Linkem: servizio WiMax da ottobre in Lombardia e Puglia

Linkem: servizio WiMax da ottobre in Lombardia e Puglia

La rete WiMax di Linkem sarà attiva dal mese di ottobre in Lombardia e Puglia. Tariffe simili a quelle dei contratti adsl

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 10:28 nel canale TLC e Mobile
 

E finalmente arriva WiMax. E' il caso di dirlo: dopo anni di discussioni, presentazioni, prove strabilianti e un iter burocratico lunghissimo il WiMax sarà realtà a partire dal mese di ottobre.

Ad annunciarlo è Linkem che entro poche settimane attiverà il servizio in Lombardia e Puglia, prima solo in alcune province e in un secondo tempo ampliando la copertura a tutto il territorio regionale. E' interessante valutare le attuali offerte proposte: 20 Euro al mese per una connessione domestica a 7Mbps, praticamente il medesimo costo di varie soluzioni adsl.

Per circa 30 Euro si potrà avere oltre alla connettività internet anche il traffico telefonico verso utenze fisse, mentre per 45 Euro è disponibile un'opzione che comprende anche 180 minuti verso numeri mobile. Entro poche settimane, inoltre, Linkem garantisce anche la gestione della number portability del proprio numero di rete fissa.

Come di consueto, bisognerà valutare molti altri fattori: velocità minima garantita, velocità in upload e qualità del servizio in generale. Resta comunque il fatto che, finalmente, anche in ambito italiano si inizia a delineare uno scenario di interesse relativo a WiMax.

Inoltre, Linkem offre la possibilità di accedere alla propria rete WiMax utilizzando una scheda PCcard o usb, infatti, al momento di sottoscrivere il contratto sarà possibile scegliere se ricevere un modem esterno - tipicamente per uso domestico - oppure un dispositivo da collegare al proprio notebook. Per chi volesse sia il modem sia la scheda WiMax per il portatile è previsto il pagamento di 3 Euro al mese.

Abbiamo avuto modo di parlare con Alessandro Lo Savio, responsabile marketing e finanza di Linkem, il quale ci ha spiegato alcuni dettagli interessanti in merito al WiMax secondo Linkem. In primo luogo Linkem non punta solo alle aree remote e soggette a digital divide: anche le aree urbanizzate e metropolitane sono territori appetibili pur essendo già coperte da connettività 3G.

Potenzialmente, un'area urbana può offrire un maggior numero di utenti rispetto a una zona scarsamente abitata ed è per questo motivo che Linkem guarda con interesse non solo valli e montagne, ma anche città e pianure. Secondo Linkem, inoltre, le prestazioni offerte da una connessione WiMax sono paragonabili a un collegamento adsl e surclassano decisamente le attuali soluzioni 3G, quindi, non appena le reti WiMax saranno sufficientemente diffuse l'utente dovrebbe essere allettato da queste nuove possibilità. Tutto ciò considerando anche le tariffe offerte.

Con Alessandro Lo Savio abbiamo anche cercato di capire qualche dettaglio in più in merito alla rete Limkem WiMax. E' stato stimato che ogni BTS riesce a garantire un servizio accettabile in area metropolitana per un intorno prossimo al chilometro, mentre in aree rurali tale limite sale a circa 6Km. In realtà non molto, soprattutto considerando la portata promessa dalle prime installazioni di test.

Linkem è attiva sul territorio nazionale con varie reti Wi-Fi, in molti aeroporti e centri congressi, oppure con svariate infrastrutture Hiperlan e può quindi contare su molte postazioni in cui installare le proprie antenne WiMax. Per il momento non è prevista una riconversione delle attuali reti Hiperlan anche se, come Alessandro Lo Savio conferma, il futuro è nel WiMax.

Guardando al passato, si può tentare di effettuare un paragone tra l'adozione del Wi-Fi da parte degli utenti e l'attuale evoluzione delle reti WiMax. In origine le soluzioni basate su standard 802.11a/b erano conosciute e usate da pochi utenti, per lo più addetti ai lavori. Anche in quel caso si utilizzavano schede PCMCIA, usb o PCI per il collegamento su PC desktop, ma tutto sommato la diffusione di tali tecnologie fu limitata. La vera svolta venne data da Intel che, lungimirante, inserì il modulo Wi-Fi tra i componenti principali della propria piattaforma e da allora praticamente ogni portatile è dotato di tale opzione.

