HTC taglia un quarto dei lavoratori: 1500 dipendenti alla porta

HTC taglia un quarto dei lavoratori: 1500 dipendenti alla porta

HTC si trova sempre più in crisi e si vede costretta a tagliare ulteriormente la propria forza lavoro: ben 1500 dipendenti dovranno dire addio all'azienda entro settembre, in una spirale negativa che non sembra conoscere fine

di pubblicata il , alle 08:11 nel canale Mercato
HTC
 

HTC ha annunciato il licenziamento di un quarto della sua forza lavoro: l'azienda taiwanese si appresta infatti a terminare il rapporto di lavoro con 1.500 dipendenti, portando il totale a meno di 5.000 dagli attuali 6.450.

Per avere un metro di paragone, nel 2013 l'azienda aveva 19.000 dipendenti. Solo tre anni dopo, nel 2016, HTC aveva ridotto la sua forza lavoro a 14.000 dipendenti. Molti altri hanno lasciato l'azienda nel frattempo e lo scorso anno 2.000 ingegneri sono passati in Google con un accordo del valore di 1,1 miliardi tra le due aziende.

Il problema di HTC sta nelle scarse vendite nel settore telefonia: Nokia, ovvero HMD Global, ha totalizzato vendite maggiori pur essendo appena arrivata sul mercato. Dopo un breve periodo in cui l'azienda ha dominato le classifiche di vendita, Samsung ha preso il controllo del mercato e Huawei ha occupato lo spazio rimanente. HTC non è riuscita a rimanere competitiva, grazie a scelte poco fortunate, e ha perso quote di mercato fino a ridursi a numeri estremamente ridotti.

L'azienda taiwanese non è l'unica a faticare: anche LG e Sony, marchi storici nel mondo della telefonia, non vedono grandi numeri nelle vendite di smartphone Android e sono ridotte di fatto a un ruolo marginale.

HTC sembra però soffrire maggiormente questa crisi: l'azienda ha visto un crollo degli utili del 50% rispetto allo scorso anno, assieme a perdite operative ingenti. Tagliare ulteriormente la forza lavoro può portare un momentaneo sollievo all'azienda, ma il suo futuro non appare comunque roseo - tutt'altro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CYRANO03 Luglio 2018, 08:13 #1
RIP HTC



Csòsòsòlmsòlmòlmsòlms
marco.magnaterra03 Luglio 2018, 10:00 #2
Doveva smettere di fare smartphone ai tempi di HTC M7, rilasciato con una telecamera che faceva foto inesorabilmente viola, problema a cui non esisteva una soluzione, inaccettabile su un telefono da 599€. Poi con HTC M8 con quelle merdose fotocamere, poi con HTC M9 che scaldava come un fornello e gli si tappavano di polvere gli altoparlanti audio che quindi perdevano il 50% del loro volume, più tutti gli altri problemi che non ricordo, poi con HTC 10, con HTC 11. E' 7 anni che HTC doveva essere bella che chiusa.
porradeiro03 Luglio 2018, 10:30 #3
voglio ricordare HTC ai tempo del desire HD... ultimo android che mi ha regalato soddisfazione. Materiali premium, ottima personalizzazione android e audio incredibile. Doveva continuare a mantenere quell'alone business....
elgabro.03 Luglio 2018, 10:41 #4
non si po' pretendere di non investire in pubblicità è vendere, la pubblicità è l'anima del commercio ed è fondamentale per vendere, puoi costruire il miglior smartphone del mondo ma se la gente non lo conosce non te lo comprerà mai, sopratutto in un mercato così spietato come quello del mondo mobile.

La Samsung in ogni centro commerciale ha il suo bel tavolino con tutti i suoi prodotti, e HTC?

Se non sanno stare sul mercato è giusto che chiudano.
Maxt7503 Luglio 2018, 11:36 #5
C'è un surplus di offerta. Ci sono 2 marchi che hanno cannibalizzato il settore. A questo unisci il fatto che le persone sono metodiche e poco propense a "provare". Se a tutto questo unisci il fatto di non farti pubblicità...la fossa è li.
Dumah Brazorf03 Luglio 2018, 11:48 #6
E i marchi cinesi in avanzata. Xiaomi è un rullo compressore al momento.
san80d03 Luglio 2018, 11:56 #7
incredibile come un'azienda possa "fallire" perché incapace di fare marketing ... ormai la sostanza non conta più nulla, e' tutta una questione di sapersi vendere
supertigrotto03 Luglio 2018, 12:19 #8

Te credo!

HTC ai tempi di Windows mobile era la marca inarrivabile per la concorrenza.Fara la fine di Sega con il Dreamcast,schiacciata da Sony che oltre al marketing faceva pubblicità sleale (ricordo articoli che parlavano di PlayStation 2 e di Dreamcast "Microsoft" e i vari articoli che erano scritti in collaborazione con Sony Italia,quindi pubblicità ingannevole).
Purtroppo se non manipoli le masse muori.
PS :avete letto bene,i giornalisti su donna moderna,men healt e falegname pratico scrivevano Dreamcast Microsoft,e consigliavano alle mogli o fidanzate di comprare PlayStation.

manga8103 Luglio 2018, 20:53 #9
Con HTC 11 si è rilanciata per me. Ovvio la concorrenza è tanta
recoil04 Luglio 2018, 09:20 #10
Originariamente inviato da: elgabro.
non si po' pretendere di non investire in pubblicità è vendere, la pubblicità è l'anima del commercio ed è fondamentale per vendere, puoi costruire il miglior smartphone del mondo ma se la gente non lo conosce non te lo comprerà mai, sopratutto in un mercato così spietato come quello del mondo mobile.

La Samsung in ogni centro commerciale ha il suo bel tavolino con tutti i suoi prodotti, e HTC?

Se non sanno stare sul mercato è giusto che chiudano.


sempre sostenuto che la presenza nelle grandi catene è fondamentale
Samsung lo ha fatto subito e ora Huawei la affianca
l'acquirente medio chiede all'amico/nipote/cugino un consiglio per l'acquisto o meglio ancora va al mediaworld vede i prodotti esposti e si fa convincere prendendo un Samsung o uno Huawei
HTC effettivamente è sempre stata poco conosciuta e la gente storicamente compra un marchio che conosce

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^