Microsoft investe 10 miliardi di dollari per la banda larga nelle zone rurali degli States

Microsoft investe 10 miliardi di dollari per la banda larga nelle zone rurali degli States

Una delle sfide più grandi dell'era moderna è quella di estendere il servizio internet a banda larga a tutti gli abitanti del pianeta, raggiungendo anche aree più remote e rurali, anche Microsoft intraprende questo percorso con una interessante soluzione

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 08:21 nel canale TLC e Mobile
Microsoft
 

Una delle sfide più grandi dell'era moderna è quella di estendere il servizio internet a banda larga a tutti gli abitanti del pianeta, raggiungendo anche le aree più remote e rurali; Facebook e Google si sono già resi partecipi nel fornire il loro contributo alla diffusione della rete internet, adesso anche Microsoft intraprende questo percorso con una interessante soluzione: il progetto prevede di sfruttare i canali inutilizzati delle trasmissioni televisive via etere, conosciuti anche come spazi bianchi, così da estendere la connettività a banda larga anche nelle aree rurali dei vari stati americani.

Lo sforzo di Microsoft fa parte di un investimento pari a 10 miliardi di dollari con lo scopo di chiudere il divario di banda larga tra le città e le zone periferiche: questo progetto è stato presentato durante un evento presso il Willard Hotel di Washington, stesso posto nel quale Alexander Graham Bell effettuo la prima chiamata telefonica transcontinentale più di 100 anni fa, sicuramente un bel collegamento per pubblicizzare l'iniziativa.

Per il momento gli stati che verranno interessati saranno una dozzina, tra i quali: Arizona, Kansas, New York e Virginia; se tutto va secondo i piani, questa iniziativa collegherà entro i prossimi cinque anni due milioni di americani che attualmente dispongono solo di un servizio internet limitano o del tutto inesistente.

"Gli spazi bianchi offrono un'enorme opportunità per aiutare la diffusione della copertura a banda larga nelle aree rurali, ma è difficile giustificare i costi per i produttori di dispositivi che non vedono economie di scala nelle aree più remote ", ha comunicato Doug Brake, analista senior della Information Technology & Innovation Foundation, al New York Times .

Gli spazi bianchi rappresentano uno dei migliori modi per viaggiare attraverso ostacoli e coprire lunghe distanze, tuttavia, ci sono sfide che Microsoft dovrà superare: di tipo burocratico con i regolatori federali e locali per assicurarsi gli spazi, tecnici con le emittenti televisive esistenti già sul piede di guerra e in ultimo la sfida di ridurre il costo dei dispositivi compatibili con questa tecnologia. Infatti attualmente un "modem" per usufruire di questo servizi costerebbe all'utente finale circa 1.000 $, rendendo così poco appetibile questa nuovo progetto alla maggior parte dei cittadini, ma Microsoft avrebbe una soluzione: il presidente della società Brad Smith ha detto che intende presentare 4 dispositivi compatibili con la tecnologia che sfrutta gli spazi bianchi, ognuno dei quali si attesterà intorno ai 200 $, paragonabile più o meno al costo di un router di fascia alta.

Quindi anche in america persiste ancora la poca diffusione della banda larga verso le periferie, situazione che anche qui in Italia non sempre viene presa in considerazione quando si parla di investimenti, spingendo piuttosto l'aumento della banda nelle principali città piuttosto che uniformare la rete sull'intero territorio della penisola ed isole comprese

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pino9013 Luglio 2017, 14:18 #1
Questa è un'ottima iniziativa.

Praticamente invece di fare gli ISP vanno a costruire le torri radio su frequenze TV (se non ricordo male si parlava di 400Mhz) per trasmettere i dati e poi recuperano l'investimento puntando sugli utenti che userebbero i loro servizi e prendendo una piccola quota ( ~3%) del ricavo dell'ISP dalle utenze agganciate alle loro torri.

Sono stati costretti a questa strategia per evitare cause possibili dai grandi ISP come Comcast e AT&T.

In ogni caso un'ottima iniziativa IMHO, un buon modo per diffondere i propri servizi e migliorare la vita agli utenti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^