Micro pagamenti via dispositivi mobile: un fenomeno in crescita

Micro pagamenti via dispositivi mobile: un fenomeno in crescita

Saranno oltre 100 milioni nel 2010 i pagamenti effettuati attraverso l'utilizzo di dispositivi mobile, principalmente per importi di ridotta portata. Ciò nonostante la diffusione è ridotta: solo il 2,1% degli utenti li sfrutta

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:22 nel canale TLC e Mobile
 

Gli strumenti di pagamento attraverso dispositivi mobile, principalmente nella forma di messaggi SMS, stanno diventando sempre più popolari grazie sia alla loro praticità, sia alla possibilità di effettuare cosiddetti micro pagamenti per importi molto ridotti.

Una recente ricerca pubblicata da Gartner indica che un totale di più di 108 milioni di transazioni di pagamento da dispositivi mobile verranno effettuate nel corso del 2010, con un incremento del 54,5% rispetto ai 70,2 milioni di simili operazioni registrate nel corso del 2009

Se il numero delle transazioni via strumenti mobile continua a crescere, non possiamo di certo dire che questa forma di pagamento sia utilizzata dalla maggior parte dei possessori di dispositivi mobile. Al momento attuale, infatti, solo il 2,1% dei possessori di uno di questi dispositivi lo utilizza anche per eseguire una qualche forma di pagamento.

Nei mercati in via di sviluppo questa forma di pagamento è in forte crescita, mentre in nord America e nell'Europa dell'est l'ammontare di transazioni è complessivamente molto ridotto. Le regioni a maggiore tasso di adozione sono quelle dell'Asia e l'Europa occidentale, capaci di generare assieme oltre l'80% del totale dei pagamenti via dispositivi mobile.

La forte diffusione di questo sistema di pagamento è legato anche alla difficoltà con la quale tradizionali sistemi di pagamento interbancario possono essere utilizzati dalla maggior parte della popolazione. La semplicità e l'immediatezza di un pagamento via SMS gioca quindi a favore, soprattutto per transazioni con importi particolarmente contenuti.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^