Stangate dall'Antitrust: TIM, Vodafone, H3G e Wind multate per servizi a pagamento non richiesti

Stangate dall'Antitrust: TIM, Vodafone, H3G e Wind multate per servizi a pagamento non richiesti

L'Antitrust ha multato le più grandi compagnie telefoniche italiane per via di comportamenti scorretti nei confronti degli utenti. La situazione è destinata, tuttavia, a cambiare

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale TLC e Mobile
TIMVodafoneTreWIND
 

L'Antitrust ha multato le maggiori compagnie telefoniche italiane per pratiche scorrette condotte nei confronti dei propri clienti. Nello specifico si parla di sanzioni pari a 1,75 milioni di euro per Telecom e H3G e 800 mila euro per Wind e Vodafone per aver obbligato gli utenti delle proprie SIM al pagamento di servizi internet cosiddetti premium non esplicitamente richiesti.

L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha ricevuto numerose segnalazioni da parte di associazioni di consumatori e utenti a riguardo di forniture non richieste e relativo addebito da parte del proprio operatore sul credito telefonico. Si tratta per lo più di servizi accessibili durante la navigazione in mobilità mediante banner o pop-up.

Due, secondo l'Antitrust, le condotte scorrette operate dalle compagnie telefoniche italiane: da un lato l'omissione di informazioni sul contratto per quanto concerne la possibilità di ricevere servizi a sovrapprezzo o di bloccare tale opzione; dall'altro le procedure di attivazione automatica sono state considerate "aggressive" perché operate in assenza di qualsiasi tipo di autorizzazione al pagamento da parte del cliente o controllo da parte della società.

Nel caso di TIM e H3G si è verificata un'ulteriore condotta sleale nei confronti degli utenti, che ha portato ad una pena più pesante: le due compagnie hanno omesso nei messaggi diffusi informazioni "rilevanti o che determinavano l'accesso e l'attivazione del servizio a sovrapprezzo senza un'espressa manifestazione di volontà da parte del'utente".

Secondo quanto riportato dall'Antitrust, le condotte delle quattro aziende sono legate a uno "specifico vantaggio economico" derivante dalla commercializzazione dei servizi premium. TIM, H3G, Vodafone e Wind condividono infatti una percentuale dei ricavi provenienti dai servizi erogati e non hanno attuato nessuna strategia per tamponare il fenomeno nonostante la consapevolezza del problema, comprovata dall'Antitrust.

L'Agcm ha giudicato le pratiche indicate "contrarie alla diligenza professionale" e in grado di falsare le volontà del consumatore. Oltre alle sanzioni, l'Autorità ha vietato la diffusione e continuazione delle suddette pratiche, richiedendo agli operatori la comunicazione delle iniziative assunte per rispettare quanto stabilito entro i prossimi 60 giorni.

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
paolor_it23 Gennaio 2015, 09:17 #1
Era ora!
Pure a me è capitato che mi si attivasse uno di questi fantomatici servizi con addebito automatico assolutamente non richiesto.
Ad onor del vero devo dire che l'operatore (H3G) che ho contattato immediatamente me l'ha subito disattivato (certo che se un utente chiama dopo diversi giorni dall'attivazione la cosa un po' puzza).

