
Eh...
Calcolando che il mio SSD fa circa 500 MB/sec, è talmente tanta roba che uno non riesce nemmeno ad immaginarla !
Hulk910328 Gennaio 2013, 12:52 #2
Originariamente inviato da: gd350turbo
Eh...
Calcolando che il mio SSD fa circa 500 MB/sec, è talmente tanta roba che uno non riesce nemmeno ad immaginarla !


Appunto, quindi non capisco il reale utilizzo di tale tecnologia, tanto si creerebbe un collo di bottiglia immenso ed in ogni caso dovresti aspettare l'ssd o hdd che sia

In ogni caso è solo una notizia da puro rosik, considerando che in Italia ancora molta gente è con l'analogico o la 700k.
pirlano28 Gennaio 2013, 13:00 #3
Originariamente inviato da: Hulk9103
Appunto, quindi non capisco il reale utilizzo di tale tecnologia, tanto si creerebbe un collo di bottiglia immenso ed in ogni caso dovresti aspettare l'ssd o hdd che sia

In ogni caso è solo una notizia da puro rosik, considerando che in Italia ancora molta gente è con l'analogico o la 700k.


Scusami, ma il tuo commento mi ha fatto rabbrividire
L'articolo parla di dorsali...sai cosa sono almeno?
Lithios28 Gennaio 2013, 13:10 #4
Il reale utilizzo di questa tecnologia che qualcuno chiede è quello di realizzare portanti wireless ad alta velocità dove inserire piu canali contemporaneamente penso. Un solo utente non se ne fa nulla di uan velocità di trasferimento wireless così ampia.
supermario28 Gennaio 2013, 13:23 #5
Originariamente inviato da: pirlano
Scusami, ma il tuo commento mi ha fatto rabbrividire
L'articolo parla di dorsali...sai cosa sono almeno?


No, è evidente.
emanuele8328 Gennaio 2013, 13:53 #6
Originariamente inviato da: Hulk9103
Appunto, quindi non capisco il reale utilizzo di tale tecnologia, tanto si creerebbe un collo di bottiglia immenso ed in ogni caso dovresti aspettare l'ssd o hdd che sia

In ogni caso è solo una notizia da puro rosik, considerando che in Italia ancora molta gente è con l'analogico o la 700k.


Gualmiro28 Gennaio 2013, 14:02 #7
Originariamente inviato da: Lithios
Il reale utilizzo di questa tecnologia che qualcuno chiede è quello di realizzare portanti wireless ad alta velocità dove inserire piu canali contemporaneamente penso. Un solo utente non se ne fa nulla di uan velocità di trasferimento wireless così ampia.


Cavo, fibra ottica
Wireless e roba senza fili qui non c'entrano

È roba molto lontana dall'utente finale. Semplificando molto i backbone sono delle colossali infrastrutture per collegare tra loro grandi reti. Ad esempio c'è un famoso backbone che collega direttamente Pisa agli stati del New England (più di 7000km di cavi sul fondo dell'oceano), ci sono grandi dorsali europee per smistare il traffico a livello continentale prima di spezzettarlo in dorsali più piccole a livello nazionale e giù giù via discorrendo fino ad arrivare a dei semplici collegamenti in fibra al livello IP per le colonnine delle varie ADSL o le antenne dei vari operatori mobili sul territorio. Milano-Francoforte, Parigi-Dusseldorf-Francoforte, Porto-Timisoara le principali.
Sono collegamenti che stanno ad un livello molto più profondo di quello dell'utente.

La rete internet non è molto diversa dalla rete dei voli aerei, ci sono degli aeroporti chiave, alcuni di secondaria importanza, alcuni che sono prettamente delle terminazioni collegate solo col proprio hub.
In proporzione se le dorsali sono roba che riguarda i grandi aeroporti internazionali, quello che riguarda l'utente finale al massimo è una Fiat Panda dell'87



Tornando alla notizia, la novità è che su un solo cavo oggi riescono a raggiungere quelle velocità. Chiaro che una dorsale è composta da centinaia, se non migliaia di singoli collegamenti del genere.
gd350turbo28 Gennaio 2013, 14:07 #8
Originariamente inviato da: Gualmiro
...Tornando alla notizia, la novità è che su un solo cavo oggi riescono a raggiungere quelle velocità. Chiaro che una dorsale è composta da centinaia, se non migliaia di singoli collegamenti del genere.


Ovvio !

Ma si spera che aumentando le dorsali, aumentino di conseguenza anche le sotto dorsali, le sotto sotto dorsali, fino ad arrivare in ultima analisi all'utente finale !
Gualmiro28 Gennaio 2013, 14:30 #9
Originariamente inviato da: gd350turbo
Ovvio !

Ma si spera che aumentando le dorsali, aumentino di conseguenza anche le sotto dorsali, le sotto sotto dorsali, fino ad arrivare in ultima analisi all'utente finale !


Beh, sul cavo non mi farei troppe illusioni. Se quello è l'anello debole della catena, tale rimane. Voglio dire, se l'ADSL va piano non è perché non hanno banda a monte.
Il discorso che fai è sacrosanto se si parla di fibra. Non che sia automatico il riverberarsi di queste innovazioni sulle utenze, ma certo sarebbe più che ragionevole pensarlo.

Per internet mobile boh... per ora le reti nuove sono scariche, quando saranno sotto pressione tra qualche anno si faranno le dovute valutazioni. Io personalmente penso che il 4G farà la fine del 3G, cioè più passa il tempo più peggiora la qualità. Lo vedo fisiologico al tipo di collegamento, ma mi fermo qui perché entro in un argomento, quello del 4G antenne radio e roba senza fili di cui in verità so veramente poco.
Notturnia28 Gennaio 2013, 14:50 #10
bestia.. 2Tbs.. spaventoso.. se si pensa a ieri.. ma tenendo conto che molta gente in europa ha connessioni a 20 mbit.. il passaggio a i 2Tb è solo obbligato.. alla fin fine non sono poi tantissime connessioni..

parliamo di dorsali.. non di network cittadino :-D

ricordo ancora i test Edison di 10 anni fa sulla loro linea da venezia a milano.. ora con un cavo fai quello che allora si faceva con una dorsale..

mano a mano che cresceranno gli apparecchi collegati in wifi serviranno dorsali più grosse.. alla fin fine i dati degli smartphone passano per le dorsali e non per i satelliti.. 10 anni fa nessuno usava uno smartphone adesso ce ne sono decine di milioni.. quei dati devono passare da qualche parte..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^