Picco a 350 milioni di tablet venduti per il 2017

Picco a 350 milioni di tablet venduti per il 2017

IDC rivede al rialzo le stime di vendita di soluzioni tablet attese per il 2013; nei prossimi anni incrementi medi dell'11% con un picco previsto per il 2017 che evidenzia chiaramente quanto questo settore sia in crescita

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:01 nel canale TLC e Mobile
 

Riviste verso l'alto le stime di vendita di soluzioni tablet attese per l'anno 2013. IDC ha infatti modificato la propria previsione, passando dai precedenti 172,4 milioni di pezzi sino agli attuali 190.9 milioni.

Per gli anni a venire la stima prevede una costante crescita dell'11% su base annuale sino al 2016, così da toccare quota 350 milioni di tablet prevista per l'anno 2017.

Una forte spinta all'acquisto proviene dai tablet con display da 8 pollici o inferiore, soluzioni che stanno riscuotendo maggiore popolarità grazie alla diffusione di iPad Mini e di una ampia gamma di soluzioni basate su OS Google Android con display di questa diagonale.

La diffusione di tablet basati su OS Android è destinata a crescere in continuazione, toccando un picco del 48,8% nel corso del 2013 contro il 46% previsto per le soluzioni basate su sistema operativo Apple iOS. Quest'ultimo è previsto in calo in termini di quota di mercato, dopo aver toccato una diffusione del 51% nel corso del 2012.

La quota restante sarà nelle mani di Microsoft con i tablet Windows 8, previsti in crescita sino al 2,8% del totale nel 2013 dopo aver toccato quota 1% nel corso dello scorso anno. Per il 2017 le stime IDC prevedono per questa tipologia di prodotti una diffusione sul mercato pari al 7,4% del totale.

Rimane marginale la penetrazione di mercato dei sistemi Windows RT, non capaci di superare le proposte basate su OS Windows 8. Nello specifico le stime indicano una quota di mercato prevista pari all'1,9% per questa tipologia di tablet nel 2013, con una crescita sino al 2,7% prevista per il 2017. Resta da capire se questa diversificazione del mercato dei tablet Windows sia utile a Microsoft o se l'azienda americana in futuro non debba concentrarsi sulla sola piattaforma Windows 8, e sulle successive evoluzioni, lasciando sempre meno spazio a Windows RT.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxmax8013 Marzo 2013, 15:56 #1
per l'anno 2017?

ma come si fa a giudicare attendibile una proiezione di vendita su un periodo così lungo?
Sandro kensan13 Marzo 2013, 23:24 #2
190 milioni di tablet previsti per la fine di quest'anno sono tutti "rubati" agli eventuali acquisti di PC che avranno un calo pauroso come pauroso è l'incremento di vendite di tablet: ci scommettete?
maxmax8014 Marzo 2013, 00:37 #3
Originariamente inviato da: Sandro kensan
190 milioni di tablet previsti per la fine di quest'anno sono tutti "rubati" agli eventuali acquisti di PC che avranno un calo pauroso come pauroso è l'incremento di vendite di tablet: ci scommettete?


echissene dei dati di vendita..

io sono uno di quelli che pensano che il tablet non sostituirà (nelle applicazioni) il PC ancora per molti anni, esattamente come i notebook o i netbook non hanno sostituito il pc fisso negli anni passati.

quindi i tablet possono vendere anche su marte, chi io (come tantissimi altri) preferisco continuare ad utilizzare dei Sistemi Operativi Veri e propri..

anzi, i tablet di oggi sono già obsoleti perchè nel giro di 1-2 anni saranno di uso comune i tablet con tastiera incorporata, praticamente dei netbook touch..
sbudellaman14 Marzo 2013, 01:00 #4
La settimana scorsa ho visto dei dati sulla vendita delle mimose che arrivavano fino all'8 marzo... beh, considerando l'andamento ne ho ricavato delle proiezioni e posso dirvi che le vendite di mimose saliranno nel giro di 3 mesi dell'9.999.99999%, ricoprendo la superficie dell'intero pianeta.
Questo evidenzia chiaramente quanto il settore delle vendite di mimose sia in crescita.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^