Contrazione nelle vendite ITC in Italia, ma tengono bene i PC

Contrazione nelle vendite ITC in Italia, ma tengono bene i PC

I dati Sirmi evidenziano un mercato che è ancora in calo, ma con una contrazione inferiore allo scorso anno. Calano i tablet ma recuperano i PC in termini di numero di sistemi venduti

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 07:57 nel canale Mercato
 

Andamento di mercato in calo per il settore ITC in Italia, secondo i dati più recenti resi disponibili da Sirmi e riferiti al trimestre Luglio - Settembre 2014. D'altro canto il calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, pari al 2,9%, è inferiore a quanto registrato nello stesso periodo dello scorso anno quando la contrazione nelle vendite sull'anno precedente era stata pari al 5,3%.

Entrando nel dettaglio dei vari segmenti che compongono il mercato ICT in Italia evidenziamo come il settore della componentistica hardware abbia registrato un calo marginale, -0,5%, in controtendenza rispetto alla contrazione di quasi il 6% registrata 12 mesi prima. In calo il settore delle TLC Mobile ma anche in questo caso si nota un segnale di ripresa con un calo che è inferiore rispetto a quanto registrato lo scorso anno.

Molto interessante l'andamento delle vendite nel settore client, con una variazione positiva dell'8,1% in termini di numero di sistemi consegnati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Da evidenziare come il mercato dei desktop sia cresciuto del 40,5% e quello dei notebook del 19,4%, a bilanciare il calo nelle vendite di tablet con un -8,1%.

In termini numerici sono state consegnate nel periodo poco meno di 320.000 sistemi desktop (93.000 circa consumer e 227.000 professionali) e poco più di 740.000 soluzioni notebook (416.000 consumer e 326.000 professionali), contro un numero di tablet pari a 837.100 (727.000 circa consumer e 110.000 professionali). Dati positivi anche per le workstation e per i thin client, pur con volumi complessivi che sommati assieme raggiungono le 16.000 unità. In totale il mercato dei PC client, che comprende desktop, tablet e notebook, ha totalizzato vendite di 1.916.000 pezzi nel corso del terzo trimestre 2014.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gylgalad07 Novembre 2014, 08:57 #1
effetto pensionamento xp imo
ComputArte07 Novembre 2014, 19:34 #2

L'iceberg delle notizie...

Il fenomeno è perfettamente inquadrabile nella dinamica di mercato, ma...non fine a se stessa, come dipinta dai guru delle statistiche ( dalla miopia pilotata dalle marchette commerciali )...ma, dicevo, legata alle vere esigenze degli utenti.
Supponiamo per un attimo che, prima dell'avvento degli smartphone e tablet, non esisteva il computing COMODO, in mobilità....
supponiamo che i primi veri elaboratori portatili , e NON trasportabili, siano stati i NETBOOK....
supponiamo che la miniaturizzazione abbia permesso l'integrazione di potenza computazionale in strumenti tascabili come i telefonini intelligenti....
supponiamo che la domanda di sostituzione da computer CLASSICI a Tablet e smartphone e phablet sia generata dall'esigenza di avere potenza computazionale in mobilità, senza colli di bottiglia per un uso LEGGERO...
Ora fatte tutte queste ipotesi , rimane un fatto: la produzione di contenuti complessi e la fruizione di contentui complessi DEVE avvenire in condizioni ideali, alla mancanza delle quali, scade immensamente la qualità ed il tempo che l'utente dedica, con conseguenze dirette sulla produttività e sul piacere della fruizione...
E stiamo parlando di : comodità, silenzio, temperatura, privacy(!!!), luminosità...in altre parole una postazione FISSA.
Quindi , sgonfiato il volume di mercato di chi non riusciva a trovare il prodotto adatto e si ccontetava di un pc fisso, al raggiungimento della soddisfazione del bisongo tramite uno strumento più adatto ( tablet ) si ritorna alle esigenze BASICHE e insopprimibili....e se mi è concesso, aggiungerei....alla faccia di chi ha dato e continua a dare per spacciato il pc fisso e classico.
PS. ....a maggior ragione alla luce del fatto che la gente si sta SVGLIANDO e sta iniziando a capire che tutto ciò che gira su piattafomre ingegnerizzate per hw mobile, ha la logica del cloud= FURTO DATI E AZZERAMENTO PRIVACY...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^