Tra poco accadrà lo stesso, infatti, la più recente piattaforma Intel Centrino 2 integra tra le proprie opzioni alcuni moduli in grado di supportare lo standard IEEE 802.16e. Linkem si è voluta sbilanciare ipotizzando la disponibilità di portatili dotati di scheda WiMax integrata a partire dalla seconda metà del 2009.

75 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
theJanitor26 Settembre 2008, 10:30 #1
Inoltre, Linkem offre la possibilità di accedere alla propria rete WiMax utilizzando una scheda PCcard o usb, infatti, al momento di sottoscrivere il contratto sarà possibile scegliere se ricevere un modem esterno - tipicamente per uso domestico - oppure un dispositivo da collegare al proprio notebook.


niente router?
se la possono tenere
icoborg26 Settembre 2008, 10:32 #2
staremo a vedere...per ora ci son parecchi problemi banda molto al di sotto di quella dichiarata. per cominciare^^
diabolik198126 Settembre 2008, 10:33 #3
incredibile, per una volta noi terroni di puglia saremo tra i primi in una nuova tecnologia!!!
Eraser|8526 Settembre 2008, 10:35 #4
non solo banda... ma soprattutto RANGE, che era poi il fattore CHIAVE del WiMax...
Paganetor26 Settembre 2008, 10:38 #5
mi domando perchè tengano un prezzo allineato alla ADSL...

io che sono coperto di sicuro non passo dal cavo al wireless, quindi non sono nel loro target, mentre hanno terreno vergine con quelli che non sono ancora coperti e che viaggiano con il 56k...

a quel punto se scendessero un po' otterrebbero un duplice risultato: fai concorrenza alla ADSL "wired" e copri quelli che l'ADSL non ce l'hanno...
Joe Falchetto26 Settembre 2008, 10:44 #6

Beh...

... con la differenza che col wimax mi posso collegare da qualsiasi posto se esiste la copertura. Con adsl invece posso collegarmi solo da casa.

Quindi a parità di prezzi, ed ipotizzando prestazioni uguali a quelli di una normale adsl (tenendo conto dei 7mb dichiarati) credo che il wimax sia più vantaggioso.

Sarei curioso di vedere una combinazione cellulare+wimax... per 20€ al mese riuscirei ad avere traffico illimitato mandando cosi a quel paese tutte le attuali tariffe UTMS fuffa di vodafone e tim e inoltre la possibilità compresa di collegarmi dal mio pc a casa.
tommy78126 Settembre 2008, 10:55 #7
le tariffe non le fanno più basse altrimenti mamma telecom li schiaccia in un modo o nell'altro...siamo pur sempre in italia dove vige un monopolio nel libero mercato...
20 euro al mese non sono molti se la rete funziona a dovere ma chi mi garantisce che in casa avrò l'adeguata copertura? vengono a controllare prima o si rischia la fregatura dell'abbonamento senza magari segnale?
sulla velocità poi sono molto scettico...neanche l'adsl è capace di garantire un flusso decente di dati, figuriamoci questi, mi aspetto al massimo connessioni pari ad una rete umts.
ulk26 Settembre 2008, 10:55 #8


Si si che vadano a coprire le aree urbane con con 20/a su cavo.. gli ridono in faccia.
Nel paesello con 56k allora si, sempre che ci sia abbastanza potenza.. ma ne dubito ovviamente punteranno sulle cittadine e per lo sfigato nel bricco, soltanto le briciole.
Senza parlare di tutti gli altri aspetti P2P, banda minima garantita.
Tenebra26 Settembre 2008, 10:55 #9
Guardate che un router lo danno, per 20 euro una tantum in più...
Io sono coperto da ADSL, ma solo Telecom in ULL (non considero nemmeno gli operatori che non arrivano in ULL) e guardando le tariffe Linkem, 30 euro al mese per flat e telefonate nazionali, mi sembrano appetibili...
...certo, rimane l'incognita copertura, prestazioni ed eventuali filtri, ma se è paragonabile all'offerta Telecom per queste 3 caratteristiche, quasi quasi...
deggial26 Settembre 2008, 11:10 #10
20 euro al mese per avere collegamento internet veramente flat sul cellulare, connessione da portatile ovunque mi trovi e connessione sul pc di casa?

se mantengono le promesse di prestazioni minime garantite, fanno il boom.
non capisco gli scetticismi sul prezzo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^