La situazione della mobilità nelle aziende italiane: BlackBerry risponde con Fusion

La situazione della mobilità nelle aziende italiane: BlackBerry risponde con Fusion

Il fenomeno della consumerizzazione dei terminali aziendali è sempre più preponderante anche in Italia, come raccontano i dati NetConsulting: BlackBerry risponde con Mobile Fusion, che permette di gestire da BES anche i terminali Android e iOS

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 09:09 nel canale TLC e Mobile
BlackBerryAndroidiOSApple
 

Nei giorni scorsi Research In Motion (RIM) ha reso noto il lancio di BlackBerry Mobile Fusion, un tassello fondamentale della nuova strategia dell'azienda canadese. RIM dopo un periodo in cui ha provato a incanalare il suo business sui due binari enterprise e consumer, sperimentando alcuni problemi di gestione delle sue risorse e senza riuscire raggiungere nel mondo consumer il successo sperato, ha deciso di adottare una strategia diversa.

Lo scorso mese RIM Italia, ha chiamato a raccolta aziende ed esperti del settore per fare il punto della situazione sulla mobilità all'interno del tessuto produttivo italiano durante il BlackBerry Enterprise Mobility, occasione durante la quale abbiamo incontrato Franco Dradi e abbiamo parlato proprio della rinnovata strategia RIM che intende passare da un approccio dualistico ai mercato professionale e consumer a una cura maggiore del suo core business (il mercato enterprise) proponendosi più che come produttore di hardware, come fornitore di servizi, anche in grado di gestire la crescente consumerizzazione dei terminali aziendali. BlackBerry Mobile Fusion va proprio in questa direzione, abilitando il controllo tramite BES non solo dei terminali basati BlackBerry OS, ma anche dei dispositivi Android e iOS. Ecco la breve intervista che abbiamo registrato con Franco Dradi di RIM Italia.

[HWUVIDEO="1126"]BlackBerry e la mobilizzazione aziendale in Italia[/HWUVIDEO]

Il quadro delineato da Dradi è anche frutto del seminario del mattino che ha visto la presenza tra gli oratori di Riccardo Zanti di NetConsulting, un'azienda di consulenza e nota per le sue analisi sul mercato dell'informatica, delle telecomunicazioni e dei media. Il quadro tracciato da NetConsulting è abbastanza chiaro e rende evidenti i motivi della scelta di BlackBerry. Ormai si può dire che il PC sia sotto scacco da parte di smartphone e tablet: i dati dell'anno scorso parlano di 800.000 tablet e cinque milioni di smartphone in Italia, con dati in crescita.

In questi anni è cambiato anche il ruolo di smartphone e tablet : inizialmente visti come status symbol per i top manager, si sono diffusi a cascata in azienda una volta compresi i possibili vantaggi, ad esempio per categorie come alla forza vendita. Inoltre c'è anche la spinta opposta: l'ingresso in azienda dei 'nativi digitali' ha portato un flusso di nuovi terminali evoluti che difficilmente i possessori accettano di abbandonare a favore di soluzioni più obsolete: anche da qui nasce una richiesta di ammodernamento dei terminali aziendali (in alcuni casi accettando i dispositivi personali), che rappresenta da un lato un problema per i CIO, ma anche l'occasione di portare una ventata di novità tecnologica in azienda.

Cambia anche il modo con cui i dispositivi mobili vengono utilizzati: in forte calo i servizi voce, mentre si triplica la componente non voce e crescono i servizi a valore aggiunto. Crescono l'uso delle comunicazioni in videoconferenza, il file sharing, la collaborazione in mobilità. Cresce la mobilizzazione dei servizi creando nuove possibilità per le aziende di differenziazione sul mercato e prossimità al cliente. Sebbene ci sia un forte bisogno di applicazioni mobili personalizzate questo mercato in Italia stenta a decollare ed è in parte sottovalutato.

Inoltre si muove con dinamiche particolari, che creano interessanti nuove opportunità. Analizzando la selezione dei fornitori si nota un cambiamento culturale: il semplice prezzo non è al primo posto (come si penserebbe in periodo di crisi) e relazione consolidata con il fornitore addirittura è all'ultimo posto nelle motivazioni della scelta: le aziende cercano in primi l'innovazione, quel qualcosa che possa differenziarle dalla massa e dare un vantaggio competitivo nei confronti dei propri clienti.

Figura chiave in queste dinamiche è quella del CIO, che si trova a gestire una posizione nuova. Se una volta il paradiso del CIO era un ambiente standard e perfettamente sotto controllo, in cui era lui stesso a dirigere la scelta di terminali e programmi ora la crescente consumerizzazione porta a dover operare con maggiore flessibilità, evitando però che l'inserimento nella struttura aziendale di una gamma più eterogenea di dispositivi possa mettere in crisi la gestione e la sicurezza. In questo quadro si inseriscono anche i social network: visti come il fumo negli occhi inizialmente dai responsabili tecnici delle aziende, sono diventati da un lato uno strumento personale imprescindibile per una buona fetta di utenti, dall'altro anche fonti di opportunità per espandere il business di un'azienda e non possono essere trascurati all'interno della struttura.

In questo quadro BlackBerry ha deciso di proporsi come base solida su cui le aziende possano costruire la mobilizzazione dei propri servizi, puntando quindi più sulla fornitura di servizi che sulla vendita di terminali, che diventano solo 'uno dei mezzi' per accedere all'infrastruttura in mobilità. BlackBerry Mobile Fusion è il servizio che RIM propone per la gestione unificata dei terminali in azienda, compresi quelli più consumer come iPhone e Android.

Per dare più appeal ai propri terminali (che rappresentano comunque un'importante voce nel bilancio RIM) BlackBerry punta anche a offrire servizi particolari su essi, come ad esempio BlackBerry Balance, che permette di separare sullo stesso terminale i profili privato e aziendale, con particolari sistemi di protezione per i dati enterprise, oppure BlackBerry Mobile Voice System, un sistema di gestione unificata delle comunicazioni voce che promette importanti risparmi in bolletta grazie all'integrazione seamless delle tecnologie VoIP.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
StyleB10 Aprile 2012, 09:27 #1
BB dovrebbe iniziare a pensare di produrre pezzi seri con Android, mi sarei preso il loro Porsche Design non fosse per l'OS.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^