Sollevate 250 obiezioni per i primi Generic Top Level Domain

Sollevate 250 obiezioni per i primi Generic Top Level Domain

Le richieste di registrazione dei primi domini generici di primo livello sollevano, com'era prevedibile, numerose obiezioni: le parti chiamate in causa avranno tempo fino ad aprile per risolvere le questioni "amichevolmente"

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:12 nel canale TLC e Mobile
 

Il Governmental Advisory Committee (GAC) dell'ICANN, organo di consiglio composto dai rappresentanti di 50 Paesi, ha emesso nel corso della passata settimana una prima lista preventiva che include una serie di obiezioni per circa 250 richieste di registrazione di domini generici di primo livello.

Ricordiamo che lo scorso anno l'ICANN ha dato il via libera alla possibilità di utilizzare praticamente qualsiasi parola come dominio di primo livello (ciò che fino a poco tempo fa era rappresentato da una ristretta cerchia di 22 suffissi, come .com, .org, .it, .net e via discorrendo). La richiesta di registrazione di un gTDL ha un costo di 185 mila dollari, l'80% dei quali verrà rimborsato nel caso in cui la richiesta di registrazione non dovesse essere approvata.

Nella lista delle notifiche preliminari si trovano una serie di colossi tecnologici e di multinazionali in genere che hanno avanzato la domanda di registrazione di alcuni gTLD considerati problematici dai Paesi membri del GAC. Si trovano, ad esempio, obiezioni per i domini .search e .cloud richiesti da Google, per la richiesta dei domini .app, .book, .movie, .game avanzata da Amazon e per il dominio .antivirus che interessa a Symantec.

Le obiezioni sono di norma riferite a quelle parole di uso comune o che possano avere un duplice significato. Ad esempio l'azienda di abbigliamento Patagonia ha richiesto un suffisso .patagonia, che potrebbe però essere facilmente confuso con l'area geografica compresa tra Argentina e Cile. Problematiche sono, inoltre, le richieste di registrazione di domini composti da termini legati alla religione, come ad esempio .islam o .ram.

I richiedenti hanno ora la possibilità di rispondere alle obiezioni ed, eventualmente, di risolvere in forma privata il contenzioso entro il mese di Aprile, quando il GAC presenterà un esposto formale per tutti i gTDL problematici su cui ancora non sia stato trovato un accordo.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala26 Novembre 2012, 15:22 #1


Hanno provato con .ROMA e cosa hanno ricevuto in risposta?
No involvement or support from the local authorities.



Alcune sono ridicole:
.sucks
.wtf
birmarco26 Novembre 2012, 15:26 #2
Spero che non facciano registrare cretinate ma cose generiche e/o utili
II ARROWS26 Novembre 2012, 15:40 #3
Basterebbe chiudere la pagliacciata dei domini di primo livello...

Così siamo TUTTI contenti e rimarrà sensato come adesso.
gd350turbo26 Novembre 2012, 16:29 #4
Eh mi sa che 185 mila dollari per ogni .qualcosa registrato, facciano parecchio gola !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^