La Commissione Europea ed il Giappone insieme per il futuro delle reti

La Commissione Europea ed il Giappone insieme per il futuro delle reti

Annunciati sei progetti di ricerca che vedranno la collaborazione di Europa e Sol Levante per gettare le basi a nuove architetture di rete capaci di migliorare la capacità e l'efficienza nel trasporto dei dati. Spicca il progetto STRAUSS per la creazione di reti in fibra da 100Gbps

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:31 nel canale TLC e Mobile
 

La Commissione Europea e il Giappone hanno annunciato sei progetti di ricerca che hanno l'obiettivo di ridefinire le architetture di internet per migliorare l'efficienza del trasporto dati da parte delle reti. Tra i progetti ve n'è uno in particolare che mira alla costruzione di reti capaci di mettere a disposizione una banda di 100 gigabit al secondo, ovvero 5000 volte maggiore della media delle velocità di banda larga in Europa, di circa 20 megabit al secondo.

Neelie Kroees, vicepresidente della Commissione Europea, ha commentato: "La nostra futura internet non dovrebbe conoscere barriere, tantomeno quelle barriere create perché non ci siamo preparati per la rivoluzione dei dati".

Il mondo genera 1,7 milioni di byte di dati al minuto, i volumi di traffico dati sono raddoppiati tra la prima parte del 2012 e la prima parte del 2013 e dovrebbero crescere di 12 volte entro il 2018. I dati crescono più velocemente della capacità della rete di trasportarli e per questo motivo vi è un'esigenza sempre più pressante per reti nuove e più efficienti alla luce di una massiccia esplosione dei dati online che è attesa proseguire per il prossimo decennio.

I progetti riceveranno circa 18 milioni di Euro di finanziamento e andranno a toccare sfide come la cybersecurity, la capacità di rete, lo storage il traffico dati ad alta densità e l'efficienza energetica. Eccoli di seguito:

  • STRAUSS - creazioni di reti in fibra ottica a velocità di almeno 100Gbps
  • MiWEBA - sistema di gestione della capacità di rete migliorando l'uso e la gestione delle frequenze radio per spingere le connessioni mobile e ad altissima velocità
  • NECOMA - miglioramento della sicurezza dei dati in ambienti sensibili come il campo medico, con lo sviluppo di nuovi sistemi di valutazione per classificare minacce e potenziali impatti dei cyber attacchi.
  • GreenICN - sistema per testare un funzionamento energicamente efficiente della rete, con il test dell'affidabilità della rete in situazioni successive a disastri (tornado, terremoti) dove le risorse energetiche sono scarse e le prestazioni della rete sono vitali.
  • ClouT - sistema di controllo in tempo reale di sensori, per la gestione dell'energia, la regolazione dei flussi di traffico e la gestione delle emergenze nelle Smart City; un obiettivo che integrerà i paradigmi di Cloud Computing e Internet of Things.
  • FELIX - piattaforma sperimentale congiunta EU-Giappone che aiuterà le università e i centri di ricerca a testare le nuove tecnologie di rete. Queste nuove piattaforme miglioreranno l'uso delle infrastrutture sperimentali da parte dei ricercatori.

Il futuro delle telecomunicazioni e del computing sarà rappresentato da un mondo di utenti e dispositivi completamente interconnessi, che richiedono tecnologia più efficiente per superare i problemi del traffico e della sicurezza. La quantità di informazioni prodotta su base giornaliera è la chiave per i nuovi servizi e le applicazioni - dai motori di ricerca migliorati alla limitata congestione del traffico sulle arterie stradali - Collocare i big data sui server nel cloud permetterà l'interconnettività dei dispositivi wireless (smartphone, tablet, macchine e sensori) concretizzando così il paradigma dell'Internet of Things.

Questa iniziativa riunisce la Commissione Europe,a il Ministro Giapponese degli affari interni e delle comunicazioni, il National Institute of ICT assieme a importanti realtà Europee e Giapponesi, alle università e ai centri di ricerca e sviluppo come Orange, Telefonica, NEC, Panasonic, NTT, KDDI, ADVA, STMicroelectronics e Intel.

