Mobile app, BYOD e smartphone a basso costo: alcune osservazioni di Gartner

Mobile app, BYOD e smartphone a basso costo: alcune osservazioni di Gartner

Sempre più applicazioni mobile ibride (web based e native) entro il 2016, diffusione di smartphone a basso costo già da quest'anno ed effetto "volano" per Apple nel mondo enterprise, grazie ad iPhone ed iPad

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:01 nel canale TLC e Mobile
AppleiPhoneiPad
 

La proliferazione di tablet e smartphone ha messo sotto pressione le realtà enterprise, con il management e gli impiegati che richiedono lo sviluppo e l'allestimento di applicazioni mobile che vengano in contro ai nuovi paradigmi della produttività in movimento e al coinvolgimento del cliente. Sulla base di queste considerazioni, Gartner prevede che entro il 2016 oltre la metà delle applicazioni mobile sviluppate saranno di tipo ibrido, combineranno, cioè, tecnologie di sviluppo native con soluzioni web-based.

Ken Dulaney, vicepresidente e analista per Gartner, commenta: "La mobilità ha sempre rappresentato un argomento distinto per i professionisti IT, ma ora sta influenzando le strategie e le tattiche mainstream nella più ampia area dell'abilitazione tecnologica e delle architetture enterprise. Le imprese stanno sempre più scoprendo il bisogno di supportare molteplici piattaforme, in special modo a fronte dell'inerzia guadagnata dal trend del BYOD - Bring Your Own Device".

Per poter rispondere al bisogno di applicazioni mobile, le realtà enterprise stanno cercando di far leva su applicazioni attraverso piattaforme multiple. I vantaggi di un'architettura ibrida, che combina la portabilità delle web app HTML 5 con un contenitore nativo che facilita l'accesso alle caratteristiche e risorse del dispositivo, è uno scenario attraente per le realtà enterprise.

La necessità dell'attenzione al contesto (il cosiddetto context awareness) per le applicazioni mobile è cresciuto con le nuove funzionalità dei dispositivi mobile, portando gli sviluppatori a considerare sia architetture ibride, sia architetture native, come alternativa alle applicazioni web-based. Le architetture ibride, così come quelle native, permettono infatti alle applicazioni di poter fare leva sulle informazioni di localizazione, sui sistemi di notifica, su risorse hardware come fotocamere e sensori, presenti in tutti i dispositivi mobile moderni.

Van Baker, research vice president per Gartner, ha commentato: "Il nostro punto di vista è di considerare che la realtà enterprise debba gestire un set di applicazioni mobile ampio e variegato, che possano spaziare su tutte le principali architetture. Le aziende dovrebbero valutare come le applicazioni possano essere arricchite o migliorate dall'aggiunta di funzionalità native del dispositivo e valutare lo sviluppo di framework che offrano l'abilità di sviluppare applicazioni native, ibride e web-based utilizzando lo stesso codice di base. Dove possibile le attività di sviluppo dovrebbero essere consolidate con l'impiego di framework cross-platform".

Gartner prevede inoltre che entro il 2014 le soluzioni Apple saranno accettate negli ambienti enterprise IT allo stesso modo in cui sono accettate oggi le soluzioni Microsoft, identificando un "effetto volano" di iPhone ed iPad per il mondo aziendale al pari di quanto accadde con iPod nel panorama consumer. David Mitchell Smith, vicepresidente e Gartner Fellow, ha commentato: "Sebbene i dispositivi mobile come iPhone e iPad siano già accettati nel mondo enterprise come le soluzioni Microsoft, i sistemi Mac notebook e desktop non sono ancora particolarmente diffusi nel mondo aziendale. Nel prossimo futuro però Apple continuerà a trarre beneficio dal fenomeno della consumerizzazione e porterà avanti l'evoluzione dei sistemi Mac traendo ispirazione delle caratteristiche di iOS, contribuendo alla loro accettazione nel mondo enterprise".

Le offerte mobile di Microsoft - Windows Phone e Windows 8 - sono nuove ma continueranno a riscuotere una certa accoglienza da parte delle aziende, principalmente per via dei rapporti che Microsoft ha costruito con loro e delle capacità di gestione offerte. A differenza di Apple, tuttavia, l'offerta di Microsoft non trae beneficio dal fenomeno della consumerizzazione, dove la domanda è trainata prima dai consumatori e poi dagli stessi consumatori che portano la tecnologia sul luogo di lavoro.

Gartner elabora inoltre un'ulteriore previsione relativa alle soluzioni a basso costo: sul mercato degli smartphone hanno fatto il loro ingresso nuovi attori, tra cui brand cinesi e produttori whitebox, che hanno contribuito a piegare verso il basso la curva dei costi. I differenti casi d'uso tra i consumatori dei mercati emergenti e quelli dei mercati sviluppati hanno portato alla riduzione o all'eliminazione di alcune caratteristiche costose e i passi avanti nell'integrazione dei chipset ha permesso alle compagnie di semiconduttori di affrontare il crescente mercato degli smartphone a basso costo.

Osserva a tal proposito Mark Hung, research director per Gartner: "La combinazione di una pressione competitiva sui prezzi, la crescita dei mercati open channel e l'eliminazione/integrazione di caratteristiche porterà molto presto all'avvento degli smartphone da 50 dollari. I vendor di semiconduttori che operano nel mercato dei dispositivi mobile devono avere una strategia di prodotto per rivolgersi alle piattaforme smartphone a basso costo, con il target delle soluzioni da 50 dollari già nel corso del 2013. I produttori globali di smartphone ed i brand riconosciuti dovranno riesaminare le proprie linee di prodotto per determinare come e se le loro offerte di fascia bassa siano differenziate dai prodotti concorrenti offerti dai vendor low-cost. L'alternativa potrebbe essere quella di cedere questo mercato ai vendor whitebox e di focalizzarsi sui dispositivi di fascia alta".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^