TIM prima al mondo a testare 'Full Duplex Relay' sulle reti LTE

TIM prima al mondo a testare 'Full Duplex Relay' sulle reti LTE

L'operatore italiano è fra i primi al mondo a testare la tecnologia Full Duplex Relay, indispensabile per l'implementazione delle future reti 5G

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale TLC e Mobile
TIM
 

L'Italia di certo non è nota per la velocità delle connessioni delle reti fisse. Fanalino di coda in Europa nelle statistiche su rete fissa, però, il Belpaese riesce a fronteggiare con le migliori per quanto riguarda la media delle connessioni in mobilità. Ed è proprio lì che stanno puntando i nostri operatori, con TIM che ha iniziato a sperimentare la tecnologia "Full Duplex Relay". L'obiettivo? Quello di preparare l'infrastruttura tecnica per la realizzazione delle future reti 5G.

Full Duplex Relay dovrebbe raddoppiare la capacità trasmissiva dell'attuale rete LTE e in futuro di quella 5G

Stando alle note rilasciate dalla società, Full Duplex Relay dovrebbe "raddoppiare la capacità trasmissiva dell'attuale rete LTE" e in futuro di quella 5G. La soluzione consente di far viaggiare in contemporanea le trasmissioni mobili sia in downlink che in uplink anche se di intensità diversa, caratteristica indispensabile per le reti del futuro. Full Duplex Relay può comunque essere applicata sulle attuali reti 4G per mezzo di small cell laddove non sono disponibili soluzioni di backhaul tradizionali.

I lavori di sperimentazione sono stati condotti presso il TILab di TIM che si trova nei pressi della città di Torino. Ha collaborato all'esperimento Kumu Networks, la compagnia statunitense che ha sviluppato la tecnologia con l'obiettivo di superare l'auto-interferenza del segnale mobile raddoppiando l'efficienza dello spettro radio. Si tratta di uno fra i sistemi più importanti e promettenti fra quelli che permetteranno di abilitare la rete 5G in tutto il mondo. Il suo debutto al grande pubblico, lo ricordiamo, è atteso non prima del prossimo 2020.

I requisiti imposti dalla Next Generation Mobile Networks Alliance per le reti mobile del futuro sono abbastanza promettenti, non tanto sul fronte delle velocità di comunicazione che possono comunque essere dell'ordine dei gigabit per secondo, quanto della capacità di interconnettere molti più dispositivi rispetto al 4G con un'unica antenna. Decine di migliaia di utenti possono ricevere un throughput di "molte decine di megabit al secondo", stando ai requisiti rilasciati, con un occhio di riguardo che viene dato anche alla crescente richiesta della "Internet of the Things". Anche capacità di copertura e latenze dovrebbero essere migliorate rispetto alle tecnologie odierne.

"Siamo molto orgogliosi di annunciare questo primo test 'live'. Ancora una volta, TIM dimostra la sua capacità e il suo impegno per contribuire all’innovazione a livello mondiale, confermando la sua leadership nelle attività di ricerca e sviluppo sull’ultrabroadband di nuova generazione", commenta così Gabriela Styf Sjoman, Responsabile Engineering & TILAB di TIM. "La tecnologia 5G è l'evoluzione fondamentale della rete verso Digital Services più avanzati, e il nostro impegno non è solamente definire gli standard, ma anche contribuire alla realizzazione di iniziative determinanti per creare un eco-sistema efficace per i Digital Services, che includa la rete, piattaforme aperte e servizi.  Torino apporta un fondamentale contributo alla ricerca di tale eco-sistema ed è ancora una volta capitale dell’innovazione grazie alla collaborazione con le Università e le più avanzate aziende del settore".

La prossima tappa importante per le reti LTE è pianificata per il 2020, data in cui il 5G darà la possibilità di introdurre nuovi servizi non solo "person to person", ma anche in grado di rispondere alle esigenze della tecnologia moderna, fatta di miliardi di dispositivi e sensori che avranno bisogno di internet per funzionare al massimo delle loro potenzialità.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo25 Gennaio 2016, 11:14 #1
E in occasione di questo, verrà fornito un piano dati di 100 mb al mese!

Oh, pare che vi siano delle scimmie urlatrici al comando !

Come se la Ferrari facesse un auto da 500 km/h ma con un serbatoio di 10 litri !

Daate modo a chi è diviso digitalmente (http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2733950)di avere una linea senza questi assurdi limiti di traffico !
Apix_102425 Gennaio 2016, 11:31 #2
si potranno mandare messaggi whatsapp a velocità di 0.5ms... mi raccomando solo testo però... 2gb al mese in 3g senza connessione a casa wifi sono praticamente un limite incredibile. già le offerte lte stanno molte volte pure più basse, a che pro? solo per dimostrare chi lo ha più lungo? o per infinocchiare l'utonto medio con piani telefonici con prestazioni da paura utilizzabili come una bomboletta del nos da 2 secondi?
Davis525 Gennaio 2016, 11:34 #3
2gb al mese, con alcune compagnie come la 3 che ti danno 250-500mb a settimana... se ti scappa un video in hd in una manciata di secondi ti sei fregato il piano dati settimanale!
Pero' e' bello fotterti il piano settimanale alla velocita' della luce!
Zenida25 Gennaio 2016, 20:51 #4
Se solo si impegnassero tanto anche sulle linee fisse.. a quest'ora dovremmo avere fibra un pò ovunque e parlare male quando abbiamo ancora una ADSL 20Mbit.... invece.

Poi nel mobile non è che siamo tanto forti se poi l'offerta commerciale è pessima. Magari a livello tecnico siamo paragonabili al resto d'europa, ma i piani Dati sono ridicoli (forse perchè sanno che avendo una rete fissa di merda, in molti si butterebbero, saturando, la linea mobile).

Invece così, continuiamo a pagare 45€ al mese per avere una flat 640Kbit

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^