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy09 Luglio 2013, 12:52 #1
dovrebbero mettersi d'accordo per riportare l'italia su un livello decente piuttosto
daniluzzo09 Luglio 2013, 12:55 #2
Originariamente inviato da: qboy
dovrebbero mettersi d'accordo per riportare l'italia su un livello decente piuttosto


Ma nooo... io a 15 Km da Brescia pago una 20 Mb/s e ne ricevo scarsi 2!
E grazie a Telecom prima e Fastweb adesso sembra che debba dirgli grazie se ho l'adsl... Ladri!
Viva l'italia
Rubberick09 Luglio 2013, 13:00 #3
edit: ho capito una cosa per un altra
Darkon09 Luglio 2013, 13:14 #4
Ma nooo... io a 15 Km da Brescia pago una 20 Mb/s e ne ricevo scarsi 2!
E grazie a Telecom prima e Fastweb adesso sembra che debba dirgli grazie se ho l'adsl... Ladri!
Viva l'italia


Questa è un po' surreale perfino per telecom. Avessi detto 12-->15Mbps poteva anche starci ma nemmeno telecom ti fa l'allaccio a 20Mbps se la linea non raggiunge nemmeno i 10 stabilmente.

In conseguenza di ciò è molto probabile che dipenda dal pezzo di cavo dentro casa tua e non da telecom o simili.

Guarda io ti posso dire che mi trasferisco spesso per lavoro specie in piccoli paesi e la volta che mi è andata peggio si connetteva a 15.5Mbps la volta che mi è andata meglio a 19.8Mbps eppure sto in posti da 1200 abitanti lontani da grandi centri urbani. E non ti parlo di Lombardia o giù di lì ma di Marche e Toscana quindi compreso appennino.
daniluzzo09 Luglio 2013, 13:44 #5
Originariamente inviato da: Darkon
Questa è un po' surreale perfino per telecom. Avessi detto 12-->15Mbps poteva anche starci ma nemmeno telecom ti fa l'allaccio a 20Mbps se la linea non raggiunge nemmeno i 10 stabilmente.

In conseguenza di ciò è molto probabile che dipenda dal pezzo di cavo dentro casa tua e non da telecom o simili.

Guarda io ti posso dire che mi trasferisco spesso per lavoro specie in piccoli paesi e la volta che mi è andata peggio si connetteva a 15.5Mbps la volta che mi è andata meglio a 19.8Mbps eppure sto in posti da 1200 abitanti lontani da grandi centri urbani. E non ti parlo di Lombardia o giù di lì ma di Marche e Toscana quindi compreso appennino.


Quando ero con Telecom ho chiamato l'assistenza 5 volte in 4 anni e alla fine il tecnico mi ha detto che non si poteva fare niente: troppa distanza fra casa mia e la centralina.
Fastweb idem. Dopo tre segnalazioni mi hanno mandato un sms in cui mi invitavano a non rompere i coglioni perchè non c'era niente da fare.
E casa mia è stata costruita nel 2005, quindi i cavi non sono vecchi o malridotti.
daniluzzo09 Luglio 2013, 13:49 #6
Tanto per capirci:

Link ad immagine (click per visualizzarla)


Con Telecom arrivavo anche a 3,5 Mbit/s
qboy09 Luglio 2013, 13:53 #7
provincia di alessandria, tranne il centro, l'adsl va a 70KB/s e in moltissimi paesini la c.d. ADSL non raggiunge neanche anche se a 5km distanza (es. cantalupo). ah ovviamente la telecom di default ti mette la 10mega.
eppure nel mio paesino la fibra l'hanno messa ma non collegata e grazie a linkem posso avere una 7MB piena. certo è che vedere che delle onde radio vanno più veloci di quelle fisse fa riflettere in che situazione siamo

Link ad immagine (click per visualizzarla)

e TELECOM ..

http://www.speedtest.net/my-result/2460093371
Darkon09 Luglio 2013, 15:44 #8
E casa mia è stata costruita nel 2005, quindi i cavi non sono vecchi o malridotti.


Guarda questo non significa niente. Basta che quando ti hanno fatto l'impianto invece di derivare la linea per il router nel punto in cui entra in casa tua l'abbiano derivato come un normale impianto telefonico e già sei bello che andato.

In tantissime case di nuova costruzione ad esempio fanno questo errore ancora oggi quindi a volte a seconda di dove colleghi il router hai prestazioni vergognose o piena velocità... l'ho visto con i miei occhi in case di amici con la presa a manco 2 metri l'una dall'altra.

Per il resto che vi devo dire... pensavo che toscana e marche fossero disgraziate sotto questo punto di vista ma allora devo ricredermi... qua ovunque sono andato ho sempre navigato decentemente e vi assicuro che come detto su ero in paeselli di campagna. Al che non mi spiego come sia possibile...
!fazz09 Luglio 2013, 15:45 #9
[B][COLOR="Red"]ritornate in topic?[/COLOR][/B]
ribellee8509 Luglio 2013, 16:51 #10
l'europa fa progetti per i 100 gb mentra in alcune zone dell'europa non c'è nemmeno la copertura minima...non mi sembrano discorsi da fare secondo me!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^