Ratifica finale 802.11n solo nel 2008

Ratifica finale 802.11n solo nel 2008

Il gruppo che si occupa dello sviluppo del futuro standard wireless 802.11n prevede una nuova bozza per il prossimo gennaio, mentre la ratifica finale solo ad inizio 2008

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 11:31 nel canale TLC e Mobile
 

Il processo di approvazione del nuovo standard IEEE 802.11n procede a pieno regime ma l'approvazione finale è attesa solo per il gennaio del 2008. La prima bozza dello standard è ormai disponibile da qualche tempo e su tali specifiche preliminari molti produttori hanno iniziato a commercializzare dispositivi.

Al momento il team incaricato di ratificare la seconda bozza dello standard prevede di rilasciare il documento entro gennaio 2007. Il gran tempo richiesto è dovuto all'elevatissimo numero di commenti pervenuti in merito alla prima bozza: si parla di oltre 12.000. Al momento ne sono stati presi in considerazione circa la metà.

Come riportato da Arstechnica.com, solitamente dalla seconda bozza alla release finale le modifiche non sono mai sostanziali per tale motivo il traguardo di inizio 2008 pare verosimile. L'unico ostacolo ravvisabile sul lungo cammino di approvazione è la votazione della seconda versione di specifiche; in tale occasione per scongiurare possibili ulteriori rallentamenti dovrà essere raggiunto il quorum del 75% di voti positivi.

Nel frattempo i produttori continuano a promuovere soluzioni basate sulla prima bozza delle specifiche assicurando che il livello di interoperabilità tra dispositivi di differenti marchi è già elevato. I vantaggi del nuovo standard wi-fi riguardano oltre ad una maggior velocità di trasmissione anche miglior efficacia nella copertura. Diretta conseguenza di tutto ciò è che anche ad una certa distanza dall'access point, dove tipicamente lo standard 802.11g prevede una riduzione del throughput, il nuovo standard offrirà velocità di trasmissione più elevata.

Secondo un'analisi condotta da Dell'Oro Group la diffusione sul mercato di soluzioni pre-802.11n è ancora poco significativa e relegata al solo comparto home user, infatti le grandi aziende e il segmento business in generale sono ancora titubanti nei confronti delle nuove tecnologie wireless.

Questo scetticismo viene giustificato dalla notevole differenza di prezzo tra le soluzioni 802.11n e quelle aderenti al diffusissimo standard 802.11g. Sempre secondo Dell'Oro la differenza di prezzo è molto più elevata rispetto alla precedente transizione dallo standard 802.11b. La mancata ratifica finale della versione 802.11n è un ulteriore motivo di cautela da parte delle grandi aziende.

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
danyroma8024 Agosto 2006, 12:01 #1
finche' non esce la versione definitiva dell'882.11n direi che le varie aziende fanno bene a non fidarsi visti i problemi di interoperabilità tra schede/access point di marche diverse che ci sono stati con l'802.11b e g.
L'attesa vale la candela
tarek24 Agosto 2006, 12:23 #2
2008??che lentezza... a questo punto non credo che comparirà niente del genere su santarosa...
Ratatosk24 Agosto 2006, 13:08 #3
I soliti noti non riescono a ratificare standard per proteggere i propri interessi particolari e lo svantaggio è tutto a carico nostro, così com'è accaduto a suo tempo con il DVD e ora con HD-DVD e Blue-Ray, tutti vogliono le royalties così non le ha nessuno.
dupa24 Agosto 2006, 13:57 #4
mi interesserebbe sapere la distanza che riesce a coprire questo standard.. visto che con l'attuale wifi non riesco a collegarmi a un amico a circa 90 metri da me
in realtà ce la faccio, ma devo tirar fuori l'antennina dalla finestra, il mio amico deve fare altrettanto.. e il collegamento risulta comunque molto instabile.
s3s324 Agosto 2006, 14:16 #5
Originariamente inviato da: dupa
mi interesserebbe sapere la distanza che riesce a coprire questo standard.. visto che con l'attuale wifi non riesco a collegarmi a un amico a circa 90 metri da me
in realtà ce la faccio, ma devo tirar fuori l'antennina dalla finestra, il mio amico deve fare altrettanto.. e il collegamento risulta comunque molto instabile.


Da quel che sò sarebbe una cosa illegale perchè ti devi appoggiare ad un servizio pubblico per comunicare fra due residenze diverse.
danyroma8024 Agosto 2006, 14:35 #6
finche' si usano frequenze libere nulla è illegale.

L'illegalità puo' stare nel fatto che eventualmente nel contratto adsl c'è scritto che non si puo' condividere l'accesso alla linea.



tarek24 Agosto 2006, 14:49 #7
io lo faccio da 4 anni tranquillamente... ma chi vuoi che ti becchi?? con la mia adsl ci faccio quello che mi pare visto che la pago.
203024 Agosto 2006, 17:24 #8
Scusa eh tarek, ma sei fuori strada... Tu paghi l'adsl, tu hai accettato e firmato un contratto assumendo certi impegni e vincoli. Se non puoi condividere l'accesso non puoi. Poi che tu lo faccia tanto non ti beccano è un altro discorso, come gli eccessi di velocità. Tieni presente che se qualcuno navigando attraverso la tua rete commette un reato informatico la colpa è anche tua. Ti arriva la postale a casa e ti dice "dimostra che hai fatto tutto il possibile per impedire al tipo di navigare." A questo punto non è detto che tu riesca e il responsabile sei anche te. Poi non credo che logghi tutto quello che fanno attraverso la tua rete e tieni i log per gli anni prescritti, quindi non puoi nemmeno dimostrare che la tua colpa è solo parziale..
cowboyit24 Agosto 2006, 17:31 #9
Un po' drammatico, eh ????
203024 Agosto 2006, 17:44 #10
Forse, però le cose in italia vanno così..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^