Samsung punta sulla banda millimetrica per le tecnologie 5G

Samsung punta sulla banda millimetrica per le tecnologie 5G

Il colosso coreano sperimenta il primo adaptive array transceiver sviluppato usando la tecnologia di trasmissione radio che opera nella banda millimetrica. Le prime implementazioni commerciali a partire dal 2020

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:01 nel canale TLC e Mobile
Samsung
 

Samsung Electronics ha annunciato lo sviluppo della prima tecnologia al mondo adaptive array transceiver che opera nella banda millimetrica destinata alla comunicazione cellulare. La nuova tecnologia rappresenta il cuore del sistema di comunicazione mobile 5G e permetterà di realizzare trasmissione di dati ad una velocità centinaia di volte superiore alle attuali reti 4G.

L'implementazione di una rete cellulare 5G ad elevata velocità richiede un'ampia banda di frequenze. La banda millimetrica, sebbene tenuta in considerazione da diverso tempo, è stata però ritenuta non idonea alla trasmissione di dati su ampie distanze, per via delle sfavorevoli caratteristiche di propagazione di questo tipo di onde.

Il nuovo adaptive array transceiver di Samsung ha però mostrato la possibilità pratica dell'impiego di questa tecnologia, con la trasmissione di dati nella banda millimetrica alla frequenza di 28GHz, ad una velocità di 1,056Gbps e fino ad una distanza di 2km. La tecnologia adaptive array transceiver, che fa uso di 64 elementi di antenna, può essere quindi una soluzione percorribile per superare il problema del degrado della propagazione della banda millimetrica, molto più grave di quanto accada nelle bande di frequenza da diverse centinaia di MHz a diversi GHz.

L'azienda coreana pianifica di accelerare le attività di ricerca e sviluppo delle tecnologie di comunicazione mobile 5G allo scopo di poter avviare la commercializzazione entro il 2020. Questo nuovo annuncio di Samsung avrà inoltre l'effetto di stimolare ulteriormente le attività di ricerca per le tecnologie di comunicazione cellulare 5G e, in ottica futura, di innescare la creazione di alleanze internazionali con la tempestiva commercializzazione dei correlati servizi di banda larga mobile.

La competizione per la leadership tecnologica nello sviluppo delle comunicazioni mobile di prossima generazione si sta facendo sempre più accesa: recentemente l'Unione Europea ha pianificato un investimento di 50 milioni di Euro per portare i servizi 5G sul mercato entro il 2020, mentre nel corso del mese di febbraio 2012 la Cina ha istituito l'IMT-2020 (5G) Promotion Group, guidato dal governo e destinato proprio alla ricerca nel campo delle tecnologie 5G.

Le tecnologie di comunicazione 5G consentiranno, almeno sulla carta, la trasmissione di grosse moli di dati permettendo agli utenti di fruire di un'ampia gamma di servizi come film in 3D, giochi, streaming in tempo reale di contenuti UHD e servizi medicali da remoto.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Darkon14 Maggio 2013, 13:28 #1
Ultimamente ma anche meno che ultimamente se non fosse per Samsung le tecnologie di telecomunicazione mobile sarebbero ferme al palo.

IMHO se si continua così Samsung avrà tanti di quei brevetti che gli altri produttori saranno in una posizione veramente difficoltosa.
Pegamugh14 Maggio 2013, 13:37 #2
imho, finchè il traffico dati sarà castrato dalle compagnie telefoniche, aumentare la velocità non servirà a nulla.
già il 4g ha una banda teorica 4 volte superiore a quella della fibra fastweb, ma se dopo 5 minuti finisco il traffico disponibile in un mese, a che mi serve?

questo a dimostrazione che sempre più spesso il progresso tecnologico è fermato dagli interessi economici.
marchigiano14 Maggio 2013, 14:17 #3
ma 28ghz non passano neanche un foglio di carta o mettiamo antenne fuori casa (con ripetitore wifi 2.4ghz) altrimenti come facciamo?
ajito14 Maggio 2013, 14:19 #4
ma perché non puntare sull'allocazione dinamica delle frequenze attualmente sottoutilizzate? ahh giusto, produrre i mega array di 64 antenne è più remunerativo.
ajito14 Maggio 2013, 14:24 #5
Originariamente inviato da: marchigiano
ma 28ghz non passano neanche un foglio di carta o mettiamo antenne fuori casa (con ripetitore wifi 2.4ghz) altrimenti come facciamo?


Infatti ha senso in ambienti aperti con trasmissioni line-of-sight.
gd350turbo14 Maggio 2013, 14:28 #6
Originariamente inviato da: Darkon
Ultimamente ma anche meno che ultimamente se non fosse per Samsung le tecnologie di telecomunicazione mobile sarebbero ferme al palo.

IMHO se si continua così Samsung avrà tanti di quei brevetti che gli altri produttori saranno in una posizione veramente difficoltosa.


Si, samsung innova, ma i provider ignorano le innovazioni...

Qua in zone fuori dai centri abitati ci sono tante reti ancora 2G, e il 3G, mi da una banda di 2 mb in down e 0.5 in up, con tariffe da strozzo, quindi il 5G è paragonabile al teletrasporto in luogo dell'automobile !

Un vero peccato !

La diffusione capillare di reti wireless ad elevata ampiezza di banda, potrebbe coprire in banda larga praticamente tutta la superficie italiana, azzerando il digital divide e consento a tutti medesime opportunità !
sniperspa14 Maggio 2013, 15:11 #7
Originariamente inviato da: ajito
Infatti ha senso in ambienti aperti con trasmissioni line-of-sight.


Si ma si parla di celluari e mobile...la cosa non mi torna molto sinceramente
Zenida14 Maggio 2013, 19:13 #8
Originariamente inviato da: Darkon
Ultimamente ma anche meno che ultimamente se non fosse per Samsung le tecnologie di telecomunicazione mobile sarebbero ferme al palo.

IMHO se si continua così Samsung avrà tanti di quei brevetti che gli altri produttori saranno in una posizione veramente difficoltosa.


Oddio... per le telecomunicazioni le vere innovazioni sono arrivate da società come Huawei e ZTE, Samsung non è da molto che si occupa di R&S in questo settore.
calabar14 Maggio 2013, 19:50 #9
E se poi piove?

Sinceramente sono curioso di sapere come intendono aggirare i problemi intrinsechi dell'uso di frequenze elevate.

@Pegamugh
Il problema è che la banda ha un costo.
Se tu hai un certo numero di ripetitori che servono una certa zona, questo possono garantirti una certa banda totale.
Per poter ridurre i costi quindi non viene concessa piena banda ai singoli clienti, in modo da poter servire più clienti con meno infrastrutture.

Ciò che però è importante capire è che, ad ogni passaggio di tecnologia, la banda costa di meno.
Il vantaggio delle nuove tecnologie (ossia di una generazione rispetto alle precedenti) è quello di poter dare più banda a parità di costi, dei valori di picco, alla fine, importa a pochi.
aquistar14 Maggio 2013, 21:53 #10
Bisogna prendere atto che Samsung è davvero forte in ogni settore il che la dice lunga su come investono e impiegano il loro denaro facendo continue ricerche e sperimentazioni.
A volte sono quasi incazzato perché ogni volta che devo scegliere un prodotto elettronico cado quasi sempre su Samsung e questo dopo aver visto prezzo e corrispettivo hardware in dotazione e di conseguenza prestazioni.
Se Samsung spendesse un po di più sulla qualità dei materiali involucri etc non ce ne sarebbe più per nessuno.
Brava Samsung.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^