Nonostante tutto quando vogliamo sappiamo ancora essere un paese civile.
keroro.9023 Gennaio 2015, 09:38 #2
Era ora.....
Cadaceus23 Gennaio 2015, 09:41 #3
Ok......ed il rimborso per i clienti truffati????
Gundam.7523 Gennaio 2015, 11:06 #4
Io sono un di quelli che ha avuto addebiti strani dalla 3. Solo dopo decine di fax, telefonate, moduli all'antitrust sono riuscito ad ottenere il rimborso di quanto addebitato.
La 3 inoltre non comunica quali sono i siti sotto copertura H3G che addebitano euro all'insaputa dell'utente.
Kyo7223 Gennaio 2015, 11:25 #5
A me Telecom attivo' un servizio per le telefonate intercontinentali (che ovviamente nessuno aveva richiesto). Attivate tutte le procedure, compresa la letterina all'Adiconsum (o al Codacons, non ricordo bene)...poco prima di andare li', loro si tirano indietro. Dopo qualche giorno arriva una lettera di scuse dicendo che c'e' stato un errore e hanno subito rimborsato i costi. Da allora non ci hanno piu' provato...stessa storia per farsi rimborsare i soldi del modem in comodato d'uso o il telefono a noleggio. Oggi non ci sono piu' problemi con Telecom. I problemi ci sono con Vodafone che continua a tempestarmi di chiamate ogni settimana (dal numero "000XXXXXXX" prontamente bloccato con blocca telefonate, ma ho dovuto spendere 70 euro per questo apparecchietto) e prima di Vodafone era Teletu. Insomma, tocca stare attentissimi...cercano apposta le persone anziane per truffarle nonostante che ora (in teoria...) i contratti a voce non dovrebbero valere nulla se non con la firma materiale sul foglio.
hrossi23 Gennaio 2015, 11:33 #6
Originariamente inviato da: Cadaceus
Ok......ed il rimborso per i clienti truffati????


Ma infatti, l'antitrust italiano è il classico organo amministrativo che è forte con i deboli e debole con i forti. Gli AD si stanno strappando i capelli dopo queste stangate.... sì ma dal ridere.
Invece di commisurare multe ridicole che hanno la valenza di un salvacondotto (ti ho beccato, paghi una multa allo Stato ma poi continua pure a fare quel che ti pare) che applichino oltre alla sanzione l'obbligo di restituzione ai clienti con tanto di interessi e la pubblicazione obbligatoria su quotidiano nazionale di scuse agli stessi. Non solo, alla terza sanzione per scorrettezza le multe decuplicano ad ogni ulteriore porcata. Poi vedi come le cose cambiano.

Hermes
Cloud7623 Gennaio 2015, 13:06 #7
Originariamente inviato da: hrossi
CUT


Completamente d'accordo, con un piccolo fix:
Prima scorrettezza: multa
Seconda scorrettezza: (allora non hai capito?) multa decuplicata
Terza scorrettezza: (vuol dire che allora sei recidivo e fraudolento) OK, CHIUDI.
E la cosa potremmo applicarla a molte altre realtà....
Catan23 Gennaio 2015, 13:08 #8
Stranamente sono stato vittima anche io da parte di 3 con questa storiella...quando ho chiamato imbufalito dallo scalo di un servizio non richiesto di 5€, mi hanno si detto che potevano "rimborsare" ma solo sotto forma di servizio diverso, quindi ho dovuto accettare un'altro servizio, della durata di 1 mese che devo ricordarmi io stesso di disabilitare prima del mese, se no si rinnoverà in automatico...davvero dei buffoni a volte...
Dj Antonino23 Gennaio 2015, 14:07 #9
Successo anche a me l'altro giorno, anche se per fortuna sono riuscito a disattivare il servizio prima che mi scalassero dei soldi dal credito; una volta segnalata la cosa a Vodafone devo dire che hanno subito provveduto ad attivare il barring sul mio numero; diciamo che sono disonesti perchè sanno benissimo del fenomeno, ma finchè il cliente non ci casca non fanno nulla per contrastarlo.
piererentolo23 Gennaio 2015, 14:40 #10
Originariamente inviato da: Cadaceus
Ok......ed il rimborso per i clienti truffati????

Io quando me ne sono accorto ho chiamato (TRE) e mi hanno rimborsato i 140€ presi in maniera truffaldina (ovvero guardando la bolletta parecchio tempo dopo).
Il telefono era di mia moglie e ricordo che davamo la colpa ai bambini, fino a quando non avevo il telefono in mano io e navigando tranquillamente mi sono ritrovato iscritto a Pari e Patta

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^