La nuova rete Wind-3 sarà di ZTE: previsto nuovo centro di ricerca in Italia

La nuova rete Wind-3 sarà di ZTE: previsto nuovo centro di ricerca in Italia

ZTE e Wind Tre annunciano una nuova partnership strategica al fine di realizzare la nuova infrastruttura di rete mobile in Italia e ammodernare quella presente

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:31 nel canale TLC e Mobile
WIND3 ItaliaZTE
 

ZTE ha annunciato una partnership con il nuovo colosso della telefonia mobile in Italia per la realizzazione della nuova rete mobile. I cinesi contribuiranno ad accrescere l'occupazione e ad aprire un centro di ricerca in Italia al fine di ridurre il digital gap del Belpaese.

Gli appassionati di telefonia mobile la conoscono probabilmente per i suoi smartphone, ma ZTE è principalmente un provider di caratura internazionale di apparati per le telecomunicazioni. Di origini cinesi, la società ha annunciato per mezzo di una nota rivolta alla stampa l'avvio della partnership strategica con Wind Tre "per il consolidamento e la modernizzazione delle attuali reti mobile". Attraverso l'accordo si realizzerà la rete "Golden Network", che consentirà all'operatore di fornire servizi innovativi ai clienti consumer e business.

"Siamo molto soddisfatti per questo accordo", ha dichiarato Xiao Ming, Presidente ZTE Europe, "frutto dell’impegno di tutto il Gruppo. Oggi, ZTE è uno dei principali provider nel campo delle infrastrutture tecnologiche legate alle Telecomunicazioni e le nostre capacità sono state premiate da un leader del settore come Wind Tre. L’attuale network dell’operatore è già di alto livello tecnologico e sarà nostra intenzione conservare le competenze acquisite negli anni ampliandole con le nostre capacità, così da offrire ai clienti Wind Tre servizi di assoluta qualità".

ZTE è presente in Italia da oltre 10 anni con sedi dislocate a Roma, Milano e Torino: "Vogliamo che l’Italia diventi il nostro hub europeo", ha proseguito il dirigente della compagnia. "E per questo desideriamo investire in modo considerevole nel Paese per dare vita ad un centro di ricerca, capace di sviluppare ulteriormente le nostre tecnologie. Il nostro programma di crescita prevede, inoltre, di incrementare a breve i dipendenti di ZTE, creando migliaia di nuovi posti di lavoro, aumentando le competenze dei nostri tecnici ed ampliando il numero delle persone impegnate nell'indotto".

ZTE e Wind Tre stabiliranno in Italia un nuovo centro d'innovazione "per lo sviluppo delle reti 5G e il miglioramento della user experience dei clienti attraverso le nuove tecnologie digitali". Le due compagnie cercheranno così di diminuire il digital divide, problema ancora purtroppo decisamente diffuso all'interno dei confini del nostro Paese.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej23 Dicembre 2016, 16:31 #1
ciò che Vodafone fece una decina di anni fa appaltando ad una poco conosciuta Huawei i suoi ponti radio al posto dell'allora inossidabile Ericsson...
C'è poco da fare...
djfix1323 Dicembre 2016, 18:02 #2
ma così sì che mi sento in un paese in via di sviluppo...
FreZeeN23 Dicembre 2016, 18:25 #3
a questi il riso fa lo steso effetto degli spinaci a bracciodiferro
kiprio24 Dicembre 2016, 15:59 #4
Windtre sono lenti lenti troppo lenti. Speriamo che con l'anno nuovo iniziano i lavori voglio proprio vedere free che mosse a riservato
Filazzolu24 Dicembre 2016, 18:15 #5
eh niente i cinesi si stanno comprando tutto
recoil24 Dicembre 2016, 18:43 #6
chissà quanta gente impiegheranno in questo nuovo centro
le competenze qui non mancano con tutti quelli che sono rimasti a spasso da Italtel, NSN, ALU...
ci farei un pensierino ma sono fuori dal giro da anni...

comunque è pazzesco quello che abbiamo buttato al vento nel settore TLC
demos8825 Dicembre 2016, 16:59 #7
bon gli mando il mio curriculum

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^