Tablet PC: le ripercussioni sul mercato di hard disk e display

Tablet PC: le ripercussioni sul mercato di hard disk e display

Con la diffusione dei tablet PC si abbasserà la domanda per gli hard disk tradizionali e verranno rivoluzionate le dinamiche nel settore dei display: il mercato sarà pronto?

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:33 nel canale TLC e Mobile
 

Come abbiamo avuto modo di notare più volte, e come confermato dalla recente edizione 2011 del CES di Las Vegas, il fenomeno Tablet PC è visto come il mezzo principale per percorrere il sentiero di uscita dalla crisi, in direzione di un mercato più virtuoso e capace di risollevarsi dopo l'infelice biennio trascorso.

L'elevato entusiasmo attorno ai sistemi Tablet potrebbe tuttavia andare ad innescare situazioni imprevedibili e di difficile gestione nel settore dei componenti, in particolar modo in quello dei display e degli hard disk. Riguardo a quest'ultimo ne avevamo già parlato qualche mese fa, delineando una preoccupazione espressa da un analista di Wedbush Securities e che viene ora ulteriormente confermata da un'altra società di analisi, The Information Network.

Il concetto è che i sistemi tablet, facendo uso di soluzioni di storage a stato solido (SSD), causeranno delle ripercussioni sulle vendite degli hard disk meccanici tradizionali. The Information Network stima, in particolare, che oltre 54 milioni di tablet saranno globalmente commercializzati nel corso del 2011, ciascuno dei quali farà affidamento su una unità SSD. Il mercato degli hard disk, proveniendo da un 2010 che ha assistito alla commercializzazione di 17 milioni di tablet, andrà incontro ad un 2011 che potrebbe rivelarsi piutosto difficile da digerire, specie per via della tendenza che molti consumatori seguiranno ad affiancare il proprio notebook ad un sistema tablet, rimandando così eventuali operazioni di sostituzione.

Sul mercato dei display la situazione è ancor più complessa, con i fornitori che si troveranno nella situazione di dover fronteggiare sia carenze, sia eccedenze di inventario. Su questo frangente è IHS iSuppli a tracciare i contorni del problema. La società di analisi stima un volume di tablet che nel 2011 raggiungerà i 57,6 milioni di unità (poco di più di quanto previsto da The Information Network): i produttori di sistemi tablet genereranno pertanto una domanda per display specifici che andrà ad affievolire fisiologicamente la domanda per display di formato dedicato a netbook e notebook.

Il mercato dei tablet è tuttavia un dominio ancora inesplorato, per il quale non esiste uno storico delle sue dinamiche e, pertanto, risulta difficile poter prevedere i reali volumi di vendita. In uno scenario di questo tipo i fornitori di display saranno costretti a fare una scommessa sulla propria capacità produttiva, adeguandosi alle proiezioni di vendita dei propri clienti che potrebbero anche rivelarsi irrealistiche. I sistemi tablet mettono in campo formati di pannello, dimensioni e specifiche differenti e per questo motivo i fornitori si troveranno facilmente nella situazione di non riuscire a soddisfare completamente gli ordinativi per i nuovi pannelli e, parallelamente, dover gestire le eccedenze dei pannelli tradizionali, magari con sconti importanti o, nel peggiore dei casi, con il loro smantellamento.

Secondo IHS iSuppli c'è comunque un aspetto positivo: anche sulla base di queste considerazioni il 2011 dovrebbe poter rappresentare un punto di rottura nella produzione dei display AMOLED (Active Matrix Organic LED) con consistenti investimenti per l'impiego di nuovi materiali e di adeguati processi produttivi. Samsung (attualmente il principale produttre di soluzioni AMOLED), LG e pochi altre realtà dovrebbero così poter aiutare a spingere con maggiore convinzione la diffusione dei pannelli AMOLED nei dispositivi mobile.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mirc14 Gennaio 2011, 19:29 #1
riporto da wiki senza far fatica
Se utilizzato con la maiuscola (Tablet PC), il termine è generalmente utilizzato per indicare i tablet PC che rispondono a particolari specifiche Microsoft e che permettono all'utente, grazie alle funzionalità integrate in diversi sistemi operativi Windows, l'utilizzo di inchiostro digitale e del riconoscimento della scrittura.


rispetto all'articolo, meglio cosi, si porterà ad un abbassamento dei prezzi degli ssd e magari ancora più ricerca su di essi...
djfix1315 Gennaio 2011, 22:20 #2
dire che perchè i tablet hanno su ssd gli HD tradizionali avranno una flessione è pura pazzia! al contrario i piccoli SSD dei tablet porteranno le persone a comprare nuovi HD esterni e magari dei NAS di rete! altro che flessione di vendite...

anche sui display ho molti dubbi su quanto affermato in quanto i tagli dei tablet tendono a ricoprire quelli dei netbook 7" e 10"...quali formati particolari???)...chiaro che non esisterà mai un tablet da 15" (anche se non si può mai dire) per ragioni di portabilità e quindi i display per notebook resteranno alla pari degli altri...

flessione delle vendite dei notebook? perchè ci si affianca un tablet? ma perchè mai uno che vuole più potenza dal suo notebook non dovrebbe cambiarlo? solo perchè ha preso un tablet e magari ARM con potenza = a 0 ??


mah...a volte mi chiedo se questi di iSuppli veramente li pagano per dire stupidate...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^